New York City. Arte moderna e contemporanea a New York

Collezionismo e musei a New York

Scultura di Jean Dubuffet presso la Chase Manhattan Bank, New York

Scultura di Jean Dubuffet presso la Chase Manhattan Bank, New York

Una scena artistica vivace e attiva come quella di New York non potrebbe esistere se non fosse sorretta da altri due ingredienti:
1)  i compratori di arte,
2)  il supporto delle grandi istituzioni pubbliche.
Inutile dire che New York abbonda di entrambi.

È dall'inizio del '900 che New York è stata la casa di molte delle maggiori collezioni di arte moderna del mondo. Basta pensare a personaggi come John Quinn, Katherine Dreyer, Lillie Bliss, i Guggenheim, i Rockefeller.
Da allora il fenomeno non ha conosciuto soste. Si è dilatato e ramificato a tal punto da interessare uno spettro molto ampio di categorie sociali.
Senza retorica, collezionare arte contemporanea a New York, da privilegio per pochi, si è tramutato in esigenza per tanti: esigenza personale, esigenza di immagine, "status simbol", opportunità di investimento. Vale la pena ricordare come proprio qui il fenomenon delle "corporate collections" (collezioni d'arte aziendali) nel corso degli anni '80 abbia avuto il suo massimo sviluppo.

Oltre al successo delle gallerie private, il riflesso più importante dell'attitudine newyorkese al collezionismo d'arte è dato dalla potenza dei suoi famosi musei d'arte moderna e contemporanea.
Come si sa, la grande maggioranza dei musei americani sono privati (istituzioni private senza scopo di lucro), e a questo modello non fanno deroga neppure quelli newyorkesi. L'attività e l'ampliamento delle collezioni permanenti di queste istituzioni si basa in larga parte sui contributi dei privati e degli sponsors, e sulle donazioni di opere da parte di collezionisti privati.

Nel campo dell'arte moderna e contemporanea New York può vantare il "number one" assoluto: il Museum of Modern Art (MoMA). Ma non basta. Altri tre figurano tra i grandi più musei del mondo: il Metropolitan Museum of Art, il Solomon R. Guggenheim Museum ed il Whitney Museum of American Art, specializzato in arte americana.
Ad essi bisogna aggiungere l'infinita schiera di musei, centri espositivi, fondazioni sparse soprattutto nella metà Sud di Manhattan, ma anche in altre aree: Harlem, Bronx, Brooklyn, Queens. Per visitarli tutto non basterebbero due settimane!