Germania: musei in Germania

Introduzione sui musei della Germania:
musei d'arte moderna e contemporanea

Il bellissimo edificio della Neue Nationalgalerie di Berlino, progettato da Ludwig Mies van der Rohe

Il bellissimo edificio della Neue Nationalgalerie di Berlino, progettato da Ludwig Mies van der Rohe

I musei tedeschi sono per la maggior parte pubblici, dipendono cioé dallo stato o dalle amministrazioni locali. Solo in minima parte sono totalmente privati, e in questi casi sono quasi sempre dedicati all'arte moderna e contemporanea.
Lo stato tedesco è organizzato in forma federale e gli enti locali godono di grande potere. Per questo, i musei tedeschi sono ripartibili in tre categorie principali sulla base dell'organismo amministrativo da cui dipendono: stato federale, Länder, città.

A) Musei statali

Pochi musei, limitati a Berlino e Bonn, sono statali. Dipendono direttamente dal governo federale.
Il caso più importante è costituito dal complesso di musei berlinesi derivati dalle collezioni dell'ex stato prussiano, oggi organizzati sotto forma di fondazione gestita dallo stato: Staatliche Museen zu Berlin Stiftung Preussischer Kulturbesitz.

B) Musei regionali

Più consistente è il numero dei musei che dipendono dai Länder. Generalmente vengono denominati Landesmuseum.
Sono spesso dislocati nella capitale regionale, ma non sempre. Alcuni, infatti, derivando dalla nazionalizzazione ottocentesca di collezioni d'arte appartenenute al potente signore locale, si trovano oggi negli stessi centri delle corti di un tempo. Non essendo automatica la loro coincidenza con le capitali odierne, i musei finiscono perciò per trovarsi in città minori: come ad es. Braunschweig, Darmstadt, Karlsruhe e Kassel. Quasi mai le collezioni dei musei di derivazione nobiliare sono rimaste allo stato originario. Con l'andar del tempo infatti all'arte antica hanno finito per affiancarsi anche opere d'arte moderna.
Musei appositi dedicati all'arte recente sono stati istituiti in alcuni Länder particolarmente ricchi, come la Nordrhein-Westfalen e la Baviera.
I più noti sono la Kunstsammlung Nordrhein-Westfalen di Düsseldorf, il museo d'arte moderna più bello di tutta la Germania, e la Pinakothek der Moderne di Monaco.

C) Musei municipali

La torre cuspidale dello Städtisches Museum Abteiberg di Mönchengladbach

La torre cuspidale dello Städtisches Museum Abteiberg di Mönchengladbach

Sterminato è il numero dei musei appartenenti alle singole città, e dipendenti dalle amministrazioni comunali.
In alcuni casi recano la denominazione generica di Kunstmuseum. In altri, il nome lascia chiaramente intendere la natura cittadina dell'istituzione: Städtisches Museum, o Städtische Galerie.
Proprio in questa categoria rientrano i casi più interessanti di musei specializzati nell'arte moderna e contemporanea. Tra questi: il Museum Ludwig di Colonia, il Museum Folkwang di Essen, lo Sprengel Museum di Hannover, il Wilhelm-Lehmbruck-Museum di Duisburg e il Museum für Moderne Kunst di Francoforte.
Per spiegare questa particolarità bisogna rifarsi alla difficoltosa rinascita delle città tedesche nel dopoguerra. La scarsità di risorse a disposizione, infatti, orientava la politica di acquisizione delle amministrazioni verso ciò che in quel momento era moralmente più importante e nel contempo più facilmente reperibile e abbordabile. In pratica l'arte moderna e contemporanea. Era quella che costava di meno.

A dispetto della rigida classificazione sopraesposta, va notato che il potenziamento delle istituzioni artistiche di alcune città ha tratto vantaggio anche dal sostegno dei rispettivi Länder. Sostegno a volte sostanzioso, che in alcuni casi ha reso possibile acquisti onerosi, in altri la costruzione di sedi museali oramai leggendarie. Sono moltissime le opere entrate nei musei grazie ai proventi del Totocalcio e delle estrazioni del lotto, gestiti direttamente dai Länder...

Sul piano organizzativo i musei pubblici tedeschi sono guidati da un direttore, esponente del mondo scientifico, scelto dall'organismo amministrativo da cui il museo dipende. Legato da un contratto a termine rinnovabile, è affiancato da un responsabile amministrativo e da uno staff di aiuti-curatori, che si incaricano dell'organizzazione delle mostre, della predisposizione di servizi al visitatore, e dell'attività didattico-pedagogica, che in Germania gode di un'importanza essenziale. Il budget economico viene fissato annualmente dall'amministrazione pubblica, sulla base delle richieste avanzate dalla direzione. Il fondo deve servire alla gestione ordinaria, agli acquisti e all'attività espositiva, ma può essere integrato dal contributo di fondazioni, donatori e sponsors privati. In pratica, l'equilibrio tra queste sorgenti economiche oscilla in rapporto alla particolare congiuntura economica in atto nella regione, o nel paese nel suo complesso. Della crisi finanziaria di questi anni, ad esempio, ne hanno fatto le spese molti musei cresciuti in maniera esplosiva negli anni '80, come lo Städtisches Museum Abteiberg di Mönchengladbach e il famoso Museum für Moderne Kunst di Francoforte.

Links ad altre pagine di Artdreamguide correlate