Germania

Introduzione sulla Germania:
dalle macerie alla Documenta

Documenta del 1955, sala del Fridericianum di Kassel

Documenta del 1955,
sala del Fridericianum di Kassel

Pensando alle macerie, alla fame e alla disperazione, può sembrare assurdo e inconcepibile l'impegno dedicato dalle autorità locali e dagli Alleati alla ricostituzione del tessuto culturale e intellettuale tedesco. In realtà questo contribuì in maniera decisiva a restituire al popolo tedesco un senso di identità e di dignità indispensabile per scacciare i fantasmi del nazismo e consentirgli di risollevarsi.
A partire già dal 1945 vennero organizzate mostre d'arte, riconducibili a tre filoni:
1)  riscatto della grande arte tedesca di inizio secolo, dannata e bandita sotto il nazismo
2)  proposta delle nuove tendenze internazionali dell'arte, specialmente francesi e americane
3)  valorizzazione delle nuove energie intellettuali e artistiche tedesche.

Al primo di questi obiettivi si uniformò la Documenta del 1955.
La fondamentale mostra, sotto la regia di Arnold Bode, schierò negli spazi disadorni del Fridericianum di Kassel i grandi nomi dell'arte tedesca del primo '900 a fianco dei loro colleghi europei. Il pubblico avvertì l'evento come qualcosa di altissimo significato culturale e morale.
Per questo venne riproposto nel 1959. Questa volta si rivolse però alla produzione artistica tedesca e internazionale del dopoguerra.
Da allora, la Documenta ha riaperto i battenti quasi ogni cinque anni, ogni volta rinnovata e ingigantita. L'ultima edizione ha avuto luogo nel 2002.
Sotto la guida di comitati scientifici sempre differenti, le varie edizioni di Documenta hanno interpretato la scena artistica internazionale del momento, cercando di individuarvi le tendenze trainanti e più vitali. Se, a quasi 50 anni dal suo esordio, quello che Arnold Bode chiamò "il museo dei cento giorni" viene considerato l'appuntamento espositivo mondiale più qualificato, di fatto la Documenta ha scandito non solo l'evolversi dell'arte ma, in generale, lo scorrere del tempo e delle idee.

Links ad altre pagine di Artdreamguide correlate