News: notizie di arte moderna e contemporanea

News del 2008:  avvenimenti principali

  • Luca Massimo Barbero diventa grande, anzi MACRO

    Anche al MACRO, il Museo d'Arte Contemporanea di Roma, che dovrebbe presto essere trasformato in fondazione, è previsto un cambio al vertice. A dirigerlo ci penserà infatti, il curatore Luca Massimo Barbero, che da anni collabora con la Collezione Peggy Guggenheim di Venezia e ha appena allestito una bella mostra sugli espressionistri astratti allo Spazio espositivo Arca di Vercelli, la città piemontese, che, nel 2007, ha stretto un accordo di collaborazione triennale con la Solomon R. Guggenheim Foundation di New York.

  • Natale porta l'arte in città

    Per rendere più piacevoli le festività natalizie, le città italiane fanno a gara nell'organizzare cose nuove e originali, ma ci sono anche delle consuetudini da rispettare. Torino, per esempio, è famosa per le "Luci d'artista", che, nei mesi invernali, animano le strade del centro e della periferia, Napoli, invece, per l'appuntamento con l'arte in Piazza del Plebiscito. Sono anni, infatti, e precisamente dal 1995, che questo spazio pubblico, situato nel cuore della città partenopea, ospita le installazioni di artisti di fama internazionale. Nel 2008 è stata la volta di Pistoletto, ora questo onore spetta a Jan Fabre, che ha realizzato cinque grandi statue in bronzo, che hanno le sue fattezze e compiono gesti assurdi, come scrivere sull'acqua o piangere e ridere al tempo stesso. Richiamano alla mente la realtà degli artisti di strada, ma anche il carattere dei napoletani, che, da sempre, hanno la teatralità nel sangue.

  • Trento: la Galleria Civica diventa fondazione

    Con l'inizio del 2009, la Galleria Civica d'Arte Contemporanea di Trento, creata nel 1989, sarà trasformata in fondazione di partecipazione pubblica e privata e, di conseguenza, cesserà anche la direzione artistica di Fabio Cavallucci, in carica dal 2001. Nonostante gli appelli lanciati da artisti, curatori, critici e riviste, "Flash Art" in testa, che hanno dimostrato grande apprezzamento per il suo lavoro e avrebbero voluto per lui un incarico all'interno della nuova istituzione, Cavallucci ha deciso, infatti, di lasciar perdere. A presiedere la Fondazione sarà Danilo Eccher, che ha già diretto il museo trentino dal 1989 al 1996 prima di passare alla Galleria d'Arte Moderna di Bologna e al MACRO di Roma.

  • Anno nuovo, vita nuova

    Ida Gianelli, che per 18 anni ha diretto il Castello di Rivoli, uno dei più importanti musei d'arte contemporanea italiani, è stata nominata presidente del Palaexpo di Roma, l'azienda speciale che gestisce il Palazzo delle Esposizioni e le Scuderie del Quirinale. Il suo posto sarà preso, ma solo per pochi mesi, da Carolyn Christov-Bakargiev, che da anni cura le mostre del Castello di Rivoli e, nel 2012, dovrà occuparsi di Documenta 13. Per sapere chi sarà il nuovo direttore si dovrà aspettare l'autunno 2009 quando si riunirà il prossimo Consiglio di amministrazione. Cominciano comunque a girare alcune voci. C'è chi parla di Daniel Birnbaum, chi di Andrea Bellini...

  • Riapre la "Casa del Mago"

    Il 17 gennaio prossimo verrà riaperta al pubblico la Casa d'Arte Futurista di Fortunato Depero, uno dei più importanti centri espositivi di Rovereto, che è rimasto chiuso diversi anni per ristrutturazione. Si potranno così rivedere i 3000 oggetti che l'artista ha lasciato alla città dove ha vissuto buona parte della sua vita...

  • dettagli
  • Adempimenti fiscali per le imprese che, nel 2008, hanno erogato fondi destinati ai beni culturali e allo spettacolo

    Il 31 gennaio 2009 è l'ultimo giorno che le imprese (individuali e non) hanno a disposizione per comunicare al Ministero per i Beni e le Attività Culturali (Direzione generale per il bilancio e la programmazione economica, la promozione, la qualità e la standardizzazione delle procedure- Servizio II – Via del Collegio Romano, 27 - 00186 Roma) e, per via telematica, al Sistema informativo dell'Agenzia delle entrate del Ministero dell'Economia e delle Finanze, le erogazioni effettuate nel 2008 per favorire la realizzazione di iniziative culturali ex art. 38 della Legge 342/2000 e successivi decreti ministeriali. Nella comunicazione devono essere indicati i fondi messi a disposizione, le proprie generalità, comprensive dei dati fiscali, i soggetti che hanno beneficiato delle elargizioni. Una dichiarazione analoga deve essere effettuata anche dai beneficiari delle erogazioni, che, oltre a segnalare le proprie generalità e le somme ricevute, devono indicare anche le finalità o attività per le quali hanno ottenuto i fondi ovvero la loro corrispondenza alle attività istituzionali allegando copia dell'atto costitutivo o dello Statuto. Maggiori informazioni e i moduli si possono trovare sul sito del Ministero per i Beni e le Attività culturali.

  • "Un giorno all'anno tutto l'anno", questo lo slogan con cui il MiBAC partecipa alla giornata ONU per i diritti dei disabili

    Per sensibilizzare l'opinione pubblica sui problemi dei disabili e delle loro famiglie, l'ONU ha stabilito che il 3 dicembre si celebrerà la "Giornata Internazionale dei diritti delle persone con disabilità". Tra coloro che hanno deciso di aderire a questa iniziativa c'è anche il Ministero per i Beni e le Attività Culturali...

  • dettagli
  • Moratti, Bondi e La Russa presentano il "Patto per Milano"

    Il 24 novembre scorso, nelle Sale Napoleoniche della Pinacoteca di Brera, il sindaco Moratti e i ministri Bondi e La Russa hanno presentato il progetto di valorizzazione e promozione del capoluogo lombardo come città d'arte e cultura, che vede impegnati il Comune e il Ministero dei Beni Culturali. Del pacchetto fanno parte diverse iniziative che riguardano il restauro di alcuni luoghi simbolo di Milano (Castello Sforzesco, Palazzo Litta, Palazzo di Giustizia, Museo della Scienza e della Tecnica) e soprattutto l'ampliamento della Pinacoteca di Brera. Il museo, che l'anno prossimo festeggerà il bicentenario, incorporerà, infatti, sia gli spazi occupati dall'Accademia, sia quelli di Palazzo Citterio, dove troveranno posto gli uffici, le raccolte del '900 e, forse, anche parte della collezione Terruzzi. La decisione di spostare l'Accademia nella Caserma di Via Mascheroni e dare il via alla "Grande Brera" non ha trovato d'accordo gli studenti, che, non avendo avuto accesso alla conferenza, hanno deciso trattenere i relatori bloccando il portone. Mentre i giovani gridavano "non uscirete di qui se non ci farete rientrare" e "i soldi per la scuola vanno trovati limitando le spese militari" il sindaco e i ministri se ne sono andati dal retro lasciando sul posto la polizia.

  • La crisi dei musei, soluzioni e problemi

    Un tempo i media parlavano molto poco dei musei, ora non passa giorno senza che i giornali si interessino di queste istituzioni, che stanno subendo gli effetti di una grave crisi economica ma soprattutto di identità. Quelle che un tempo erano considerate alla stregua di "cattedrali laiche", degne di venerazione e rispetto, da qualche anno si trovano, infatti, a fare i conti con una straripante offerta culturale, che sembra incontrare maggiormente i favori del pubblico, più interessato al divertimento o all'evento speciale che alla qualità delle proposte...

  • dettagli
  • A Milano si parla di turismo e cultura

    Il 28 novembre prossimo, alle 14:00, si terrà a Milano, nelle Sala degli Affreschi di Palazzo Isimbardi (Via Vivaio 1), la III edizione del "Touristech Summit", una manifestazione internazionale rivolta a chi opera nel settore del turismo e della cultura. La giornata sarà articolata intorno a diversi momenti di confronto e dibattito, durante i quali alcuni relatori di profilo internazionale cercheranno di descrivere i trend in atto, gli scenari evolutivi, i settori emergenti e le novità. Ampio risalto verrà dato all'analisi delle tecnologie multimediali applicabili all'ospitalità e all'intrattenimento culturale. Per avere maggiori informazioni sull'iniziativa, si può guardare il sito www.touristech.com.

  • La Fondazione Balzan premia l'impegno di Maurizio Calvesi

    Lo storico e critico dell'arte Maurizio Calvesi, allievo di Balla e Argan, è il primo italiano che è riuscito ad aggiudicarsi il Premio Balzan per le Arti. Lo studioso, che oggi ricopre la carica di presidente della Fondazione Palazzo Albizzini, Collezione Burri di Città di Castello (PG) e che, nel corso della sua carriera, si è occupato di arte antica, moderna e contemporanea e ha curato per ben due volte la Biennale di Venezia (1984 e 1986), ha dedicato questo successo alla moglie Augusta Monferrini, che è stata direttrice della Galleria Nazionale d'Arte Moderna di Roma.

  • Professionisti e appassionati di fotografia si danno appuntamento da Forma

    Dal 27 al 30 novembre 2008 si terrà a Milano la seconda edizione di "Fotografica", la Settimana Canon della Fotografia, un'iniziativa molto interessante, che l'anno passato ha avuto un grande riscontro di pubblico. Ospitata presso Forma, il Centro Internazionale di Fotografia di Piazza Tito Lucrezio Caro 1, si propone di favorire l'incontro e il confronto tra quanti si dedicano a questa affascinante attività. Il programma, davvero vastissimo, prevede tavole rotonde, seminari, workshop, incontri con gli autori, letture portfolio, mostre, presentazione di prodotti innovativi e di qualità. Per maggiori informazioni sull'iniziativa, che è gratuita, si può guardare il sito Fotografica 08.

  • Un'impresa senz'arte è un'impresa di bruti. Questo, in sostanza, il tema dell'Art For Business Forum di Milano

    Una volta si guardavano in cagnesco, poi hanno cominciato ad annusarsi. Ora il mondo dell'arte e quello delle aziende vanno a braccetto. Per arrivare a questo risultato c'è voluto tanto tempo, ma anche un cambio di mentalità. Un convegno aperto a Milano dal 13 al 15 novembre 2008 racconterà la storia e l'evoluzione di questo sodalizio virtuoso...

  • dettagli
  • Musei italiani a confronto

    Il 10 e l'11 novembre prossimi si terrà a Milano, presso il Palazzo delle Stelline (Corso Magenta 61), "Museitalia", il primo Forum Nazionale di museografia e museotecnica, che si propone di far incontrare gli operatori del settore e le aziende che si muovono nello stesso ambito. L'iniziativa sarà affiancata, il 10 novembre alle ore 9, dalla IV Conferenza Nazionale dei Musei d'Italia, organizzata da ICOM Italia in collaborazione con la Conferenza permanente delle Associazioni museali italiane, Regione Lombardia e Fondazione Stelline. Il tema prescelto per il convegno è "La formazione e l'aggiornamento professionale per il personale dei musei". Il momento di confronto e dibattito sarà accompagnato, il giorno successivo, da una serie di seminari a numero chiuso, volti ad approfondire argomenti di grande interesse come l'allestimento di mostre, la didattica museale e l'educazione interculturale, i servizi al pubblico, l'uso del Web ecc. Per maggiori informazioni sui programmi e gli eventi correlati, si può guardare il sito www.museitalia.it.

  • La Bocconi inaugura il nuovo edificio, uno spazio aperto alle idee e alla città

    Sabato 1 novembre, dalle 9:30 alle 18, sarà possibile visitare la nuova sede dell'Università Bocconi di Milano, che si trova all'angolo tra Viale Bligny e Via Röntgen 1. Il palazzo, che ha appena vinto il titolo di "Building of the Year" al World Architecture Festival di Barcellona ed è costato 100 milioni di euro, è stato progettato da Yvonne Farrell e Shelley McNamara dello studio Grafton Architects di Dublino. Realizzato in pietra, vetro e cemento, può contare su una superficie di 38 mila metri quadrati, ma non è destinato ad accogliere gli studenti. Al posto delle aule ci saranno infatti spazi per uffici, studi per i professori, sale per riunioni e congressi e un foyer dedicato alle mostre d'arte contemporanea. Lo scopo dell'edificio, ribadito simbolicamente dalla grande vetrata dell'Aula Magna, è, infatti, quello di aprirsi alla città e al mondo, condividere idee ed esperienze. Per informazioni sulle visite, che partono da Via Sarfatti 25, si può chiamare il numero 02-48013121.

  • La responsabilità sociale passa anche attraverso la cultura

    UndoNet e la società di management museale e progettazione culturale Monti&Taft hanno dato vita a un nuovo progetto, che si propone di mettere in contatto le aziende e il mondo dell'arte e della cultura partendo dal concetto della responsabilità sociale di impresa. È stato ampiamente dimostrato, infatti, che un comportamento etico, basato sulla fiducia, sulla qualità dei prodotti e sull'attenzione al territorio, è quello che alla fine paga di più perché facilita i rapporti con i clienti, con i dipendenti, con i fornitori e con le comunità locali. Tra le attività che hanno una forte ricaduta sul piano sociale rientrano sicuramente anche i progetti artistico-culturali, ma spesso le aziende e gli enti che si muovono in questo settore hanno difficoltà a incontrarsi e a mettersi d'accordo. Il sito Culture in Social Responsibility spiega cosa fare per risolvere questi problemi presentando esempi virtuosi e possibili interventi. Gli operatori culturali possono, infatti, segnalare sul Web i progetti che realizzerebbero se avessero i fondi.

  • In rete per contare di più

    Le principali Case Museo di Milano - Museo Bagatti Valsecchi, Casa Museo Boschi Di Stefano, Villa Necchi Campiglio, Museo Poldi Pezzoli - hanno dato vita a un circuito comune per promuovere le loro collezioni e le loro attività a un pubblico più vasto. Per favorire i visitatori è stata creata anche una card, valida 6 mesi, che consente l'ingresso in ognuno di questi enti a un prezzo di favore. Per conoscere i programmi e la storia di questi spazi, che hanno avuto, e hanno ancora, grande importanza per la vita culturale di Milano, si può guardare il sito www.casemuseomilano.it.

  • Non importa se bene o male, l'importante è che si parli di arte contemporanea

    Il 2 novembre prossimo cominceranno, su RaiTre, le nuove puntate di una delle più interessanti serie televisive dedicate all'arte. Parliamo ovviamente di "Passepartout", che, sotto la guida di Philippe Daverio, invita a conoscere e apprezzare artisti, musei, mostre e città d'arte. Il primo appuntamento sarà dedicato a Manifesta e al Museion di Bolzano, che, la scorsa estate, hanno offerto più di uno spunto per dibattiti e articoli di giornale. Il titolo, volutamente provocatorio, sarà "Processo all'arte contemporanea". Il Trentino Alto Adige e le sue scelte in campo artistico saranno, infatti, il punto di partenza per una riflessione più ampia, che coinvolgerà tutto il sistema dell'arte contemporanea. Un settore che lo stesso Ministro della Cultura, Sandro Bondi, ha detto di far fatica a comprendere. Il fatto che se ne parli in TV è molto importante. Non perdiamo questa puntata!

  • I soldi non sono tutto, ma a volte sono necessari

    Basta guardare i giornali per capire che la crisi economica sta diventando ogni giorno più grave. La situazione, drammatica di per sé, si ripercuote ovviamente anche in campo culturale. È in questo settore, infatti, che i governi generalmente operano i primi tagli...

  • dettagli
  • Un bambino che corre è un bambino felice

    Fabio Beretta non è un fotografo professionista, ma questo non ha nessuna importanza dato che le sue immagini, fresche, spontanee, ricche di umanità, dimostrano una sensibilità fuori dal comune e vanno dritte al cuore. Da qualche anno lavora per CBM, un'organizzazione internazionale senza scopo di lucro, la cui finalità è quella di attuare progetti di prevenzione e cura della cecità e di altre forme di disabilità nei paesi in via di sviluppo. Tra i suoi programmi rientra anche la realizzazione e gestione di ospedali e centri di riabilitazione, che offrono aiuto e speranza ai bambini che hanno problemi visivi e ortopedici. Alcuni di questi spazi si trovano in Uganda e Fabio li ha visitati. Quello che ha visto lo ha toccato così profondamente che ha deciso di pubblicare un libro fotografico per far rivivere, attraverso le immagini, le emozioni che ha provato. Ora questo volume, intitolato Asante sana! (Grazie mille!), è pronto e si può comprare sul sito www.blurb.com. I 10 Euro che l'autore riceverà per ogni copia venduta serviranno per finanziare il progetto di Katalewma, un centro di riabilitazione ortopedica di Kampala, dove i bambini operati possono guarire e studiare.

  • L'arte contemporanea vi incuriosisce? Non perdete questa occasione!

    Il 4 ottobre prossimo, ritorna la "Giornata del Contemporaneo", che ha lo scopo di far capire quanto sia importante l'arte per lo sviluppo culturale, sociale ed economico del nostro Paese. La manifestazione, che è alla sua IV edizione e ha per testimonial Paola Pivi, una delle più famose artiste italiane, è promossa dall'AMACI (Associazione Musei d'Arte Contemporanei Italiani), ma, oltre agli enti che ne fanno parte, vede la partecipazione di tantissime altre istituzioni, pubbliche e private, che hanno deciso di offrire gratuitamente al pubblico mostre, incontri, convegni, laboratori. Per conoscere tutti gli eventi in programma, si può consultare il sito dell'AMACI.

  • Le banche mettono in mostra i loro tesori

    Sabato 4 ottobre, le banche italiane che fanno parte dell'ABI (Associazione Bancaria Italiana) apriranno le porte delle loro sedi più prestigiose affinché il pubblico possa ammirare le loro collezioni di arredi, oggetti e opere d'arte. Per conoscere le modalità di questo "Invito a Palazzo", si può contattare l'Ufficio Stampa ABI (tel. 06-6767990) oppure consultare il sito dell'Associazione.

  • Chi studia viene premiato. Nasce la Carta dello Studente

    Il 29 settembre, in occasione della cerimonia di apertura dell'anno scolastico 2008-09, il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano consegnerà la prima "Carta dello Studente", che consentirà ai giovani, che frequentano le scuole superiori di secondo grado, di ottenere agevolazioni nell'accesso a musei, cinema, teatri, sale da concerto, ostelli, nell'utilizzo dei trasporti e nell'acquisto di libri e cd. Per conoscere in dettaglio le opportunità garantite da questo tesserino, chiamato "iostudio" si può consultare il sito del Ministero della Pubblica Istruzione. Sistemati i ragazzi, si pensa ora a qualcosa di analogo per i professori. I fondi però mancano e si spera in un intervento dei privati.

  • Anche l'Italia partecipa alle "Giornate Europee del Patrimonio"

    Il 27 e il 28 settembre prossimi prendono il via le "Giornate Europee del Patrimonio" (GEP), che il Consiglio d'Europa ha istituito nel 1991 per sensibilizzare i cittadini degli Stati membri al dialogo e alla conoscenza reciproca. Il nostro Paese partecipa a questa iniziativa col progetto "Le grandi strade della cultura: viaggio tra i tesori d'Italia", che prevede l'entrata gratuita in musei, gallerie, monumenti e aree archeologiche dello Stato. La manifestazione è come sempre arricchita da un ricchissimo calendario di eventi, sparsi per tutta l'Italia. Molte sono infatti le istituzioni pubbliche e private che hanno deciso di aderire a questa interessante iniziativa. Per saperne di più e conoscere in dettaglio luoghi e programmi, si può consultare il sito del Ministero per i Beni e le Attività Culturali.

  • START. Un weekend all'insegna dell'arte

    Il 19, 20 e 21 settembre, le gallerie milanesi che fanno parte dell'Associazione START hanno deciso di prolungare l'apertura per offrire al pubblico tre giorni di immersione totale nell'arte contemporanea internazionale. Per facilitare i visitatori, è stato predisposto anche un servizio di navette con guida che, il sabato dalle 14 alle 21, partiranno da Piazzetta Vergani e da Piazza Oberdan percorrendo le principali rotte dell'arte. Ci sono infatti delle zone (Farini-Moscova, Centro-Porta Romana, Lambrate-Porta Venezia) che i galleristi considerano strategiche. Un altro importante momento di interazione e approfondimento è la tavola rotonda, intitolata "DYNAMIC TABLE. Un dialogo tra profit e no profit", tenuta da critici ed esperti internazionali, che si terrà il 20 settembre, alle 10, al DOCVA di Via Procaccini 4. Il confronto con artisti, galleristi, curatori e protagonisti del mondo dell'arte continuerà anche dopo 21:30. Sempre qui infatti è prevista una grande festa all'insegna del divertimento e dell'allegria. Per conoscere in dettaglio appuntamenti e programmi di questa interessante manifestazione, che è ormai arrivata alla IV edizione, si può guardare il sito www.start-mi.net.

  • Scultura nella città. Progetti per Milano

    La Società per le Belle Arti ed Esposizione Permanente di Milano, che da più di un secolo svolge opera di promozione culturale realizzando mostre e manifestazioni d'arte, conferenze, programmi didattici e concorsi, ha deciso di ribadire il suo ruolo e, soprattutto, il suo legame con il capoluogo lombardo istituendo un premio di scultura strettamente correlato al contesto urbano. Il termine ultimo è fissato per il 30 gennaio 2009...

  • dettagli
  • Avremo finalmente la "Grande Brera"?

    Ogni volta che cambia il Ministro dei Beni Culturali, si torna a parlare della Pinacoteca di Brera e dei suoi problemi di spazio. A puntare il dito sulla gravosa situazione in cui versa la storica istituzione milanese è stato lo scrittore Alain Elkann, che ricopre la carica di consigliere per gli eventi culturali e i rapporti con l'estero del Ministro Bondi. Finora nessuno ha fatto niente e non si sono visti risultati ma, visto che l'anno prossimo ricorre il bicentenario dalla costituzione di Brera e, nel 2015, la città ospiterà l'Expo, si può ragionevolmente cominciare a sperare...

  • Miti di ieri, miti di oggi

    In occasione delle prossime Olimpiadi, l'effigie del leader comunista cinese Mao Zedong (Mao Tse-Tung), che fino a ora campeggiava sui biglietti da 10 yuan (1 Euro circa), sarà sostituita da un'icona più moderna e al passo coi tempi, lo Stadio Olimpico di Pechino, progettato dagli architetti svizzeri Jacques Herzog e Pierre de Meuron. L'attenzione nei confronti di questo edificio spettacolare, che, per la sua forma, è stato soprannominato "Il nido", fa parte della nuova immagine che la Cina vuole mostrare al mondo.

  • Una porta per ricordare chi non è riuscito a entrare nel nostro Paese

    Il 28 giugno scorso è stato inaugurato a Lampedusa un monumento in ricordo dei migranti dispersi in mare. L'opera, realizzata da Mimmo Paladino, uno dei più noti artisti italiani contemporanei, si intitola Porta di Lampedusa, Porta d'Europa.

  • Quello di Steve McQuinn è un 2008 davvero speciale

    L'artista inglese Steve McQueen, che nel 1999 ha vinto il Turner Prize, ha ricevuto un incarico molto importante. È stato scelto, infatti, per rappresentare il suo Paese alla Biennale di Venezia del 2009. Sempre quest'anno, un suo film, Hunger, che racconta le ultime settimane di vita dell'attivista nordirlandese Bobby Sands, morto nel 1981 all'interno del carcere di Maze, è stato premiato al Festival di Cannes con la "Caméra d'Or".

  • Gehry si aggiudica un altro importantissimo premio

    L'architetto di origine canadese Frank O. Gehry, autore di alcuni tra i più celebri edifici del XX secolo, tra cui il Vitra Museum di Weil am Rhein, il Guggenheim Museum di Bilbao e il Walt Disney Concert Hall di Los Angeles, ha ricevuto il Leone d'Oro alla Carriera dell'11. Mostra Internazionale di Architettura di Venezia per aver "liberato l'architettura moderna dai confini della scatola e dai limiti delle comuni pratiche costruttive". La decisione è stata presa dal CdA della Biennale, su proposta di Aaron Betsky, che è il curatore della prossima edizione della manifestazione, che aprirà il 14 settembre. In questo periodo Gehry sta occupandosi di altri importanti progetti, tra cui la realizzazione della sede della Fondazione Luis Vitton per la Creazione di Parigi, del museo Guggenheim di Abu Dhabi e del Venice Gateway di Venezia. Nel suo passato ci sono altri premi prestigiosi, come il Pritzker Prize (1989) e il Praemium Imperiale (1992).

  • Il Museion cambia sede e si apre fisicamente alla città

    Il 24 maggio 2008 è stata inaugurata a Bolzano la nuova, attesissima, sede del Museion. Erano anni infatti che quest'istituzione, votata all'arte moderna e contemporanea, si trovava a operare in condizioni davvero difficili, anche se era riuscita a trasformare un handicap grave, come la mancanza di spazi, in una risorsa. Grazie all'inventiva e alla lungimiranza dei suoi direttori, non aveva esitato, infatti, ad aprirsi all'esterno collaborando con altre istituzioni e allestendo eventi e manifestazioni in diversi luoghi della città...

  • dettagli
  • Antony Gormley e Yinka Shonibare salgono sul "podio londinese" dell'arte contemporanea

    A Londra, e precisamente a Trafalgar Square, c'è un basamento, noto come "Fourth Plinth", che nei piani orginari avrebbe dovuto ospitare una statua equestre, ma, che, per mancanza di fondi, è rimasto inutilizzato dal 1841 al 1999. Per anni nessuno ci ha fatto caso, poi qualcosa è cambiato...

  • dettagli
  • La Fondazione Pini premia l'impegno etico e artistico di Massimo Grimaldi

    Massimo Grimaldi è il vincitore della prima edizione del "Premio Adolfo Pini per l'Arte Contemporanea", che ha lo scopo di promuovere i giovani artisti italiani presso i principali centri artistici internazionali, come New York, Londra, Berlino o Zurigo. Il suo progetto, intitolato Emergency's Mayo Paediatric Centre Photos Shown On Two Apple iMac Core 2 Duo, è stato selezionato da una commissione di importanti curatori italiani e stranieri, di cui facevano parte Chus Martínez, Oliver Kielmayer, Paco Barragan, Edoardo Gnemmi e Giacinto di Pietrantonio. Grimaldi, che nelle sue opere si interroga sul suo ruolo d'artista e sul valore sociale dell'arte, ha deciso di devolvere i 30.000 Euro che ha ricevuto dalla Fondazione per l'acquisto della sua opera a favore di Emergency, che li utilizzerà per sostenere l'attività del Centro pediatrico di Mayo, in Sudan. I 20.000 Euro del premio li userà invece per acquistare un computer di ultima generazione con cui realizzerà un reportage fotografico sulle iniziative di Emergency. L'opera vincitrice entrerà a far parte della collezione della Fondazione, ma nel suo futuro è previsto il prestito a musei italiani e internazionali e, poi, il deposito presso il Museo d'Arte Contemporanea di Milano, che tutti speriamo diventi presto realtà.

  • Convivio d'arte

    Convivio, la manifestazione benefica nata nel 1992 per iniziativa di Gianni Versace, ha inaugurato una sezione dedicata all'arte, "Fine Art Cheap Art", dove si possono trovare, a prezzi inferiori a quelli di mercato, opere di 124 artisti italiani e internazionali. I nomi sono davvero tanti, e dato che non possiamo indicarli tutti, ne segnaliamo alcuni: Bernard Roig, Elisabetta Benassi, Enzo Cucchi, Francesco Vezzoli, Gabriele Basilico, Giovanni Frangi, Grazia Toderi, Hans Schabus, Jacopo Foggini, Joseph Beuys, Luca Pignatelli, Marc Quinn, Mario Airò, Mario Sironi, Marzia Migliora, Massimo Grimaldi, Matteo Bergamasco, Maurizio Cattelan, Maurizio Galimberti, Mimmo Jodice, Nico Vascellari, Paola Pivi, Bertozzi & Casoni, Paolo Chiasera, Patrick Tuttofuoco, Fischli & Weiss, Riccardo Previdi, Roberto Coda Zabetta, Roberto Cuoghi, Sandro Chia, Stefano Arienti, Vedovamazzei. I proventi della vendita andranno a favore di Anlaids, l'Associazione Nazionale per la Lotta contro l'AIDS. Per maggiori informazioni su questa iniziativa, aperta dal 13 al 17 giugno nel Padiglione 7 di Fieramilanocity, si può guardare il sito www.conviviomilano.it/menuConvivio.html.

  • Salviamo i "luoghi del cuore"

    "Ciò che offende gli occhi fa anche male al cuore" ed è per questo che il FAI (Fondo per l'Ambiente Italiano) ha deciso di trasformare la quarta edizione del progetto "I luoghi del cuore" in un censimento delle brutture d'Italia...

  • dettagli
  • Conclusi i restauri, il Fai apre al pubblico Villa Necchi Campiglio, una splendida dimora nel cuore di Milano

    Il 30 maggio prossimo aprirà a Milano, Villa Necchi Campiglio, una splendida casa museo nel cuore di Milano, che Gigina Necchi Campiglio ha donato al FAI (Fondo per l'Ambiente Italiano) nel 2001. Progettata negli anni '30 da Piero Portaluppi, conserva all'interno affascinanti arredi d'epoca e due importanti collezioni d'arte, quelle che Claudia Gian Ferrari e Alighiero de' Micheli, moderni mecenati, hanno gentilmente messo a disposizione della collettività...

  • dettagli
  • L'arte contemporanea aiuta a crescere e studiare

    Il 21 maggio scorso l'Hangar Bicocca Lab, il dipartimento educativo dell'Hangar Bicocca di Milano, ha presentato un nuovo progetto, pensato per avvicinare all'arte gli studenti di tutte le età. La novità sta nel fatto che, in questo caso, l'arte non è il fine, ma lo strumento da cui partire per apprendere materie molto diverse, che possono riguardare la storia, la matematica, la geografia, la scienza ecc. I primi "allievi", che saranno chiamati a interagire con l'arte contemporanea da un punto di vista multidisciplinare, saranno gli studenti delle Università e delle Accademie, per i quali è previsto un corso di formazione come "arts tutor", che si terrà tra giugno e luglio e li porterà a essere i protagonisti "didattici" delle visite all'Hangar. In ottobre sarà la volta degli insegnanti, che saranno messi al corrente delle iniziative e delle proposte educative offerte da questo spazio culturale, poi arriveranno le scuole. Per sapere qualcosa di più sul progetto "Educare con l'arte" e dare la propria disponibilità, si può scrivere a lab@hangarbicocca.it. I posti sono limitati.

  • Sta per partire la II edizione del CECAC, un corso per curatori UE

    C'è tempo fino al 16 giugno per iscriversi alla seconda edizione del Corso Europeo per Curatori d'Arte Contemporanea (CECAC), che si terrà a Milano dal 9 al 19 ottobre 2008. Promosso dalla Provincia di Milano, dalla Fondazione Antonio Ratti di Como e dalla Commissione Europea, si rivolge ai cittadini UE che abbiano raggiunto la maggior età e siano interessati ad approfondire e analizzare quelli che sono gli aspetti pratici e teorici dell'attività curatoriale. Il seminario, che ha carattere intensivo, si svolgerà in un contesto multiculturale, a stretto contatto con esperti della scena artistica europea e sotto la guida di un Visiting professor, che quest'anno sarà Charles Esche, direttore del Van Abbemuseum di Eindhoven e co-direttore dell'Afterall Journal e di Afterall Books. Un altro ospite illustre, col quale gli studenti avranno la possibilità di confrontarsi, sarà l'artista bulgaro Nedko Solakov. Per avere maggiori informazioni sui contenuti del corso e le modalità di iscrizione, si può guardare il sito www.provincia.milano.it/.

  • Rauschenberg non c'è più. In vita ne ha "combinate" di tutti i colori

    Il 18 maggio scorso si è spento in Florida, dove viveva da tempo, Robert Rauschenberg, uno dei principali protagonisti della scena artistica internazionale del dopoguerra. Quello che ha segnato il passaggio dall'Espressionismo Astratto alla Pop Art. Amico di John Cage, Merce Cunningham e Jasper Johns, col quale ha condiviso l'esperienza New Dada e l'appartenenza alla scuderia di Leo Castelli, è stato un artista eclettico e innovativo. Superato il periodo minimalista e quello delle performance e degli happenings, si è dedicato infatti alla realizzazione di dipinti, combine-paintings, serigrafie, litografie, sculture e scenografie. Nel 2002 è stato colpito da un ictus, ma la malattia non è riuscito a fermarlo e ben presto ha ripreso l'attività. Nel corso della sua carriera ha vinto diversi premi, ma il più importante è stato sicuramente quello che ha ricevuto in occasione della Biennale di Venezia del 1964. Ha avuto infatti un peso considerevole nell'affermazione dell'arte americana nel mondo.

  • La corsa del contemporaneo non conosce soste

    Se l'arte moderna sembra stia vivendo un momento di assestamento, per il contemporaneo non sembra ci siano ancora problemi. L'artista inglese Francis Bacon, di cui è in corso una grande retrospettiva al Palazzo Reale di Milano, ha strappato infatti un nuovo record durante l'asta newyorchese di Sotheby's del 14 maggio. Un suo Trittico del 1976 ha raggiunto infatti la cifra di 86,2 milioni di dollari (56 milioni di Euro circa) superando di molto i 52,6 milioni di dollari (38,7 milioni di Euro) che erano stati pagati nel 2007 per un'altra sua opera, Study from Innocent X del 1962. Grande successo ha riscosso anche un altro pittore inglese, Lucien Freud, che è riuscito a surclassare persino Jeff Koons e a strappargli il primato di "artista vivente più costoso". Una sua tela del 1995, Benefits Supervisor Sleeping, raffigurante una donna nuda e prosperosa, è stata venduta infatti da Christie's, a New York, il 13 maggio scorso per 33,64 milioni di dollari (22 milioni di Euro circa). Ad acquistare entrambi i dipinti pare sia stato il magnate russo Roman Abramovic, grande appassionato di calcio.

  • Nuovo governo, nuovo ministro

    Le elezioni politiche dello scorso aprile, che hanno portato al governo Silvio Berlusconi, hanno comportato un vero e proprio avvicendamento all'interno dei Ministeri. A dirigere quello dei Beni Culturali, che fino ad allora era stato gestito da Francesco Rutelli, è stato chiamato il poeta e filosofo Sandro Bondi, amico dello scultore Pietro Cascella, scomparso il 18 maggio scorso. Anche se Bondi non ha grande esperienza nel campo, ha subito dimostrato grande attenzione per questo settore. Ha chiamato infatti al suo fianco, come consigliere per gli eventi culturali e i rapporti con l'estero, lo scrittore Alain Elkann, presidente di Fondazione CittàItalia, che, prima della tornata elettorale, si era fatto promotore di un "Manifesto della Bellezza", volto a promuovere e valorizzare l'arte e la cultura italiana.

  • Il mercato frena e diventa più selettivo

    La crisi economica non ha quasi mai effetti immediati sul mercato dell'arte, ma, se si protrae a lungo, i contraccolpi si fanno sentire anche in questo comparto e allora i prezzi cominciano a subire degli assestamenti e le opere meno interessanti rimangono al palo. L'asta newyorchese di Christie's del 6 maggio scorso ha riportato a galla dubbi e timori...

  • dettagli
  • Faenza "futuro presente" del contemporaneo

    Faenza, che vanta un'importante tradizione artistica, legata alla lavorazione della ceramica, ha deciso di puntare tutto sulla cultura come fattore di sviluppo del territorio. Il primo risultato di questo progetto è stato la creazione di un Festival di arte contemporanea, che si differenzia dalle altre manifestazioni cui siamo abituati perché non si basa sulle opere, ma sulle parole. Dal 23 al 25 maggio, infatti, curatori, critici, artisti, galleristi, collezionisti, giornalisti, editori, imprendtori ecc. guideranno il pubblico alla scoperta dei segreti dell'arte contemporanea e si interrogheranno sul suo futuro. Per maggiori informazioni sui programmi, si può guardare il sito www.festivalartecontemporanea.it/.

  • Qualche delucidazione sul "droit de suit"

    Come abbiamo già segnalato in un precedente articolo del 2005, il "droit de suit" (diritto di seguito) prevede, in caso di vendita di un'opera d'arte in asta o tramite intermediari, una maggiorazione del prezzo per compensare gli artisti o i loro eredi dell'incremento di valore che l'opera ha registrato col passar del tempo. Molti autori però non sanno neppure di cosa si tratti e rischiano di perdere ciò che spetta loro per legge...

  • dettagli
  • 5 x mille all'arte e alla cultura

    Il pagamento delle tasse si avvicina e, come ogni anno, si deve cominciare a stendere la dichiarazione dei redditi. Durante la compilazione del modulo, i contribuenti possono decidere di destinare il 5 x mille dell'IRPEF ad associazioni di volontariato, onlus, fondazioni ecc., che si occupano di problemi sociali, ricerca, attività sportive e cultura. Chi vuole dare il proprio sostegno agli enti che si interessano di tutela del patrimonio culturale o di promozione dell'arte e della cultura, deve mettere una firma nel riquadro specifico, inserito nel Modello Unico PF, nel Modello 730, oppure nella scheda allegata al CUD, e scrivere, nello spazio sottostante, il codice fiscale dell'associazione prescelta, che deve comunque essere inserita in un elenco particolare, stilato dall'Agenzia delle Entrate. Devolvere il 5 x mille, non rappresenta un'alternativa al conferimento dell'8 x mille alla Chiesa, ad altre religioni o allo Stato. Si può fare sia l'uno che l'altro. Per maggiori informazioni, si può guardare il sito dell'Agenzia delle Entrate.

  • Il DOCVA, uno strumento prezioso al servizio dell'arte

    Careof e Viafarini, che sono due tra le più attive e propositive associazioni culturali milanesi, hanno unito le loro forze per dare vita al DOCVA - Documentation Center for Visual Arts, che è stato inaugurato il 4 aprile scorso all'interno dell'edificio "Messina Uno" della Fabbrica del Vapore (Via Procaccini 4), un'area industriale parzialmente ristrutturata, che accoglie già altre realtà di questo tipo. Il nuovo spazio, disposto su due piani, è dotato di una biblioteca specializzata con 15.000 volumi tra monografie, cataloghi, saggi e periodici, un Archivio Video con 4.500 opere di artisti e documentazioni di eventi artistici, un Archivio Portfolio che raccoglie informazioni su 2.600 artisti italiani, una banca dati ArtBox che offre notizie su concorsi, borse di studio, strutture per artisti e operatori del settore e due aree espositive contigue, che sono situate al piano terra. La mostra inaugurale, "This is the End", curata da Milovan Farronato, ha avuto come protagonista Liliana Moro, che ha cercato di offrire un orizzonte interpretativo sul suo lavoro. L'esposizione è affiancata da un programma di visite guidate e attività didattiche, che aiutano a comprendere la poetica dell'artista.

  • La Biennale di Venezia ha il suo direttore

    Daniel Birnbaum sarà il nuovo direttore del settore Arti Visive della Biennale di Venezia del 2009. Nato a Stoccolma nel 1963, è piuttosto giovane, ma ha già ricoperto incarichi prestigiosi e collabora con importanti riviste come "Frieze" e "Artforum". È inoltre rettore della Staedelschule di Francoforte, una delle più interessanti scuole d'arte europee, ed è proprio per questo lavoro a stretto contatto con chi ha deciso di cimentarsi nel mondo dell'arte, che il CDA della Biennale lo ha preferito ad altri. In Italia lo abbiamo già visto all'opera come co-curatore di Francesco Bonami in occasione della mostra Ritardi e Rivoluzioni, presentata alla Biennale del 2003, e, a novembre, sapremo cosa ha deciso di proporre per la Triennale di Torino, uno dei grandi impegni di quest'anno. L'altro è la Triennale di Yokohama. Su quello che farà a Venezia non ha ancora le idee chiare, ma pensa che terrà presenti sia il passato che il futuro dell'arte e metterà al centro la visione dell'artista.

  • Milano e i fondi per l'arte

    La chiusura di MiArt è coincisa con la nascita di una nuova associazione senza fini di lucro, gli "Amici di MiArt", che intendono sostenere e promuovere l'arte contemporanea acquistando opere da esporre a Milano in luoghi di pubblica fruizione. Ad avere l'idea sono stati la Fondazione Fiera Milano, Fiera Milano SPA, Fiera Milano International e la Camera di Commercio, che figurano come soci fondatori. Il patrimonio iniziale sarà di 1 milione di Euro, ma verrà incrementato grazie all'adesione di nuovi soci e attività di fund raising. Le opere saranno comprate in Fiera a partire dal 2009 e resteranno di proprietà esclusiva dell'Associazione. I "consigli" per gli acquisti arriveranno da un comitato di esperti del mondo dell'arte, che attualmente non è stato ancora designato. La Regione Lombardia, che ha già stanziato dei fondi per l'acquisto di opere d'arte basandosi su un'interpretazione restrittiva della Legge 717 del 1949, ha manifestato la sua intenzione di entrare a far parte anche degli "Amici di MiArt". Le due iniziative restano comunque distinte. I 10 milioni di Euro ex Lege 717/49 saranno impiegati infatti per la commissione di opere volte ad abbellire i luoghi (Sede della Regione, ospedali, ecc.) dove è previsto l'intervento pubblico. La trasparenza sarà garantita da un concorso.

  • Consigli per gli acquisti e la conservazione delle opere

    Il 4 aprile scorso, in occasione di MiArt, la fiera milanese dedicata all'arte moderna e contemporanea, si è tenuta una conferenza intitolata "La proprietà delle opere d'arte". Tra i relatori figuravano la responsabile del progetto "UniCredit & l'Arte", Catterina Seia, il vice direttore del "Giornale dell'Arte", Franco Fanelli, la collezionista Judith Greer e la giornalista Louisa Buck. L'incontro era coordinato da Anna Somers Cocks, che è stata fondatrice e direttrice del mensile "The Art Newspaper", edito da Umberto Allemandi e C. Si è parlato di mercato primario e secondario, collezionismo, valorizzazione e promozione dell'arte e, in particolare, dei giovani artisti. L'incontro ha offerto lo spunto per la presentazione del volume Come comprare l'arte contemporanea, scritto da Judith Greer e Louisa Buck. Il libro, che sta riscuotendo grande successo nei paesi anglosassoni ed è appena uscito in Italia, spiega come funziona il sistema dell'arte e offre consigli preziosi a chi ha intenzione di entrare a far parte di questo mondo, che "ha le sue regole, le sue ipocrisie, le sue virtù". Le indicazioni, che sono di tipo pratico e teorico, non si limitano al momento dell'acquisto, ma prendono in considerazione anche le problematiche connesse al possesso di opere d'arte. Si parla infatti di documentazione, assicurazione, trasporto, conservazione e prestito. In copertina campeggia Hanging Heart (Magenta-Gold) di Jeff Koons, l'opera più cara mai realizzata da un artista vivente. A comprarla è stato il gallerista Larry Gagosian, che, per averla, ha sborsato 23 milioni e 561 mila dollari.

  • L'arte contemporanea si deteriora facilmente. Esperti e restauratori spiegano cosa si può fare

    Il 31 marzo scorso si è tenuta a Brera la prima conferenza del ciclo "La conservazione del presente", che aveva per tema il restauro di opere realizzate con leganti sintetici (acrilici, alchidici, vinilici). Con grande sorpresa degli organizzatori, che forse si aspettavano soltanto addetti ai lavori, il pubblico si è rivelato davvero numeroso. Si tratta infatti di un problema interessante e spinoso, che può avere ripercussioni molto gravi, ma che pochi sanno come affrontare. Le difficoltà principali dipendono dalla varietà e molteplicità dei materiali usati dagli artisti contemporanei, dall'incapacità di prevedere come si comporteranno nel tempo e come risponderanno agli interventi di restauro. Le variabili comunque sono infinite e questo non fa che aumentare i rischi e le complicazioni. Negli ultimi anni si sono fatti molti passi avanti nella diagnostica, nella conservazione e nel restauro del contemporaneo. Un contributo importante è arrivato anche dagli artisti, che si sono resi disponibili a spiegare cosa usano e come lavorano consentendo la creazione di database specifici a disposizione dei professionisti del settore. Esiste anche un network internazionale, l'INNCA, che si occupa proprio di resturo del contemporaneo. La sezione italiana è coordinata da Marina Pugliese, conservatrice del Museo del Novecento di Milano. Le prossime giornate di studio si terranno il 7, il 14 e il 21 aprile, alle ore 15:30, in Via Brera 28, a Milano, e riguarderanno le installazioni complesse, i materiali plastici e i video. Si consiglia la prenotazione. Info: 02-72263268.

  • L'Italia ricorda i caduti di Nassirya

    Il 12 novembre 2003 diciannove connazionali, tra carabinieri, soldati e civili, perirono in un attentato a Nassirya, in Iraq. Tre anni dopo venne indetto un concorso per la realizzazione di un monumento commemorativo. A vincerlo fu lo scultore Giuseppe Spagnulo, che il 30 marzo scorso ha inaugurato a Roma la sua creazione, intitolata La foresta incantata. L'opera composta da 19 obelischi in acciaio dalle sommità spezzate, come le vite delle vittime dei terroristi, ha trovato posto di fronte alla Basilica di San Paolo Fuori le Mura, dove furono celebrati i funerali di Stato.

  • Expo, una futuro di speranza, lavoro e prosperità

    Milano ce l'ha fatta. Col progetto "Nutrire il Pianeta, energia per la Vita" è riuscita a strappare a Smirne l'Expo del 2015. La notizia è arrivata il 31 marzo, ma il capoluogo lombardo, che ha già ospitato questo evento nel 1906, si è già messo al lavoro. Molti sono infatti i progetti da portare a termine, alcuni già iniziati, altri ancora sulla carta, come il Quartiere Expo, che dovrà essere costruito nell'area adiacente alla Fiera di Rho-Pero. Tra le opere da realizzare ci sono anche il Progetto Porta Nuova, Citylife, il Museo del Novecento e quelli d'Arte Contemporanea e di Fotografia, le nuove linee della metropolitana ecc. Ce n'è proprio per tutti i gusti, ma la cosa più bella è che i posti di lavoro previsti sono circa 70.000, una vera manna dal cielo. A trarre beneficio dall'Expo saranno soprattutto coloro che operano nel turismo e in comparti affini, ma gli effetti si faranno vedere in tutti i settori ispirando innovazione e creatività. Chi abita a Milano beneficerà inoltre di un miglioramento dei servizi e della qualità della vita. Le "grandi opere", una volta terminate, resteranno infatti a disposizione della collettività. Realizzate le infrastrutture, si dovrà pensare all'accoglienza e all'intrattenimento e il mondo della cultura e dell'arte sarà chiamato a fare la sua parte progettando esposizioni ed eventi di grande richiamo e qualità. A questo proposito, Vittorio Sgarbi ha avuto un pensiero anche per la Turchia e ha dichiarato che, nel 2015, ricorderà i nostri "avversari" con una mostra.

  • È scomparso Giuseppe Uncini, maestro del ferro e del cemento

    Il 31 marzo 2008 è morto a Trevi (PG), dove abitava, Giuseppe Uncini, uno dei più noti scultori italiani contemporanei. Nato a Fabriano nel 1929, nel 1953 si era trasferito a Roma, dove, grazie a Edgardo Mannucci, aveva conosciuto Afro, Burri, Cagli, Capogrossi, Leoncillo, Turcato e, in seguito, Festa, Schifano, Angeli e Manzoni. I suoi primi lavori furono le Terre, tavole di masonite, su cui interveniva con oli, tempere, sabbia, cenere e terra. Nel 1958 aveva cominciato a creare quelle che sarebbero diventate le sue opere più famose, i Cementoarmati, realizzati con materiali industriali e da costruzione, poveri e minimali. I passi successivi furono la creazione dei Ferrocementi e delle Strutturespazio, delle opere tridimensionali, che l'artista espose nel 1966 alla Biennale di Venezia. Negli anni seguenti passò ad altro focalizzando la sua attenzione sugli effetti prodotti dalle ombre. Poi fu la volta dei Mattoni, delle Dimore e degli Spazi di ferro. Il cemento tornò prepotentemente nella sua arte alla fine degli anni '80 con gli Spazicementi, cui fecero seguito Tralicci, Muri di cemento e Architetture. Nel corso della sua vita Uncini si è cimentato anche nella grafica, nella realizzazione di gioielli, e nella scultura monumentale, di cui rappresenta un esempio il Monumento ai Caduti di Gibellina. Tra i suoi progetti, c'era una mostra al MART di Rovereto. Il catalogo ragionato, appena pubblicato, è stato curato da Bruno Corà.

  • Beffa a fin di bene

    Nel 1984 furono rinvenute nel Fosso Reale di Livorno tre teste, che illustri studiosi attribuirono a Modigliani. La realtà era ben diversa. Tre studenti (Pietro Luridiana, Pierfrancesco Ferrucci e Michele Ghelarducci) dimostrarono infatti che una delle sculture era stata realizzata da loro per burla. In seguito anche le altre statue si dimostrarono per quello che erano, dei semplici falsi. A distanza di 24 anni, Michele Ghelarducci, ha deciso di ripetere l'esperienza, ma di farla fruttare a fin di bene. Oggi infatti, Pierfrancesco Ferrucci, uno dei suoi complici, è medico e lavora come ricercatore all'Istituto Europeo di Oncologia. L'idea è quella di mettere all'asta su e-bay una "nuova opera di Modigliani", Modi 2.0, e consegnare il ricavato alla Fondazione Grazia Focacci, che finanzia la ricerca di terapie innovative e sostiene chi sta lottando contro il cancro. Per maggiori informazioni, si può guardare il sito www.ideificio.com/modi/.

  • Asta d'arte contemporanea a Milano

    L'8 aprile prossimo, alle 19, la sede milanese di Sotheby's (Via Broggi 19) disperderà in asta 150 lotti d'arte contemporanea che fanno parte di una collezione privata, quella dell'imprenditore bolognese Francesco Amante. Le opere, datate tra il 1953 e il 2003, sono di ottima qualità e sicuramente faranno registrare dei prezzi interessanti. Molti gli artisti italiani, scelti tra i più rappresentativi. Ci sono infatti Accardi, Alviani, Boetti, Bonalumi, Calzolari, Castellani, Clemente, Colombo, Cucchi, De Dominicis, De Maria, Kounellis, Merz, Nunzio, Paladino, Paolini, Parmiggiani, Pistoletto, Pizzi Cannella, Rama, Rotella, Scheggi, Schifano, Zorio e Uncini, scomparso proprio in questi giorni. Tra gli stranieri spiccano invece Ghada Amer, Peter Halley, Yves Klein, Wilfredo Lam, Jason Martin, Conrad Marca-Relli, Sebastian Matta, Kenneth Noland, Salvatore Scarpitta, Sol LeWitt, Chen Zhen, e soprattutto Vik Muniz, cui è dedicata l'immagine stampata sulla copertina del catalogo, una Brigitte Bardot della serie "Diamond Divas ", valutata tra i 50.000 e i 70.000 Euro. Il pezzo forte resta però un Senza titolo di Kounellis del 2003, valutato tra 120.000 e 180.000 Euro. Seguono un Senza titolo di Boetti del 1989 e una Superficie bianca di Castellani del 1985, proposti rispettivamente a 100-150.000 Euro e 80-100.000 Euro. Tra le novità va segnalata la presenza di alcuni artisti nati dopo il 1960, come Arienti, Beecroft, Velasco, Galliano, Gusmaroli, Linke, Marisaldi, Nido, Pusole ecc. Per informazioni, si può chiamare il numero 02-295001.

  • L'America premia il lavoro di Pomodoro

    Arnaldo Pomodoro, uno dei più noti scultori italiani, apprezzatissimo anche all'estero, dove ha realizzato diverse opere in spazi pubblici, il 25 aprile si recherà a San Francisco per ritirare il "Lifetime Achievement in Contemporary Sculpture Award", conferito dall'International Sculpture Center. L'artista, nato a Morciano di Romagna, si è trasferito a Milano negli anni Cinquanta e, nel 2005, ha aperto qui la sua Fondazione, che, in poco tempo, è diventata uno dei più importanti centri espositivi cittadini.

  • La Fondazione Adolfo Pini apre al pubblico

    La Fondazione Adolfo Pini, istituita nel 1991, si occupa della promozione e valorizzazione delle opere del pittore Renzo Bongiovanni Radice (1899-1970), ma finora ha svolto la sua missione in modo piuttosto appartato. Ora però ha deciso di aprire i suoi spazi al pubblico e di realizzare, nella bella sede di Corso Garibaldi 2, a Milano, mostre, conferenze e manifestazioni culturali di vario genere. La prima iniziativa si inserisce all'interno della "Settimana della cultura", promossa dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali. Dal 25 al 30 marzo, infatti, la Fondazione ha deciso di offrire, a chi fosse interessato, due visite guidate gratuite al giorno. Nei progetti futuri figurano invece la pubblicazione del Catalogo ragionato dell'artista, il conferimento del "Premio Adolfo Pini per l'Arte Contemporanea", dedicato ai giovani artisti italiani, e una serie di conferenze, volte a inquadrare il periodo storico in cui operò Bongiovanni Radice. Per informazioni, si può chiamare il numero: 02-874502 o guardare il sito www.fondazionepini.it.

  • Milano: porterà la firma di Libeskind il Museo del Contemporaneo

    Non è la prima volta che a Milano si sente parlare della nascita di un museo d'arte contemporanea, ma ora sembra che si stia davvero muovendo qualcosa. A darne l'annuncio sono stati il Sindaco Letizia Moratti, l'Assessore alla Cultura Vittorio Sgarbi e il presidente della Triennale Davide Rampello, che hanno anche assicurato che sarà ultimato entro il 2011...

  • dettagli
  • XVI Giornata FAI di Primavera

    L'Italia è un paese straordinario, ricco di monumenti e opere d'arte, e il FAI (Fondo per l'Ambiente Italiano), con le sue "Giornate di Primavera", ci aiuta a scoprire questi luoghi, che spesso non sono valorizzati a dovere o sono addirittura chiusi al pubblico...

  • dettagli
  • The Mobile City. Racconta la tua città

    La Provincia di Milano ha deciso di dar vita a un concorso rivolto agli adolescenti e, dovendo trovare il mezzo più adatto per coinvolgerli, ha scelto il cellulare, che è dotato ormai di molti optional, tra cui la possibilità di scattare fotografie. Il termine ultimo è fissato per il 15 maggio...

  • dettagli
  • MetroCult 2008. Biennale delle buone pratiche e dei progetti di cultura metropolitana

    La Provincia di Milano, che da tempo si sta dando da fare per creare una rete culturale del territorio, che raggruppi tutti gli enti e le associazioni attivi in questo settore, e, nel 2006, ha dato vita a "Incontemporanea", specificamente dedicata al mondo dell'arte, si è fatta venire un'altra bella idea, che, questa volta, coinvolge anche i privati. Il progetto, realizzato in collaborazione con Milano Metropoli Agenzia di Sviluppo, è stato chiamato "Metrocult 2008" ed è partito con l'invito, rivolto a tutti coloro che si occupano di cultura e creatività nel milanese, a partecipare all'iniziativa e inviare i propri dati, che saranno inseriti in un apposito sito web. A giugno, seguirà una grande manifestazione alla Bicocca, dove si farà il punto sulla situazione dell'area metropolitana e si discuterà delle proposte che, chi ha voluto, ha allegato alla domanda di iscrizione. Uno degli scopi del progetto è infatti quello di contribuire al miglioramento della qualità della vita dei cittadini, a partire da chi abita nelle periferie o nei territori solitamente dimenticati dall'offerta culturale tradizionale. La scadenza, fissata inizialmente per il 29 febbraio, è stata prorogata al 31 marzo. Chi volesse aderire o avere ulteriori informazioni, può consultare il sito della Provincia, o chiamare, dal lunedì al venerdì, dalle 10 alle 12, il numero: 02-24126565.

  • Settimana della Cultura 2008

    In anticipo di quasi due mesi rispetto allo scorso anno, la X Edizione della "Settimana della Cultura", voluta dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali per avvicinare il pubblico alle bellezze d'Italia, si terrà dal 25 al 31 marzo 2008. Come di consueto, musei, monumenti e siti archeologici statali saranno aperti gratuitamente a tutti e sarà possibile partecipare a numerose iniziative collaterali, come concerti, spettacoli, proiezioni cinematografiche, recitazioni, convegni, conferenze, attività didattiche. Maggiori informazioni su questa manifestazione, che riscuote sempre un grande successo, si possono trovare sul sito del Ministero, che ha attivato una ricerca per regione, aggiornata in tempo reale.

  • Torna a Milano ArteQ Summit: tecnologia e cultura

    La tecnologia, applicata a strumenti come Internet, la TV, l'I-Pod e il telefonino, che, per molti di noi, stanno diventando di uso quotidiano, sta cambiando il nostro modo di vivere, conoscere e scambiare immagini, dati, informazioni. Le istituzioni culturali più all'avanguardia se ne sono accorte e, per questo, stanno cercando di aggiornare e potenziare i loro sistemi di comunicazione e interazione col pubblico. Per sapere quali sono le aziende attive in questo mercato e conoscere le novità di questo settore, che è in rapida trasformazione, si può partecipare al convegno "ArteQ Summit", che si terrà il 19 marzo, alle 9:15, presso lo Spazio Oberdan, in Piazza Oberdan, a Milano. Per informazioni, si può guardare il sito internet www.arteqsummit.com/it/ o telefonare al numero: 02-48100306. L'accredito è obbligatorio, ma la partecipazione è gratuita.

  • 8 marzo: torna "La donna nell'arte"

    Il Ministero per i Beni e le Attività Culturali ha deciso di ricordare la "Festa della donna" offrendo al pubblico femminile l'ingresso gratuito a biblioteche, archivi, musei, monumenti e siti archeologici statali. Maggiori informazioni su questa iniziativa, che è alla sua seconda edizione, si possono trovare sul sito del Ministero. La manifestazione è accompagnata da concerti, mostre, visite guidate e dibattiti, che hanno lo scopo di far conoscere la produzione artistica delle donne e il loro ruolo di muse ispiratrici.

  • Milano discute sulla sorte de "I Sette Savi" di Melotti

    Per quarant'anni nessuno si è interessato di loro, ma, adesso che sono stati ritrovati, tutti vogliono dire la loro su I Sette Savi che Fausto Melotti ha donato al Liceo Carducci negli anni '60. L'Assessore milanese alla Cultura, Vittorio Sgarbi, vorrebbe sistemarli nel giardino del PAC, dove già si trovano altri "savi" dell'artista, Stefano Zecchi e Giorgio Marconi ritengono invece che debbano rimanere lì dove stanno, ma debbano essere resi visibili a tutti. Philippe Daverio se la ride e propone di metterli a Palazzo Marino, dove un po' di saggezza certo non guasterebbe. Marta Melotti, figlia dell'artista, che ha lasciato in deposito al MART di Rovereto un'altra versione di questo gruppo scultoreo, quella realizzata in occasione della Triennale del 1936, credeva che le statue del Carducci fossero andate distrutte, adesso però vuole saperne di più. La saga continua, ma, ora che questa storia è diventata di dominio pubblico, probabilmente i soldi per il restauro verranno fuori e forse anche quelli per una bella mostra su questo importante scultore italiano del '900.

  • Appello per "I Sette Savi" di Melotti

    Il Liceo Carducci di Milano ha ritrovato l'opera di Melotti, che un tempo era esposta in giardino, e ha deciso di restaurarla, ma non ha i fondi necessari. C'è qualcuno disposto a intervenire?...

  • dettagli
  • L'arte ha bisogno di spazio

    La Tate Modern di Londra, che è uno dei più importanti musei d'arte moderna e contemporanea al mondo e attira ogni anno 5 milioni di visitatori, ha ricevuto dal governo britannico un finanziamento di 50 milioni di sterline per la costruzione di nuovi spazi espositivi. Autori del progetto di ampliamento, che dovrebbe costare intorno ai 215 milioni di sterline, sono gli architetti svizzeri Herzog & de Meuron, gli stessi che hanno ristrutturato la sede museale di Bankside, inaugurata soltanto 8 anni fa, ma troppo piccola per far fronte all'affluenza di un pubblico così vasto. La fine dei lavori è prevista per il 2012.

  • Qualche volta, per fortuna, ritornano

    Il 18 febbraio scorso, la polizia svizzera ha ritrovato due delle quattro opere che erano state rubate alla Stiftung Sammlung E.G. Bührle di Zurigo. Si tratta di Branches de marronniers en fleur (1890) di Van Gogh e Les coquelicots près de Vétheuil di Monet. I due capolavori si trovavano a due passi dal "luogo del delitto" e, precisamente, nel bagagliaio di un auto posteggiata nel parcheggio di un ospedale psichiatrico, situato nei pressi dell'istituzione. Degli altri due dipinti, realizzati da Cézanne e Degas, per ora non si sa nulla, ma le indagini continuano.

  • Arte e musica

    Il 25 febbraio, data di inizio della 58° edizione del Festival di Sanremo, Marco Lodola, che ha all'attivo collaborazioni con musicisti, come i Timoria, gli 883, Jovanotti e Renzo Arbore, inaugurerà la sua installazione, Lodolariston, composta da 14 sculture luminose, sulla facciata del teatro Ariston, sede della famosa manifestazione canora. Altre 4 lavori dell'artista saranno posizionati all'entrata del Casinò. Le opere saranno visibili fino a maggio.

  • Insieme al museo

    Anche il Ministero per i Beni e le Attività Culturali crede nell'amore e il 14 febbraio festeggia San Valentino offrendo alle coppie di innamorati un biglietto omaggio per visitare musei, monumenti e siti archeologici statali d'Italia. Per maggiori informazioni, si può guardare il sito www.beniculturali.it.

  • Artisti uniti contro l'AIDS

    Il 14 febbraio, giorno di San Valentino, la sede newyorchese di Sotheby's ospiterà un'importante asta d'arte contemporanea a scopo benefico, "The (Red) Auction", ideata da Bono e Damien Hirst in collaborazione con la Gagosian Gallery. Tra gli artisti che hanno deciso di dare il proprio contributo figurano Matthew Barney, Georg Baselitz, Cecily Brown, Douglas Gordon, Antony Gormley, Subodh Gupta, Andreas Gursky, Sir Howard Hodgkin, Gary Hume, Jasper Johns, Anish Kapoor, Anselm Kiefer, Jeff Koons, Takashi Murakami, Marc Newson, Tim Noble & Sue Webster, Richard Prince, Marc Quinn, Ed Ruscha, Yinka Shonibare, Sam Taylor-Wood, Keith Tyson, Bernar Venet ecc. Il ricavato sarà devoluto all'United Nations Foundation's, che sovvenziona progetti a favore dei malati di Aids in Africa.

  • Londra premia il contemporaneo

    Il 6 febbraio scorso, si è tenuta a Londra, da Christie's una straordinaria asta di arte contemporanea, che ha stabilito quattro nuovi record, tra cui quelli di Gerhard Richter e Lucio Fontana. Zwei Liebespaare (1966) del primo è stato aggiudicato infatti per 7,300,500 sterline (9,768,069 Euro), mentre il Concetto spaziale. Attesa (1965) del secondo, un taglio su fondo rosso, è arrivato a 6,740,500 sterline (9,018,789 Euro), superando la base d'asta (3,500,000 /5,500,000). Top lot della serata è stato però un Trittico (1974-77) di Francis Bacon, che ha raggiunto la cifra di 26,340,500 sterline (35,243,5889 Euro), meno di quanto aveva spuntato l'anno scorso, all'asta newyorchese di Sotheby's, Study from Innocent X del 1962, battuto a 52,6 milioni di dollari (38,7 milioni di Euro), prezzo record per l'artista.

  • Svizzera nel mirino dei ladri

    A pochi giorni di distanza dal furto di due opere (Verre et pichet del 1944 e Tête de cheval del 1962) di Picasso di proprietà dello Sprengel Museum di Hannover, avvenuto il 6 febbraio scorso presso il Centro culturale di Pfäffikon, un distretto del Canton Zurigo, i ladri d'arte sono tornati nuovamente in Svizzera. A farne le spese è stata la Stiftung Sammlung E.G. Bührle di Zurigo, che, il 10 febbraio, si è vista sottrarre 4 capolavori. L'operazione, che ha avuto luogo in pieno giorno e durante l'apertura, ha fruttato, infatti, ai malviventi opere di Van Gogh (Branches de marronniers en fleur, 1890), Monet (Les coquelicots près de Vétheuil, 1880 ca), Cézanne (Le garçon au gilet rouge, 1894-95) e Degas (Comte Lepic et ses filles, 1871 ca). Il bottino è stimato intorno ai 112 milioni di Euro.

  • Febbraio: grandi aste per Christie's e Sotheby's

    Dopo gli insuccessi delle aste newyorchesi dello scorso novembre, segnate dal ritiro di un'opera di Van Gogh e da un prezzo inferiore alle aspettative per Gauguin, tutti attendono di sapere cosa succederà nelle prossime sedute di Christie's e Sotheby's, previste a Londra per il 4 e il 5 febbraio...

  • dettagli
  • Riflessi della notifica sui prezzi dell'arte italiana

    Nonostante la recente débâcle del mercato dell'arte moderna, che ha visto rimanere al palo un paesaggio di Van Gogh, il contemporaneo sembra godere ancora di buona salute, ma i prezzi più alti strappati nelle aste internazionali non riguardano quasi mai gli artisti italiani...

  • dettagli
  • Fare e disfare. Un circolo vizioso e, soprattutto, costoso

    Il portale www.italia.it, che avrebbe dovuto rappresentare una vetrina promozionale del nostro Paese agli occhi del mondo, ha chiuso i battenti. Presentato alla Bit dello scorso anno e duramente criticato dagli esperti di tecnologia e turismo per la scarsa affidabilità, è ora al vaglio del Ministero dei Beni Culturali, che deve decidere cosa farne. In ballo ci sono infatti ancora 38 milioni di Euro circa da spendere per rifare il sito e adeguare il servizio alle esigenze degli utenti. Una cifra davvero notevole, che si spera non vada perduta come i 7 milioni usati finora. L'incarico verrà probabilmente affidato all'Enit, che, data l'esperienza nel settore, dovrebbe riuscire a creare un portale turistico pià aggiornato, efficiente e razionale. Che sia la volta buona?

  • Vedova val bene un museo, anzi tre

    Se tutto procederà come previsto, nella primavera del 2009 verrà finalmente inaugurato il Museo Vedova, che troverà ospitalità in diversi spazi di Venezia, ristrutturati in base ai progetti di Renzo Piano. Ai Saloni del Sale si aggiungeranno infatti anche lo Studio delle Zattere e la casa dell'artista. Il pubblico potrà quindi ammirare, oltre ai lavori di Vedova, che sono stati recentemente oggetto di inventario da parte della Fondazione omonima, anche gli archivi e gli scritti di questo importante artista italiano, che è stato uno dei principali interpreti dell'Informale e, con la vita e le opere, ci ha lasciato un grande esempio di impegno sociale e politico.

  • Le cascate di Eliasson saranno la nuova attrazione di New York

    L'artista danese Olafur Eliasson, che ama creare le sue opere ispirandosi ai fenomeni scientifici e naturali, dopo aver realizzato diverse installazioni spettacolari, tra cui quella del 2003 alla Turbine Hall di Londra, è in procinto di cimentarsi in un progetto di arte pubblica monumentale a New York. Nei prossimi mesi darà vita infatti a quattro grandi cascate, alte 36 metri, che animeranno la baia della Grande Mela, di giorno e di notte. Saranno illuminate, infatti, da luci ecologiche. The New York City Waterfalls, che saranno posizionate a Brooklyn, Manhattan e Governors Island, dovrebbero costare intorno ai 15 milioni di dollari e saranno finanziate dal Public Art Fund, un ente non-profit, che ha già sponsorizzato altre iniziative artistiche di successo. L'installazione dovrebbe essere pronta per luglio e resterà visibile fino a ottobre.

  • L'Architettura ha il suo direttore

    Dopo la nomina di Paolo Baratta alla guida della Biennale di Venezia, si sono avute quelle dei responsabili delle diverse sezioni. Confermati i nomi di Marco Müller per il Cinema, Maurizio Scaparro per il Teatro, Ismael Ivo per la Danza, restava da conferire l'incarico più spinoso, quello per la Biennale di Architettura, che si terrà tra pochi mesi, e precisamente dal 14 settembre al 23 novembre. Il Consiglio di Amministrazione ha optato per l'americano Aaron Betsky, che, è stato più volte Commissario del Padiglione Olandese della Biennale e, per questo, nel 2002, ha vinto il Leone d'Oro. Nato nel 1958, Betsky può vantare un curriculum di tutto rispetto. Dopo essersi laureato alla Yale School of Architecture, ha conseguito, infatti, un Ph.D in Storia dell'Architettura presso la Technical University di Delft e, in seguito ha rivestito posizioni di grande prestigio. Dal 1995 al 2001 è stato curatore per l'architettura al San Francisco Museum of Modern Art, dal 2001 al 2006 ha diretto il Netherlands Architecture Institute di Rotterdam e, da allora, è a capo del Cincinnati Art Museum.

  • Milano, Johannesburg, Second Life ecc.

    Grazie all'interessamento di Laura Broggi e Andrea Lissoni e alla collaborazione di Urban Screen Spa, anche Milano è entrata a far parte del progetto "Streaming Museum", volto alla creazione di un network internazionale che realizza mostre ed eventi multimediali e li mette gratuitamente a disposizione di tutti in luoghi pubblici e musei, collegati in tempo reale. Il primo appuntamento è fissato per il 29 gennaio...

  • dettagli
  • Prestare o non prestare: questo il dilemma

    Le rivendicazioni che da più parti si stanno levando contro i musei affinché restituiscano le opere che hanno ottenuto illegalmente o in seguito a fatti bellici, hanno creato grande imbarazzo al governo russo, che, per un certo periodo di tempo, ha pensato fosse meglio non concedere in prestito alla Royal Academy di Londra alcuni capolavori confiscati durante la Rivoluzione del 1917. Fortunatamente, ci ha ripensato e, tra pochi giorni, questi straordinari dipinti, realizzati da alcuni tra i più noti pittori impressionisti e postimpressionisti francesi, si potranno vedere esposti alla mostra "From Russia: French and Russian Master Paintings 1870–1925 from Moscow and St Petersburg", aperta dal 26 gennaio al 18 aprile 2008.

  • Non c'è pace per l'Accademia

    Anche se manca ancora il via libera del Ministero della Difesa, sembra che vi sia ampio consenso sul trasferimento dell'Accademia di Brera in Via Mascheroni, dove oggi si trova il Distretto militare. La soluzione permetterebbe infatti di dare il via al progetto della "Grande Brera" e offrire spazi più ampi e confortevoli agli studenti, senza relegarli in periferia. I problemi però sono ben lontani dall'essere risolti. L'11 gennaio scorso, infatti, gli studenti, riuniti nell'Aula Magna, hanno deciso di appoggiare la protesta delle Accademie di Belle Arti italiane, che chiedono una reale parificazione con le Università e un titolo di studio corrispondente a una laurea. A 8 anni dalla promulgazione della Legge di riforma 508/'99, che ha equiparato gli istituti AFAM (Accademie di Belle Arti, Conservatori, Accademie di Arte Drammatica, Accademie di Danza e ISIA) a quelli universitari, sembra infatti sia cambiato ben poco, a parte le tasse, che, ovviamente, sono aumentate. Questo ha creato difficoltà nella partecipazione a concorsi pubblici, nel riscatto degli anni di studio all'INPS, nell'inserimento in molte istituzioni universitarie italiane e straniere.

  • Ancora un incarico prestigioso per Miquel Barcelò

    Miquel Barcelò, che è uno dei più noti artisti spagnoli contemporanei e l'anno scorso ha realizzato un importante lavoro in terracotta per la Cappella del Santo Padre della Cattedrale di Palma di Maiorca, ha ricevuto l'incarico di realizzare una grande decorazione murale per la volta del nuovo Auditorium del Palazzo delle Nazioni Unite. Il progetto è stato promosso dalla Fondazione Onuart, costituita nel 2007 per sostenere e promuovere l'arte spagnola.

  • Sarà restaurato il "Grande Cretto", l'opera che ha cambiato il volto di Gibellina

    La notte tra il 14 e il 15 gennaio 1968 un violento terremoto rase completamente al suolo Gibellina e il Comune decise di portare in quella terra desolata il sollievo dell'arte. Fu così che, nel 1985, Alberto Burri cominciò a realizzare il Grande Cretto, una delle prime opere di Land Art italiana. A 40 anni da quel disastro, si è deciso di intervenire per riportare l'opera allo stato originario...

  • dettagli
  • Tutti insieme per Baldi

    Dal 29 dicembre scorso Pio Baldi ha smesso di guidare la Direzione generale per l'architettura e l'arte contemporanea, che presiedeva dal 2001. Il Ministro Rutelli ha deciso infatti di conferire questo incarico a Carla Di Francesco, fino ad allora responsabile della Sovrintendenza milanese. Il cambio non è piaciuto agli addetti ai lavori (artisti, critici, architetti, urbanisti, direttori di musei, operatori culturali), che si sono mobilitati in favore di Baldi e hanno sottoscritto un appello per chiedere il suo ritorno. Il suo allontanamento potrebbe infatti creare problemi nei riguardi del MAXXI, il Museo nazionale delle Arti del XXI secolo di Roma, che, dopo mille traversie, sembra ormai prossimo al completamento. L'inaugurazione è prevista infatti per l'inizio del 2009.

  • Si intensifica l'attenzione dei collezionisti per i manifesti d'autore

    Cresce l'interesse per i cartelloni pubblicitari realizzati all'inizio del XX secolo dalle principali imprese italiane. All'asta torinese di Bolaffi del 12 dicembre scorso hanno riscosso infatti grande attenzione alcuni manifesti commissionati dai Grandi Magazzini Mele di Napoli ai più noti illustratori dell'epoca, che, in molti casi, hanno più che raddoppiato la base d'asta. Il pezzo più caro è stato sicuramente La signora in rosso di Marcello Dudovich, che è stata aggiudicata per 36 mila Euro. Un altro prezzo interessante è stato raggiunto da Leopoldo Metlicovitz, che ha ottenuto 24 mila Euro per Al tennis club. Qualcosa meno ha spuntato Aldo Mazza che, con L'ammirazione dell'eleganza, ha garantito al venditore 21.600 Euro. Per avere un'idea della bellezza e dell'eleganza di queste affiche, si possono visitare le mostre aperte fino al 20 aprile al Castello Sforzesco di Milano, che festeggia gli 80 anni della Raccolta Bertarelli ripercorrendo la storia della comunicazione, della grafica e del manifesto pubblicitario.

  • Il design come emozione e discorso di vita

    Il 2007 si è chiuso con una brutta notizia. Il 31 dicembre scorso è scomparso infatti Ettore Sottsass, uno dei più originali ed eclettici designer italiani...

  • dettagli
  • Adempimenti fiscali per le imprese che, nel 2007, hanno erogato fondi per l'arte e lo spettacolo

    Il 31 gennaio 2008 è l'ultimo giorno che le imprese hanno a disposizione per comunicare al Ministero per i Beni e le Attività Culturali (Direzione generale per gli affari generali, il bilancio, le risorse umane e la formazione, Servizio I, Affari generali, bilancio e programmazione - Via del Collegio Romano, 27 - 00186 Roma) le erogazioni liberali effettuate nel 2007 per favorire la realizzazione di iniziative culturali ex art. 38 della Legge 342/2000 e successivi decreti ministeriali. Nella comunicazione vanno indicati l'ammontare delle erogazioni effettuate, le proprie generalità, comprensive dei dati fiscali, i soggetti che hanno beneficiato delle elargizioni. Una dichiarazione analoga deve essere effettuata anche dai beneficiari delle erogazioni, che, oltre a segnalare le proprie generalità e le somme ricevute, devono indicare anche le finalità o attività per le quali hanno ottenuto i fondi ovvero la loro corrispondenza alle attività istituzionali allegando copia dell'atto costitutivo o dello Statuto. Maggiori informazioni e i moduli si possono trovare sul sito del Ministero per i Beni e le Attività culturali.

  • Wallinger ha ottenuto il Turner Prize

    Il 3 dicembre scorso, è stato finalmente assegnato il Turner Prize, uno dei più ricchi e ambiti premi internazionali, al quale possono partecipare però soltanto gli artisti under 50 che sono nati o lavorano in Inghilterra. A vincerlo è stato Mark Wallinger, che ha sbaragliato gli altri finalisti: Zarina Bhimji, Mike Nelson e Nathan Coley.

  • Cambio al vertice dei Musei Vaticani

    Antonio Paolucci, che nel corso della sua carriera ha rivestito incarichi di grande importanza, tra cui quello di Ministro dei Beni Culturali, Direttore degli Uffizi e Sovrintendente del Polo museale fiorentino, è andato in pensione nel 2006, ma ora ha ricevuto una proposta difficile da rifiutare, quella di sostituire Francesco Buranelli alla guida dei Musei Vaticani, un'istituzione che, oltre a molti capolavori d'arte antica, contiene anche una sezione di arte religiosa moderna. La carica è stata ufficializzata il 4 dicembre scorso.

  • Si parte sempre dal basso...

    Firenze è una città ricchissima di capolavori e opere d'arte, ma ha sempre dimostrato scarsa attitudine per il contemporaneo. Da qualche mese però James Bradburne, che dirige Palazzo Strozzi, ha dato vita al Centro di Cultura Contemporanea Strozzina (CCCS), che dovrebbe diventare un punto di riferimento soprattutto per i giovani. Il nuovo spazio, ospitato nel seminterrato dell'edificio, è stato inaugurato, il 30 novembre scorso, con una mostra interattiva e immersiva, curata da Franziska Nori e Martin Steinhoff. La rassegna, intitolata "Sistemi emotivi. Artisti contemporanei tra emozione e ragione", resta aperta fino al 3 febbraio ed è accompagnata da conferenze, incontri e attività didattiche, che hanno lo scopo di avvicinare il pubblico al contemporaneo. Per il futuro sono in cantiere collaborazioni con importanti istituzioni nazionali e straniere e diverse mostre. Tra queste, "I vestiti nuovi dell'imperatore", che si propone di riflettere sulla situazione artistica contemporanea, e "Art Money", incentrata sul rapporto tra arte e mercato.

  • Cosa non si fa per gli studenti!

    La Andy Warhol Foundation di New York, presieduta da Joel Wachs, è stata creata nel 1987, dopo la morte dell'artista, al fine di promuovere il suo lavoro e sostenere lo sviluppo delle arti visive. Oltre a sovvenzionare mostre, pubblicare libri e aiutare artisti, nel 2007, si è impegnata a regalare ad alcuni musei di college e università degli Stati Uniti più di 28.500 fotografie vintage, realizzate da Warhol. L'iniziativa, che è stata valutata intorno ai 28 milioni di dollari, riguarda all'incirca la metà delle opere fotografiche della collezione, e rappresenta il primo passo di un'operazione più vasta, il "Photographic Legacy Program", che dovrebbe essere completata in un paio d'anni con la definitiva dismissione di questa parte del patrimonio. Lo scopo è quello di far conoscere al maggior numero di persone possibili questo aspetto del lavoro di Warhol, che finora è stato poco considerato.

  • Cataloghi ragionati in preparazione

    Nel campo dell'arte moderna e contemporanea non sono affatto rare le falsificazioni. Uno dei sistemi per capire se l'opera di un artista è autentica è quello di consultare il catalogo ragionato che lo riguarda. Se non esiste ancora, magari lo stanno preparando...

  • dettagli