News: notizie di arte moderna e contemporanea

News del 2006:  notizie sui musei

  • Un "grido" d'allarme per il capolavoro di Munch

    Il Grido di Edvard Munch, trafugato dal Munch Museet di Oslo nell'agosto del 2004 e ritrovato misteriosamente dopo due anni, è stato sottoposto ad accertamenti per valutare il suo stato di salute. I risultati sono oltremodo scoraggianti. Pare, infatti, che il capolavoro dell'artista norvegese sia stato irreparabilmente danneggiato dall'umidità. Sembra invece in condizioni migliori un'altra opera di Munch, la La Madonna, rubata nella stessa occasione.

  • L'Archivio della Scuola Romana trova posto a Villa Torlonia

    Il 22 dicembre scorso, è stato riaperto a Roma il Casino Nobile di Villa Torlonia, uno splendido palazzo neoclassico sulla Via Nomentana, che fu anche dimora dal Duce. Sarà la sede del cosiddetto "Museo della Villa", dove si potranno ammirare, sculture, affreschi e mosaici, realizzati tra il 1835 e il 1840 da artisti come Thorvaldsen, Podesti, Trojetti ecc, e anche un bunker sotterraneo. Le attrattive di quello che sta diventando un vero e proprio polo museale non finiscono qui. In un'altra parte della Villa, il Casino dei Principi, troverà posto, infatti, l'Archivio della Scuola Romana, messo insieme a partire dal 1983 da Miriam Mafai, Maurizio Fagiolo dell'Arco, Antonello Trombadori, Alberto Ziveri e Netta Vespignani. Col suo ricco patrimonio di libri, riviste, diari, fotografie e documenti permetterà di conoscere più da vicino la vita artistica e culturale romana tra le due guerre. Tanto più che, grazie alla generosità di molti artisti e dei loro eredi, e ad alcuni depositi in comodato, può contare su una bella collezione di opere d'arte. Si possono così vedere disegni, dipinti e sculture di autori come Mario Mafai, Fausto Pirandello, Antonietta Raphäel, Scipione, Francesco Trombadori, Pericle Fazzini, Carlo Socrate, Roberto Melli, Antonio Donghi, Ferruccio Ferrazzi ecc.

  • Adempimenti fiscali per le imprese che, nel 2006, hanno erogato fondi per l'arte e lo spettacolo

    Mercoledì 31 gennaio 2007 è l'ultimo giorno che le imprese (individuali e non) hanno a disposizione per comunicare al Ministero per i Beni e le Attività Culturali (Dipartimento per la Ricerca, l'innovazione e l'organizzazione, Direzione Generale per gli Affari Generali, il Bilancio, le Risorse umane e la Formazione, Servizio I, Affari Generali, Bilancio e Programmazione - Via del Collegio Romano, 27 - 00186 Roma) e, per via telematica, al Sistema informativo dell'Agenzia delle entrate del Ministero dell'Economia e delle Finanze, le erogazioni liberali effettuate nel 2006 per favorire la realizzazione di iniziative culturali ex art. 38 della Legge 342/2000 e successivi decreti ministeriali. Nella comunicazione vanno indicati l'ammontare delle erogazioni effettuate, le proprie generalità, comprensive dei dati fiscali, i soggetti che hanno beneficiato delle elargizioni. Una dichiarazione analoga deve essere effettuata anche dai beneficiari delle erogazioni, che, oltre a segnalare le proprie generalità e le somme ricevute, devono indicare anche le finalità o attività per le quali hanno ottenuto i fondi ovvero la loro corrispondenza alle attività istituzionali allegando copia dell'atto costitutivo o dello Statuto. Maggiori informazioni e i moduli si possono trovare sul sito del Ministero per i Beni e le Attività culturali.

  • La Triennale apre uno spazio espositivo alla Bovisa

    Per anni si è parlato della Bovisa come sede del Museo del Presente. Sfumato il progetto comunale, a rivitalizzare questo vecchio quartiere industriale ci ha pensato la Triennale...

  • dettagli
  • ArteQ Summit: la tecnologia al servizio della cultura

    I videogiochi, Internet, la TV on demand, l'I-Pod e i telefonini di nuova generazione stanno cambiando il nostro modo di vivere, conoscere e scambiare informazioni. Questo vale per le cose più stupide e banali, ma anche nel campo della cultura e dei servizi museali, dato che il pubblico non si accontenta più dei tradizionali sistemi di divulgazione del sapere e preferisce utilizzare i più innovativi strumenti tecnologici. Per conoscere tutte le opportunità che la scienza mette a disposizione della cultura, si può partecipare al convegno "ArteQ Summit", che si terrà il 19 dicembre prossimo alla Mediateca di Santa Teresa, in Via Moscova 28 a Milano. Si parlerà di prodotti multimediali, visite virtuali, guide interattive, etichette elettroniche, tecnologie on line, on site, mobile, wi-fi ecc. L'incontro inizia alle 14. Info: 02-8739781.

  • Zaha Hadid sbarca in Sardegna

    L'architetto anglo-iracheno Zaha Hadid, già coinvolta nel progetto del MAXXI di Roma, ha ricevuto un altro incarico di prestigio, quello per la realizzazione del Betile, il Museo Nuragico e dell'Arte Contemporanea di Cagliari, che sarà costruito sul lungomare del borgo di Sant'Elia. I lavori di costruzione del nuovo centro, che costerà intorno ai 50 milioni di Euro e potrà contare su una superficie di 12.000 mq tra spazi espositivi, biblioteca, centro congressi, uffici e aree di servizio, inizieranno nel 2008.

  • Bilotti non c'è più

    Il 17 novembre scorso, è morto a New York l'industriale Carlo Bilotti. Grande appassionato d'arte e collezionista di gran fiuto, 6 mesi fa aveva donato parte delle sue opere, soprattutto dipinti di Giorgio de Chirico, al Comune di Roma, che aveva deciso di metterle a disposizione del pubblico all'Aranciera di Villa Borghese, attuale Museo Bilotti. Ad avvantaggiarsi della sua generosità è stata anche Cosenza, la sua città natale, che ha ricevuto in dono altre opere.

  • La Galerie Belvedere perde un altro capolavoro

    L'Österreichische Galerie Belvedere di Vienna, che qualche tempo fa è stata costretta a restituire 5 dipinti di Gustav Klimt a Maria Altmann, nipote di Adele Bloch Bauer, ha dovuto soccombere anche alle richieste avanzate da Marina Fistulari Mahler, erede di Alma Mahler, moglie del celebre compositore. Una sentenza dell'8 novembre scorso, infatti, ha ribaltato quanto deciso nel 1999, e l'ha obbligata a rendere agli eredi anche Paesaggio lunare, un dipinto che il pittore norvegese Edvard Munch aveva realizzato nel 1902. L'opera, dal 1916 di proprietà dei Mahler, era stata prestata alla Galerie Belvedere nel 1937, e non era più stata restituita alla famiglia. L'anno successivo, infatti, il museo l'aveva acquistata dal pittore filonazista Carl Moll, patrigno di Alma. La donna però non ne sapeva niente. Aveva, infatti, lasciato il paese per seguire il terzo marito, che era di religione ebraica.

  • Apre a Firenze il Museo Nazionale della Fotografia

    Il 28 ottobre 2006 è stato inaugurato a Firenze il Museo Nazionale di Storia della Fotografia. A volerlo sono stati il Comune, l'Ente Cassa di Risparmio di Firenze e la Fondazione Alinari, senza la quale non si sarebbe potuto fare nulla. Alla base di tutto, infatti, ci sono le collezioni di questa straordinaria azienda italiana...

  • dettagli
  • A Matera, la città dei sassi, è nato un museo dedicato alla scultura del '900

    Il 14 ottobre scorso è stato inaugurato, a Matera, il MUSMA, un museo dedicato alla scultura contemporanea. Ospitato nel seicentesco Palazzo Pomarici, può contare su una bella collezione, che è il frutto di donazioni effettuate da artisti e collezionisti, italiani e stranieri...

  • dettagli
  • Si terrà in Trentino Alto Adige la VII edizione di Manifesta

    La Fondazione Internazionale di Manifesta (IFM), che ha sede ad Amsterdam, ha deciso quale sarà la location della VII edizione della Biennale Europea d'Arte Contemporanea, un evento di rilievo internazionale che si tiene ogni 2 anni in una località diversa. Per la prima volta dalla sua creazione, la Manifesta del 2008 non sarà ospitata in un centro urbano ben definito, ma in diverse località del Trentino e dell'Alto Adige, due zone di transito e di confine tra diversi paesi. Tra i luoghi proposti, ma ancora da definire, ci sarebbero il forte di Fortezza, l'ex-Alumix e le Officine Fs a Bolzano, le ex-caserme a Trento sud, la centrale idroelettrica di Fies. La scelta effettuata dall'IFM premia l'attenzione che il Trentino e il MART hanno dimostrato in questi anni nei confronti dell'arte contemporanea e che l'inaugurazione del nuovo edificio del Museion di Bolzano, prevista per il 2008, dovrebbe contribuire a incrementare. Le scorse edizioni di Manifesta si sono tenute a Rotterdam (1996), Lussemburgo, (1998), Lubiana (2000), Francoforte (2002) e San Sebastian (2004). Quella del 2006 a Nicosia, infatti, è stata cancellata.

  • Tra i due litiganti, il terzo gode

    Dopo mesi di incertezza, l'Ermitage Museum di San Pietroburgo ha finalmente deciso quale sarà la sua sede italiana, la quinta nel mondo dopo Amsterdam, Las Vegas, Londra e Kazan. Scartate Mantova e Verona, ha scelto di trasferire parte delle sue attività e il nuovo centro di studi a Ferrara. Per questa città, che sta impegnandosi molto nel campo della cultura e dell'arte, si tratta di un'ottima opportunità. La "filiale" del prestigioso museo russo troverà posto al Castello Estense.

  • Il Denver Art Museum raddoppia

    Il 7 ottobre scorso è stato inaugurato a Denver il Frederic C. Hamilton Building, l'edificio progettato dall'architetto polacco Daniel Libeskind per far fronte ai problemi di ampliamento del Denver Art Museum. La realizzazione di questa spettacolare architettura in vetro e titanio, che richiama le Montagne Rocciose e i cristalli di roccia, è durata tre anni ed è costata 90,5 milioni di dollari. Grazie all'intervento di Libeskind, il museo potrà disporre di nuovi spazi per le mostre temporanee e per l'esposizione della collezione permanente, che è davvero stratosferica. Oltre 60.000 pezzi, che spaziano dall'arte precolombiana a quella africana, da quella oceanica a quella indiana, dall'arte coloniale spagnola all'arte moderna e contemporanea. Libeskind, che è diventato famoso per la realizzazione del Jewish Museum di Berlino, inaugurato nel 2001, è stato uno degli architetti chiamati a presentare un progetto per il rifacimento dell'area di Ground Zero a New York.

  • Continua il duello tra Pinault e Arnault

    I due magnati francesi del lusso, François Pinault e Bernard Arnault, sono di nuovo sul piede di guerra. E se Pinault, spazientito dalle lungaggini burocratiche, ha deciso di rinunciare alla creazione del suo museo sull'Île Seguin di Parigi e di portare la sua collezione a Venezia, Arnault sta approfittando della situazione per dare vita a un museo al Bois de Boulogne, che sembra avere l'avvallo delle istituzioni. Per realizzare l'edificio che ospiterà la Fondazione Luis Vitton per la Creazione, la ricca collezione d'arte moderna e contemporanea del gruppo Lvmh, mostre temporanee e un centro di ricerca e documentazione, ha ingaggiato Frank O. Gehry, il più famoso degli architetti museali contemporanei, che ha progettato per lui una grande "nuvola" di vetro. Il museo, che dovrebbe essere pronto per il 2010, ha un costo stimato intorno ai 100 milioni di Euro.

  • Il mondo dell'arte si trasferisce ad Abu Dhabi

    La nuova mecca dell'arte si chiama Abu Dhabi. Gli Emirati Arabi hanno, infatti, in programma di trasformare l'isola di Saadyiat in un gigantesco centro espositivo. Il primo architetto coinvolto nell'iniziativa è stato Frank O. Gehry, autore del celebre museo di Bilbao, che dovrà creare qui una succursale della Fondazione Guggenheim. La sua idea, già in fase di elaborazione, è quella di dare vita a un edificio che coniughi le linee tipiche dei suoi musei con quelle dell'architettura islamica. Altri contatti sono in atto col Louvre, per la cui filiale è stato scomodato un altro nome famoso, quello di Jean Nouvel, che ha appena portato a termine il museo parigino del Quai Branly. Il forte interesse degli sceicchi per l'arte non è sfuggito a Christie's, che ha già tenuto qui una fortunata asta di arte contemporanea, e sta generando fibrillazione anche in molti galleristi, che stanno pensando di aprire delle sedi negli Emirati. In un contesto così effervescente non poteva certo mancare una fiera dell'arte e, infatti, nel marzo 2007, Dubai terrà a battesimo la prima. Dato il livello degli investitori, il modello di riferimento non poteva essere altro che la regina di questo tipo di manifestazioni: la svizzera ed esclusiva Art Basel, che si è data un tocco glamour inventando la fiera di Miami Beach.

  • Seconda edizione della "Giornata del Contemporaneo"

    L'AMACI, Associazione Musei d'Arte Contemporanei Italiani, ha deciso di riproporre anche nel 2006 la "Giornata del Contemporaneo", nata per sensibilizzare l'opinione pubblica sull'importanza dell'arte contemporanea come fattore di sviluppo dell'identità culturale e dell'innovazione sociale ed economica. Il 14 ottobre, i 23 musei aderenti all'AMACI e altri 400 enti e istituzioni - associazioni, fondazioni, gallerie, centri culturali e accademie - apriranno gratuitamente i propri spazi al pubblico e verranno organizzati convegni, incontri e mostre. A partire da questa edizione, l'iniziativa sarà affiancata da un'immagine guida, ideata ogni volta da un artista italiano diverso. Per quest'anno è stato scelto Michelangelo Pistoletto. Per sapere quali sono le istituzioni che aderiscono alla manifestazione, si può vedere il sito dell'AMACI.

  • Fai un salto in stazione! L'arte ti aspetta

    Grazie alla collaborazione di Trenitalia, Antonio Maria Pivetta ha potuto realizzare una mostra davvero singolare, non tanto per gli artisti, che sono alcuni tra i più rappresentativi dell'arte figurativa italiana del '900, ma per la location: un treno speciale che raggiungerà 28 diverse città della Penisola, a partire da Torino Porta Nuova. I lavori di Baj, Boetti, Campigli, Carrà, Cascella, Casorati, Chia, Cucchi, De Chirico, De Pisis, Fiume, Fontana, Funi, Guttuso, Ligabue, Mondino, Morandi, Morlotti, Paladino, Pascali, Rotella, Schifano, Sironi, e tanti altri artisti viaggeranno su 6 carrozze appositamente allestite e toccheranno ogni giorno le stazioni di una località diversa, dove potranno essere visti gratuitamente dalle 8:30 alle 19:30. La manifestazione, intitolata "Il Treno dell'arte - Museo per un giorno", comincerà l'1 ottobre e si concluderà il 31 ottobre alla stazione di Porta Garibaldi a Milano. Le opere, molte delle quali inedite, sono state realizzate a partire dal 1946 e provengono da collezioni private. Per maggiori informazioni, si può guardare il sito www.trenodellarte.it.

  • Si arricchisce la collezione del Museo di Capodimonte

    Avevano esposto al Museo di Capodimonte nel 1988 e nel 1997, ma le loro opere non erano mai entrate in collezione. Ora, In ascolto (stanza dello spettatore) di Giulio Paolini, Mare Nostrum e Hero und Leander di Anselm Kiefer, arrivano qui come deposito a lungo termine di alcuni privati collezionisti napoletani aggiungendosi alle opere di Joseph Beuys, Alberto Burri, Luciano Fabro, Alexander Kosuth, Jannis Kounellis, Eliseo Mattiacci, Mario Merz, Hermann Nitsch, Michelangelo Pistoletto, Andy Warhol e tanti altri. Kiefer e Paolini, come altri artisti di rilievo internazionale, hanno lavorato anche per il Teatro San Carlo realizzando delle scenografie. Il primo, nel 2003, per l'Elektra di Richard Strauss; il secondo, nel 2005, per la Valchiria di Wagner. In città sono rappresentati da due gallerista di punta, Lia Rumma e Alfonso Artiaco. Le loro opere, tutte del 2005, saranno esposte a partire dal prossimo 5 ottobre.

  • Parte a novembre il Corso di Perfezionamento per Responsabile di Progetti Culturali della Fondazione Fitzcarraldo

    Sta per partire l'XI edizione del "Corso di Perfezionamento per Responsabile di Progetti Culturali", organizzato dalla Fondazione Fitzcarraldo. Un corso innovativo, di respiro internazionale, che può vantare docenti del calibro di Lucio Argano, Fabrizio Grifasi, Peppino Ortoleva, Michele Trimarchi, Francesco Florian, Julian Marland e ha lo scopo di formare e aggiornare gli operatori culturali sulle migliori pratiche di sviluppo dei progetti nell'ambito dello spettacolo, della valorizzazione territoriale integrata, dei beni culturali, delle arti visive, dei nuovi media, delle industrie culturali e della comunicazione e della mediazione interculturale. Il percorso didattico, focalizzato sulla realizzazione del progetto artistico-culturale presentato da ogni singolo partecipante, prevede lezioni in aula, visite di studio, interviste agli artisti e ai direttori di strutture culturali pubbliche e private, laboratori tematici di approfondimento su temi specifici della progettazione culturale. Il corso inizia a fine novembre, ma la scadenza per la richiesta delle 12 borse di studio a favore degli operatori piemontesi e italiani è fissata all'8 ottobre prossimo. Chi fosse interessato, può contattare la Fondazione Fitzcarraldo (Tel. 011-5683365) o guardare il sito www.fitzcarraldo.it.

  • L'Arte italiana ha bisogno di te!
    Contribuisci alla raccolta fondi per i beni culturali

    Dal 23 settembre all'1 ottobre ritornano le "Giornate di raccolta fondi a favore dei beni culturali", create nel 2004 per coinvolgere gli italiani nel restauro di opere e monumenti e sensibilizzarli nei confronti del proprio patrimonio artistico...

  • dettagli
  • Da tempo Milano vuole il suo museo, ora forse l'avrà

    Nel 1895 gli Scapigliati lombardi brontolavano perché a Milano mancava un Museo d'arte contemporanea. Nel 1933, a lamentarsi furono Depero, Marinetti e Prampolini. Da allora, nonostante le richieste e le promesse, le cose non sono cambiate di molto. Ora però sembra che qualcosa si stia muovendo e che Milano avrà finalmente il tanto sospirato Museo del Novecento...

  • dettagli
  • Giornate Europee del Patrimonio

    Il 23 e 24 settembre prossimi ritornano le "Giornate Europee del Patrimonio", che il Consiglio d'Europa ha istituito per sensibilizzare i cittadini dei Paesi membri al rispetto e alla conoscenza reciproca. Il tema di quest'anno è "Un patrimonio venuto da lontano" e vuole porre l'accento sulla pluralità di espressioni che nascono dall'incontro tra civiltà e culture. L'Italia, data la sua caratteristica di "Museo a cielo aperto", partecipa all'iniziativa con numerose proposte e con l'apertura gratuita degli spazi culturali statali. Per maggiori informazioni si può consultare il sito del Ministero per i Beni e le Attività Culturali.

  • Il MART va in trasferta in Cina

    Dopo la "Campagna di Russia", il MART, il Museo d'arte moderna e contemporanea di Trento e Rovereto, sbarca in Cina per portare anche qui l'arte italiana del '900. Le località prescelte per l'esposizione, che è curata da Gabriella Belli ed è intitolata "Figure e immagini del XX secolo italiano. Opere dalle collezioni permanenti del Mart", sono il National Art Museum of China di Pechino (10 settembre-8 ottobre) e il Guangdong Museum of Art di Canton (25 ottobre-10 dicembre). Il percorso espositivo ripercorre alcuni passaggi chiave della nostra storia dell'arte, dal Futurismo, al "Ritorno all'ordine", dall'Informale alla Pop Art, dall'Arte Povera alla Transavanguardia. Spazio verrà riservato anche alla famosa querelle del dopoguerra tra arte astratta e figurativa. Tra gli artisti in mostra ci sono dei veri e propri "pezzi da 90": Giacomo Balla, Umberto Boccioni, Fortunato Depero, Carlo Carrà, Massimo Campigli, Mario Sironi, Renato Guttuso, Alberto Magnelli, Osvaldo Licini, Fausto Melotti, Bruno Munari, Luigi Veronesi, Giorgio Morandi, Lucio Fontana, Alberto Burri, Piero Manzoni, Emilio Vedova, Mimmo Rotella, Mario Schifano, Tano Festa, Michelangelo Pistoletto, Mimmo Paladino, Enzo Cucchi, Sandro Chia, Francesco Clemente e Nicola de Maria. Molte delle opere esposte appartengono ad alcune tra le più prestigiose collezioni private italiane, in deposito permanente al MART. Tra queste, la Collezione Giovanardi, la Collezione Alessandro Grassi e la Collezione Luigi Ferro.

  • Tornano a casa il "Grido" e la "Madonna" di Munch

    Il 31 agosto scorso, a 2 anni dal rocambolesco furto al Munch Museet di Oslo, sono state recuperate due delle opere più famose dell'artista norvegese Edvard Munch, una delle versioni del Grido e La Madonna. La polizia parla di una soffiata anonima, ma a indicare il rifugio dei due capolavori, che hanno un valore di circa 92 milioni di Euro, potrebbe essere stato anche David Toska, uno degli autori della rapina alla Banca Nokas di Stavanger, che, nel 2004, costò la vita a un poliziotto. Nei giorni scorsi, infatti, la stampa norvegese aveva scritto che il malvivente stava cercando di avviare delle trattative per ottenere uno sconto di pena. Dopo gli accertamenti necessari a stabilire l'autenticità delle opere e gli eventuali danni, i lavori di Munch saranno riportati al Munch Museet, che, nel frattempo, è stato dotato di avanzati sistemi di sicurezza.

  • Premio Cairo 2006: presto si saprà il vincitore

    Il 10 ottobre prossimo, alle 19, presso il Palazzo della Permanente di Milano, l'editore Urbano Cairo, presidente della Giorgio Mondadori, proclamerà il vincitore del 7° Premio Cairo, che è stato istituito per valorizzare la giovane arte italiana e, nelle scorse edizioni, ha segnalato l'opera di Luca Pignatelli, Bernardo Siciliano, Federico Guida, Matteo Bergamasco, Andrea Chiesi e Valentina D'Amaro. A stabilire il vincitore di quest'anno, che avrà l'onore della copertina e di un servizio sul numero di gennaio 2007 del mensile "Arte", sono stati chiamati Fabio Cavallucci (direttore della Galleria civica di Trento), Daniela Clerici (direttore di Arte), Massimiliano Gioni (direttore della Fondazione Trussardi di Milano), Gianfranco Maraniello (direttore della Galleria d'arte moderna di Bologna), Marco Pierini (direttore del Centro delle Papesse di Siena), Patrizia Sandretto Re Rebaudengo (presidente della Fondazione Sandretto di Torino) e Stefano Zecchi (presidente dell'Accademia di Brera). I membri della giuria dovranno prendere una decisione valutando il lavoro dei 20 finalisti, selezionati dalla redazione di "Arte", che sono: Alessandra Ariatti, Davide Bramante, Manuele Cerutti, Gehard Demetz, Tessa Manon Den Uyl, Till Freiwald, Marina Giannobi, Chris Gilmour, Francesco Lauretta, Anna Madia, Andrea Mastrovito, Daniela Perego, Giacomo Piussi, Luigi Presicce, Giuseppe Rado, Luisa Raffaelli, Roberta Savelli, Alessandra Spranzi, Fabio Viale e Massimiliano Zaffino. Artisti giovani, ma già affermati nel circuito dell'arte contemporanea. Il pubblico potrà farsi un'idea del loro talento visitando la mostra allestita alla Permanente fino al 22 ottobre.

  • Continua l'avventura dei Klimt della Collezione Bloch-Bauer

    Prima dell'estate vi abbiamo raccontato la romanzesca vicenda del Ritratto di Adele Bloch-Bauer I di Gustav Klimt, che dopo mille traversie e vicende legali è stato acquistato dal magnate dei cosmetici Ronald S. Lauder per la cifra record di 135 milioni di dollari. A breve, lo stesso destino potrebbe toccare alle altre 4 opere di Klimt che sono tornate in possesso di Maria Altmann, legittima erede della famiglia Bloch-Bauer. Parliamo di Ritratto di Adele Bloch-Bauer II (1912), Bosco di Betulle (1903), Albero di mele I (1911 o 1912), Case a Unterach sull'Attersee (1916). Anche questi quadri, infatti, che fino al 18 settembre sono esposti alla Neue Galerie di New York, sono stati affidati a Christie's perché provveda alla vendita, non si sa ancora se all'incanto o per trattativa privata. L'operazione riveste grande interesse, sia presso i musei che tra i collezionisti privati, perché sono davvero poche le opere di Klimt ancora disponibili e, soprattutto, di quella levatura e provenienza. È per questo, che, in attesa di conoscere la sorte dei dipinti, sono già partiti i pronostici sul loro valore. Difficilmente raggiungeranno il risultato del primo ritratto di Adele, ma sicuramente spunteranno un ottimo prezzo. Alla "gara" sembra voglia partecipare anche una cordata di storici e conservatori austriaci, che si sono fatti promotori di una petizione per acquistare le opere e riportarle a Vienna. Lo Stato, non potendo fare di più, ha dato il suo beneplacito e ha promesso benefici fiscali per i compratori.

  • Il Pushkin si rinnova e trova un nuovo spazio per i suoi capolavori

    Il Museo Pushkin di Mosca, che sta riordinando e allargando la sede museale in vista del centenario del 2012, ha deciso di accorpare la sua straordinaria raccolta di opere d'arte impressioniste e post-impressioniste in un nuovo spazio. La "Galleria dell'arte europea e americana del XIX e XX secolo", inaugurata il 3 agosto scorso, ospita molti capolavori di Monet (Colazione sull'erba, 1866; Boulevard des Capucines, 1873), Renoir (Ritratto di Jeanne Samary, 1877), Degas (Ballerine blu, 1898 ca), Cézanne (Il fumatore di pipa, 1890-92; La montagna Saint-Victoire, 1906 ca), van Gogh (Vigna rossa ad Arles, 1888; La ronda dei carcerati, 1890), Gauguin (Aha oe feii?, 1892; Te arii vahine, 1896), Matisse (Atelier rose, 1911; I pesci rossi, 1912) e Picasso (I due saltimbanchi, 1901; Acrobata e giovane equilibrista, 1905; Ritratto di Ambroise Vollard, 1909-10), di cui il museo russo possiede un ingente corpus di opere. Si trovano qui anche i dipinti di altri artisti fauves e cubisti e alcune sculture di Rodin e Maillol. Molte opere provengono dalle collezioni di Sergei Šchukin e Ivan Morozov, che furono nazionalizzate nel 1918 e, dopo la chiusura del Museo d'Arte Moderna Occidentale, avvenuta nel 1948, divise tra il Pushkin e l'Ermitage di San Pietroburgo. Irina Antonova, direttrice del Pushkin, vorrebbe ricomporre le due raccolte nel suo museo, ma il direttore dell'Ermitage, Michail Piotrovsky, non ci sta. Il motivo è molto semplice. Questi artisti e le loro opere rappresentano per il pubbblico un richiamo irresistibile e, di conseguenza, notevoli introiti...

  • Carla Enrica Spantigati si divide tra Torino e Milano

    Carla Enrica Spantigati, dal 1995 alla direzione dei beni artistici torinesi e già impegnata in Piemonte nel recupero della Reggia di Venaria e nel trasferimento della Galleria Sabauda al Palazzo Reale di Torino, è la nuova Sovrintendente di Brera, un incarico ad interim, che la terrà occupata fino alla fine 2007, quando si sapranno gli esiti del concorso per dirigenti varato in questi giorni dal Ministero. Tra le questioni che dovrà affrontare ci sono il rinnovamento e l'ampliamento della Pinacoteca di Brera e lo spostamento dell'Accademia di Belle Arti alla Bovisa. Fatti di cui si parla da tempo e che sono tornati di grande attualità.

  • Roma: è di nuovo "Notte Bianca"

    Il 9 settembre torna, per il quarto anno consecutivo, la "Notte Bianca", l'evento romano che ha fatto "scuola" e ha contagiato tutta l'Italia. Tantissimi gli eventi in programma nei principali luoghi della città, musei, piazze, ville, giardini, istituti culturali, teatri, biblioteche, chiese e luoghi di culto, gallerie d'arte, negozi ecc, in centro e in periferia. In più, come di consueto, il Comune restituirà ai residenti un nuovo spazio, il Parco di Centocelle. Ad anticipare questa notte di festa, è un'altra manifestazione, "Aspettando... La Notte Bianca", una vigilia densa di appuntamenti, che si tiene l'8 settembre dalle 12 alle 24. Tra le iniziative di maggior richiamo, un grande concerto a Piazza di Siena, la trasformazione del grande Gazometro di Roma in una suggestiva installazione luminosa, il "Luxometro", e l'inaugurazione della mostra di Hugo Pratt al Complesso del Vittoriano. Per avere maggiori informazioni, si può guardare il sito dedicato alla Notte Bianca.

  • Milano avrà finalmente il suo Museo del Design

    Presto vedrà la luce il tanto sospirato Museo Nazionale del Design Italiano. Progettato dall'architetto Michele De Lucchi, sarà ospitato all'interno della Triennale di Milano...

  • dettagli
  • Sono inziati i lavori del Nam June Paik Museum

    L'artista coreano Nam June Paik, indimenticabile protagonista della videarte, è morto a Miami il 29 gennaio scorso. La sua nazione ha deciso di ricordarlo realizzando un museo a Yong-in, a sud di Seoul. L'edificio dovrebbe essere inaugurato in ottobre con una tempistica che in Italia sembra addirittura inimmaginabile. Com'è stato possibile tutto questo? In realtà, l'idea non è nata in seguito alla scomparsa dell'artista, ma molto prima. Di questa costruzione se ne parlava già nel 2001, tanto è vero che la Kyonggi Cultural Foundation aveva cominciato a comprare delle opere direttamente dall'artista. Anche il concorso era già stato bandito. A vincerlo è stato l'architetto tedesco Kirsten Schemel, che ora darà vita al suo museo. L'edificio, ideato da lui e dal suo staff, avrà una superficie di 5.100 metri quadrati e ospiterà 67 opere di Paik e un archivio video con 2.285 progetti. Il costo dovrebbe aggirarsi intorno ai 31 milioni di dollari.

  • Inaugurata la prima installazione del Parco d'Arte Vivente di Torino

    Il 6 luglio, con l'inaugurazione dell'installazione di Dominique Gonzalez-Foerster, comincia a prendere forma il Parco d'Arte Vivente di Torino (PAV), situato in Via Giordano Bruno. L'opera, intitolata Trèfle, è un'archi-scultura di grandi dimensioni a forma di quadrifoglio. È percorribile dal pubblico in lungo e in largo ed è stata realizzata dall'architetto del paesaggio Gianluca Cosmacini. Altre opere "en plein air" saranno realizzate da Nils Udo, Enrica Borghi, Richi Ferrero, Marco Porta, Ennio Bertrand e Piero Gilardi, che è un po' l'anima di questo progetto, volto a dar vita a un "sito d'arte nella natura", vicino a tutti coloro che si interessano a temi come l'ambiente e l'ecologia.

  • Il sabato sera tutti al museo

    Per avvicinare il grande pubblico alla cultura e all'arte, dal 24 giugno al 23 settembre, Bergamo e provincia ripropongono la manifestazione "Musei di notte/La notte dei musei", che prevede l'apertura straordinaria e gratuita di questi spazi al sabato sera. Tema di quest'anno è "Lo straniero", inteso nel suo significato di "extra-ordinario". Un invito a conoscere e apprezzare gusti, atmosfere, tradizioni e storie degli altri Paesi. Il programma, davvero ricco, comprende appuntamenti, incontri e spettacoli di ogni tipo. Per informazioni, si può telefonare al numero 035-286056.

  • Nuove opere per Casa Bolongaro

    La Casa di Grazia e Gianni Bolongaro, situata nei pressi di Ameglia (Sp), e precisamente in Via della Marrana, a Montemarcello, vanta uno dei più interessanti parchi ambientali italiani. Al suo interno hanno lasciato la loro impronta numerosi artisti internazionali, tra cui Hossein Golba (1997), Kengiro Azuma (1998), Luigi Mainolfi (1999), Philip Rantzer (2000), Mario Airò e Vedovamazzei (2001), Maria Magdalena Campos-Pons (2003), Joseph Kosuth e Jannis Kounellis (2004), Jan Fabre, Ottonella Mocellin & Nicola Pellegrini (2005). Quest'anno è la volta di Ettore Spalletti e Gabriella Benedini. Il Parco è visitabile sabato e domenica dalle 18 alle 22. Per informazioni si può telefonare al numero 0187-600158. Chi non avesse la possibilità di andarci, può farsi un'idea delle opere esposte visitando il sito www.lamarrana.it.

  • MUDAM, così si chiama il nuovo museo del Lussemburgo

    Lussemburgo, che nel 2007, sarà "Capitale Europea della Cultura", ha già iniziato a calarsi nella parte inaugurando, il 2 luglio 2006, un nuovo museo d'arte contemporanea, il MUDAM, Musée d'Art Moderne Grand-Duc Jean...

  • dettagli
  • Nasce in Calabria un centro per l'arte contemporanea

    Il 24 giugno scorso è stato inaugurato ad Acri, in Calabria, il Museo Civico d'Arte Contemporanea Silvio Vigliaturo. Ospitato a Palazzo Sanseverino Falcone, un maestoso edificio del '700, dotato di grandi spazi, conserverà al suo interno le opere di Silvio Vigliaturo, uno dei principali esponenti italiani della vetro-fusione. L'idea di dare vita a questo spazio è partita proprio da lui, che ha voluto donare alla sua città d'origine dipinti, sculture e disegni. Altri importanti contributi sono arrivati dal figlio Valerio e da Adriano Berengo della Berengo Fine Arts di Murano. Il centro, che ha progetti molto ambiziosi ed è diretto da Valerio Vigliaturo, non si limiterà ad esporre le opere del maestro calabrese. In programma ci sono, infatti, mostre, incontri e workshop sull'arte contemporanea. La prima esposizione, prevista per il maggio 2007, sarà curata da Luca Beatrice e sarà dedicata alla scultura contemporanea internazionale. Un sistema avanzato di audio-guide consentirà ai non vedenti la fruizione delle opere.

  • A Firenze potrebbe nascere il primo museo italiano dedicato agli autoritratti di artisti contemporanei

    Tra maggio e giugno, le Sale delle Reali Poste di Firenze hanno ospitato una bella mostra, dedicata agli autoritratti di importanti artisti del '900. I lavori esposti arrivavano da una collezione davvero unica, quella dell'editore svizzero Raimondo Rezzonico. Le opere, che sono diventate di proprietà degli Uffizi, costituiranno la base per un nuovo museo?...

  • dettagli
  • La romanzesca vicenda del Ritratto di Adele Bloch-Bauer I di Gustav Klimt

    Il ritratto di Adele Bloch Bauer, che Gustav Klimt ha realizzato nel 1907 e che è stato recentemente oggetto di una vertenza legale tra lo Stato austriaco e Maria Altmann, nipote dell'effigiata, è stato venduto per 135 milioni di dollari. È diventato così il dipinto più caro al mondo. Un tempo era il vanto della Österreichische Galerie Belvedere, d'ora in avanti sarà esposto a New York nella Neue Galerie di Manhattan, un museo di arte tedesca e austriaca di proprietà di Ronald Lauder, uno dei maggiori collezionisti internazionali...

  • dettagli
  • La GAMeC dà nuovo spazio alla sua collezione

    La collezione permanente della GAMeC, costituita da opere donate all'Accademia Carrara per la Galleria d'Arte Moderna e Contemporanea di Bergamo ha trovato una nuova collocazione e sarà visitabile dal 15 giugno prossimo con un allestimento inedito e sicuramente più adeguato. Le raccolte, che mettono in risalto la tradizione mecenatistica della città, sono composte da dipinti, sculture, incisioni, fotografie, medaglie, opere video e pellicole cinematografiche. Testimoniano il lavoro di importanti artisti del '900 e anche di autori contemporanei come Cattelan, Pirri, Montesano, Vitone, Basilico, Garutti, Alviani. I nuclei principali sono tre: la Collezione Manzù, che comprende sculture, dipinti, disegni, incisioni di questo straordinario scultore italiano, la Raccolta Spajani, che raccoglie le opere di alcuni grandi artisti del '900 come Boccioni, Balla, De Pisis, Campigli, De Chirico, Savinio, Morandi, Casorati, Kandinsky, Hartung, Matta, Hans Richter, Sutherland, e la Raccolta Stucchi, che contiene lavori di Burri, Zoran Music, Feito, Fautrier, Tancredi Parmeggiani, Pasmore, Nicholson, Bonfanti, Soldati, Magnelli e Veronesi. All'incremento del patrimonio museale hanno contribuito anche Davide Cugini, Emilio Lombardini, Giovanni Pandini, Lanfranco Colombo, Cesare Johnson, Vittorio Lorioli e Armando Maffeis.

  • Rutelli assicura la gratuità dei musei per i disabili

    Ponendosi in una linea di continuità con il precedente Esecutivo e con quanto disposto dalla Legge 5 febbraio 1992, n. 104, che impegnava la Repubblica a predisporre interventi per evitare l'emarginazione e l'esclusione sociale delle persone handicappate, il Ministro per i Beni e le Attività culturali Francesco Rutelli ha autorizzato la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale di un regolamento che consentirà ai portatori di handicap l'ingresso gratuito nei musei statali. Il beneficio sarà esteso anche al loro accompagnatore, che potrà essere un familiare, un operatore dei servizi socio-assistenziali oppure un appartenente alle associazioni del volontariato. Per musei statali si intendono monumenti, musei, gallerie, scavi di antichità, parchi e giardini monumentali dello Stato.

  • A Bergamo l'arte è "libera"

    La GAMeC, Galleria d'Arte Moderna e Contemporanea di Bergamo, ha deciso di prorogare fino al 16 luglio 2006 l'iniziativa &quo;Arte libera!", avviata il 18 maggio in occasione della Giornata Internazionale dei Musei promossa dall' ICOM, International Council of Museum. Si ha così l'opportunità di visitare gratuitamente le mostre per un altro mese. Per sapere il programma, si può consultare la pagina che Artdreamguide dedica alle Mostre a Bergamo.

  • Il Made in Italy sbarca in Cina

    Dal 1 giugno al 15 luglio 2006 si terrà a Shangai, al Museum of Contemporary Art, la mostra "Italy Made in Art: Now - Arti contemporanee e disegno industriale", curata da Achille Bonito Oliva. L'esposizione, promossa dall'Istituto nazionale per il Commercio Estero (ICE), porta in Cina 32 artisti e 24 designer italiani, attivi dagli anni '50 in poi. Tra loro, Carla Accardi, Alighiero Boetti, Francesco Clemente, Gianni Colombo, Enzo Cucchi, Lucio Fontana, Piero Manzoni, Mario Merz, Luigi Ontani, Mimmo Paladino, Pino Pascali, Luca Patella, Michelangelo Pistoletto, Mario Schifano, Ettore Spalletti, Franco Albini, Achille Castiglioni, Joe Colombo, Michele De Lucchi, Giorgetto Giugiaro, Vico Magistretti, Angelo Mangiarotti, Alessandro Mendini, Bruno Munari, Gaetano Pesce, Ettore Sottsass, Marco Zanuso. Molti anche i giovani artisti, tra cui Elisabetta Benassi, Carlo Benvenuto, Loris Cecchini, Paolo Chiasera, Liliana Moro, Paola Pivi, Daniele Puppi, Luisa Rabbia, Lorenzo Scotto di Luzio.

  • Festeggia la Repubblica visitando i tesori dello Stato!

    Venerdì 2 giugno, per celebrare il 60 anniversario della Repubblica Italiana, il Ministero per i Beni e le Attività culturali ha disposto l'entrata gratuita in tutti i musei e luoghi d'arte statali.

  • Fabrizio Plessi inaugura il Museo Hassan di Rabat

    Il 29 maggio scorso è stato inaugurato a Rabat, in Marocco, il Museo Hassan, ospitato a Villa Andalucia (14, Avenue Mohamed Lyazidi), un edificio di gusto ispano-moresco. L'idea di dar vita a quest'istituzione fa parte di un progetto di rinnovamento culturale della città e del Marocco, che si concretizzerà nella presentazione di artisti di livello internazionale, nella promozione di artisti locali e nella collaborazione con le maggiori istituzioni operanti nel settore. La prima mostra allestita in questo museo, diretto da Paolo De Grandis e coordinato da Fathiya Tahiri, è dedicata a Fabrizio Plessi, che ha presentato un'installazione intitolata Fez Fez, già presentata a Berlino nel 1994. L'opera, che fa parte di un ciclo dedicato alle città visitate dall'artista, rievoca le atmosfere delle tintorie di lana a Fez. L'esposizione resterà aperta fino al 30 luglio 2006.

  • Un week-end per ricordare Carlo Scarpa

    Il 2 giugno 1906 nasceva a Venezia Carlo Scarpa, uno dei più noti architetti italiani, autore di indimenticabili allestimenti museali. Per ricordarlo, dal 2 al 4 giugno, verranno aperti al pubblico tutti i "Luoghi Scarpiani" d'Italia, anche quelli privati, normalmente inaccessibili...

  • dettagli
  • Renzo Piano Medaglia d'Oro 2006

    Il Premio Medaglia d'Oro all'Architettura Italiana 2006, promosso dalla Triennale di Milano in collaborazione con la DARC (Direzione generale per l'architettura e l'arte contemporanea), è stato vinto da Renzo Piano per il progetto dell'Hight Museum of Art di Atlanta, realizzato tra il 2003 e il 2005. Tra le motivazioni che hanno spinto la giuria a designarlo vincitore si trova "la sua valutazione dello spazio dedicato alla comunicazione dell'arte come luogo di ritrovo intellettuale e di sorpresa emotiva, capace di conferire alla lettura delle opere una giusta collocazione in armonia e non in conflitto con l'architettura".

  • 5 x mille all'arte e alla cultura: come ci si deve comportare?

    La Finanziaria 2006 ha stabilito che il contribuente può destinare il 5 x mille dell'IRPEF al sostegno di alcuni enti espressamente indicati. Tra essi, figurano anche associazioni e fondazioni che si occupano di tutela del patrimonio culturale o di promozione dell'arte e della cultura. Come ci si deve comportare?...

  • dettagli
  • Cinema e musei con lo sconto a Genova

    Da tempo si discute se i musei debbano essere a ingresso gratuito o sia meglio fare pagare il biglietto. Il Comune di Genova ha optato per un nuovo tipo di promozione. Di cosa si tratta? Chi si presenta alla cassa di un museo civico con un biglietto del cinema, emesso da non più di un mese, ha diritto a uno sconto. L'offerta è valida anche in senso contrario e chi ha la card musei può ottenere lo sconto al cinema. Una sola avvertenza. Prima di decidere quale sala cinematografica frequentare, è meglio controllare che sia convenzionata.

  • La Collezione Pinault inaugura il nuovo corso di Palazzo Grassi

    Il 30 aprile prossimo riaprirà al pubblico Palazzo Grassi, lo spazio espositivo veneziano che il miliardario francese François Pinault, proprietario di marchi di lusso come Gucci e Yves Saint Laurent, ha acquistato nel 2005...

  • dettagli
  • Più contemporaneo a Capodimonte

    La generosità di alcuni collezionisti napoletani ha portato al Museo di Capodimonte nuovi capolavori d'arte contemporanea: In ascolto (stanza dello spettatore) di Giulio Paolini, Mare Nostrum e Hero und Leander di Anselm Kiefer, che fanno parte della serie "Odi Navali". L'installazione di Paolini sarà esposta al terzo piano, accanto alle opere di Mimmo Paladino e Mario Merz, i lavori di Kiefer al secondo piano, nell'atrio che precede il salone degli arazzi. Il pubblico potrà vederli dalla prossima estate. A convincere i collezionisti a lasciare le opere al museo in comodato d'uso sono stati i galleristi da cui avevano comprato le opere, Alfonso Artiaco e Lia Rumma.

  • I De Chirico di Bilotti trovano spazio a Villa Borghese

    Il 10 maggio prossimo sarà aperto al pubblico il Museo Carlo Bilotti. Situato nell'Aranciera di Villa Borghese a Roma, accoglierà al suo interno i 23 dipinti di Giorgio de Chirico che il magnate italoamericano ha voluto donare al Comune di Roma. Le opere in collezione testimoniano il percorso artistico di De Chirico dal periodo metafisico agli anni '50.

  • XIV Giornata FAI di Primavera

    Il FAI, aiutato da uno stuolo di volontari, aprirà al pubblico 410 siti d'arte in 190 località italiane, dalle grandi città ai centri più piccoli e sperduti. Si potranno vedere giardini, palazzi, chiese, monumenti e tanti altri luoghi affascinanti...

  • dettagli
  • A Milano è già primavera

    Il successo di "Milano Live", che il 18 giugno 2005 ha tenuto sveglia la città fino alle 6 del mattino, ha spinto il Comune a replicare l'evento e a duplicarlo. Alla "Notte bianca" si è così aggiunta la "Festa di Primavera" che si terrà il 25 marzo e coinvolgerà i principali luoghi della città, dai più tradizionali ai più insoliti (piazze, luoghi di culto, locali notturni, musei, teatri, biblioteche, esercizi commerciali, case di moda ecc). Numerose le iniziative: attività cinematografiche, teatrali, musicali, sportive, di animazione, poesia, letteratura, shopping e degustazione. Per avere maggiori informazioni sul programma, si può visitare il sito Internet www.milanolive.org, dove sono indicate tutte le iniziative previste per questa manifestazione.

  • Il riallestimento museale milanese parte dal Museo dell'Ottocento

    L'11 marzo scorso ha riaperto al pubblico Villa Belgiojoso Bonaparte, la splendida residenza neoclassica progettata dall'architetto viennese Leopoldo Pollack, che, per anni, ha ospitato la Galleria d'Arte Moderna e i matrimoni civili...

  • dettagli
  • La primavera riporta la Settimana della Cultura

    L'arte e la cultura sono valori importanti e, per l'Italia, che è ricca di capolavori, possono rappresentare anche un'occasione di sviluppo e occupazione. Per far apprezzare a tutti le bellezze del nostro Paese, spesso sconosciute ai più, il Ministero per i Beni e le Attività Culturali ha deciso di riproporre anche quest'anno la "Settimana della Cultura", giunta ormai alla VIII edizione. È dall'amore, infatti, che nasce la voglia di proteggere e valorizzare il patrimonio comune. La manifestazione avrà luogo in tutte le regioni d'Italia dal 2 al 9 aprile. Moltissime le iniziative in programma, cui si aggiunge l'apertura gratuita di tutti i luoghi d'arte statali. Per avere maggiori informazioni sulle manifestazioni in corso, si può visitare il sito Internet del Ministero per i Beni e le Attività Culturali, che dispone di un database di ricerca per regione, provincia, titolo, data, luogo ecc.

  • Parte la Grande Brera: sarà vero?

    Le elezioni si avvicinano e tutti fanno a gara nel lanciare nuove proposte o riprendere in mano vecchi progetti. Tra questi, non poteva mancare la "Grande Brera", che già sul finire degli anni '80 aveva ridato speranza agli appassionati d'arte. L'ampliamento del museo, rilanciato con clamore nel 2004 e poi rimasto lettera morta, è ritornato infatti di attualità. In base agli ultimi disegni presentati, dopo l'allontanamento da Brera di buona parte dell'Accademia, la Pinacoteca dovrebbe raddoppiare gli spazi a sua disposizione passando da 4.800 mq a quasi 9.000. Avrebbe quindi la possibilità di esporre il 20% in più di opere e di dotarsi di strutture finora inesistenti, come le sale per le esposizioni temporanee, i laboratori, i depositi, la caffetteria, gli uffici. Il progetto, affidato all'architetto Alberico Barbiano di Belgiojoso, dovrebbe andare in porto entro il 2008. Il costo è stimato intorno ai 40 milioni di Euro. Il nulla osta della Direzione regionale ai beni culturali e delle sovrintendenze, che prevedono l'avvio dei lavori entro l'anno, fa ben sperare. Speriamo non sia la solita bufala elettorale.

  • A rischio i cantieri del MAXXI

    Depennati i 10 milioni di Euro che il decreto legge "Misure urgenti in materia di organizzazione e finanziamento della Pubblica Amministrazione" aveva garantito al MAXXI, il Museo nazionale delle Arti del XXI secolo di Roma si trova al punto di partenza. Anzi peggio, dato che l'arresto dei lavori costa allo Stato circa 300.000 Euro al giorno, più gli eventuali contenziosi che si potrebbero aprire con le imprese. Parola di Pio Baldi, il direttore della DARC (Direzione Generale per l'Architettura e l'Arte contemporanee), che è preoccupato e amareggiato per questo nuovo intoppo.

  • Apre in Umbria il Museo Fazzini

    L'11 marzo prossimo sarà inaugurato, ad Assisi, il Museo dedicato allo scultore Pericle Fazzini. Ospitato nel Palazzo del Capitano del Perdono, che è stato dichiarato dall'Unesco "patrimonio dell'umanità, conserverà al suo interno 50 opere di questo artista marchigiano, scelte in modo da testimoniare i diversi momenti della sua carriera.

  • Il Carnevale di Rio impazza, ma non è uno scherzo. Il furto è reale

    Hanno approfittato della confusione del Carnevale per rubare alcuni importanti capolavori del '900. È successo il 24 febbraio scorso al Museo de la Chácara do Céu di Rio de Janeiro. I malviventi, dopo aver bloccato le guardie e costretto i visitatori a consegnare oggetti di valore e passaporti, sono saliti al secondo piano e si sono impossessati delle opere di Picasso (La danza, 1956 e Tori, un libro di incisioni), Monet (Marina, 1890), Matisse (Il Giardino del Lussemburgo, 1903), Dalí (I due balconi, 1929). Poi sono fuggiti a piedi, mescolandosi alla folla. Le opere, che sono assicurate, hanno un valore stimato intorno ai 50 milioni di Euro. Le loro foto si possono vedere sul sito dell'Interpol, insieme a quelle di altri capolavori mai ritrovati.

  • Milano punta sul contemporaneo e si mette in rete

    Accusata da più parti di aver perso slancio e creatività, Milano ha deciso di rilanciare la sua immagine di città innovativa con un progetto di rete che coinvolge la Provincia e le principali realtà territoriali che si occupano d'arte e cultura contemporanea...

  • dettagli
  • Due giorni di apertura gratuita per la Certosa di Padula e altri grandi istituzioni napoletane

    Il 25 e il 26 febbraio 2006 tutti i Grandi Attrattori Culturali che rientrano nel circuito Artecard, istituito dalla Regione Campania, saranno accessibili gratuitamente. Tra questi, si trova anche la Certosa di Padula (SA), uno splendido complesso monastico che ospita la mostra di arte contemporanea "Le Opere e i Giorni" e "Ortus Artis", una sezione dedicata ai giardini. Questo spazio ha previsto, negli stessi giorni, un servizio di accompagnamento gratuito in orari prestabiliti: la mattina alle ore 11.00 e alle 13.00, il pomeriggio alle ore 15.00 e alle 17.00. Per usufruire di questa opportunità è necessario prenotare chiamando, dalle 10 alle 13, la segreteria della mostra, Tel. 0975-77745.

  • Pinault pronto ad aprire le porte di Palazzo Grassi

    Il 30 aprile prossimo, riaprirà al pubblico Palazzo Grassi, lo spazio espositivo veneziano che il miliardario francese François Pinault, grande collezionista d'arte, ha acquistato lo scorso anno. Il restauro del palazzo, che, un tempo, era di proprietà della Fiat, porta la firma dell'architetto giapponese Tadao Ando, che è intervenuto soprattutto sull'ingresso e negli spazi dedicati ai servizi. Le sale espositive sono pronte ad accogliere la mostra inaugurale, "Where Are We Going", curata da Alison M. Gingeras. Un viaggio nella contemporaneità secondo Pinault.

  • Anche la Wolfsoniana ha la sua guida

    Il 16 febbraio scorso, a due mesi dall'inaugurazione della Wolfsoniana, è stata presentata al pubblico la guida della Collezione Wolfson, ospitata a Genova in quello che è il primo museo italiano dedicato alle arti decorative e di propaganda...

  • dettagli
  • Siete stressati? Provate con l'arte

    Secondo una ricerca realizzata dal Dipartimento di Psicologia dell'Università di Westminster, riportata su "La Repubblica" del 17 febbraio, visitare i musei e guardare opere d'arte fa dimunuire la concentrazione del cortisolo nel sangue, allontanando lo stress. Non sono dello stesso parere gli studiosi italiani, che parlano dell'arte come di un'esperienza emotiva, che può creare effetti perturbanti quali la Sindrome di Stendhal. Secondo loro, il rilassamento non è immediato. Arriva dopo, ed è il risultato dello sfogo delle emozioni, che possono essere diverse secondo ciò che si guarda e la sensibilità di chi osserva. Pare invece ormai assodato l'apporto benefico dell'Arteterapia, che aiuta i pazienti a esprimersi attraverso l'arte tirando fuori quello che altrimenti non saprebbero comunicare.

  • Pomodoro apre al pubblico la sua biblioteca

    Il 15 marzo apre al pubblico la biblioteca della Fondazione Arnaldo Pomodoro di Milano. Situata in Via Solari 35 e specializzata in arte contemporanea, conserva più di 3500 volumi e numerosi periodici, sia italiani che stranieri. Grande rilievo viene dato, ovviamente, all'opera di Arnaldo Pomodoro e alla scultura. La consultazione della biblioteca, aperta il mercoledì e il venerdì dalle 14 alle 18, è a pagamento.

  • Arte senza barriere

    Essere diversamente abili può essere un handicap, ma molte difficoltà possono essere aggirate. Sapere come, può contribuire a migliorare la qualità della vita di tante persone favorendone la socializzazione. Negli ultimi anni la ricerca internazionale in campo museale, educativo e artistico, si è molto interessata a questi temi incrementando e facilitando le possibilità di fruizione e produzione d'arte dei non vedenti. La Provincia di Milano, che da tempo promuove servizi e spettacoli per persone che hanno questo tipo di disagio, ha organizzato, il 18 febbraio prossimo, alle ore 14, presso lo Spazio Oberdan, un convegno, "Il Quinto Senso: percezioni sensoriali tra arte e visioni", per fare il punto della situazione e presentare alcuni casi pratici. L'iniziativa è affiancata dalla manifestazione "Cinema senza barriere", che prevede la proiezione di alcuni cortometraggi che raccontano storie di disabilità e disagio psichico.

  • La Galerie Belvedere rischia di perdere alcune opere di Klimt

    Maria Altmann, nipote di Adele Bloch Bauer, la donna ritratta da Gustav Klimt nel 1907 e nel 1912, ha vinto la battaglia legale intentata nei confronti della Österreichische Galerie Belvedere di Vienna. Dovrebbe quindi rientrare in possesso di questi e altri lavori del celebre artista austriaco, confiscati dai nazisti durante la guerra. Ferdinand Bloch Bauer, marito di Adele, al ritorno in Austria, aveva subito chiesto la restituzione delle opere trafugate. La Galerie Belvedere, che nel frattempo aveva acquistato i lavori di Klimt, riuscì ad arrivare a un compromesso e restituì tutti i dipinti eccetto i 5 ancora in collezione. Questo fatto, giudicato incompatibile con la Legge sulle restituzioni del 1998, ha portato la Altmann a 6 anni di battaglie legali e alla recente decisione del 16 gennaio scorso. Maria Altmann, che ha 90 anni, si è detta disposta a vendere le opere, ma il Ministro della cultura Elisabeth Gehrer dice di non aver i soldi per far fronte all'acquisto. Ci vorrebbero degli sponsor per impedire ai due ritratti (stimati intorno ai 200 milioni di Euro) e agli altri dipinti di Klimt di lasciare Vienna e la Galerie Belvedere, cui Adele Bloch Bauer, morta nel 1925, avrebbe voluto lasciare questi capolavori, come risulta da un testamento, vincolato però alla libera scelta del consorte, che non manifestò mai la sua volontà in questo senso.

  • Il Ministero premia gli innamorati

    Il 14 febbraio si festeggia San Valentino e anche il Ministero per i Beni e le Attività Culturali ha deciso di fare un regalo agli innamorati: un ingresso gratuito a musei e spazi d'arte statali. Le coppie che si presenteranno alle biglietterie avranno diritto a un biglietto omaggio e pagheranno quindi la metà. L'iniziativa, che ha già dato adito a polemiche sul significato di "coppia", intende avvicinare i cittadini al patrimonio storico, artistico e architettonico del Paese.

  • Fondazioni bancarie per la cultura: bilancio 2004

    Secondo i dati rilasciati dall'Acri, l'associazione che riunisce le casse di risparmio italiane, nel 2004 le Fondazioni bancarie hanno investito in finanziamenti alla cultura 408,1 milioni di Euro, il 32,2% del totale a loro disposizione (1.267,8 milioni di Euro). Un risultato in crescita rispetto al 2003, quando furono stanziati 337,9 milioni di Euro. Il settore più gettonato è stato, come sempre, quello della conservazione e valorizzazione dei beni culturali, che ha ricevuto il 41% (167 milioni di Euro). Al secondo posto, si trovano le iniziative di produzione artistica e letteraria, in cui rientrano anche le sovvenzioni agli enti lirici e ai teatri. Questo comparto ha ottenuto il 18,3%, ossia 74,8 milioni di Euro. Seguono, il sostegno alle attività museali e alle arti visive col 13,4% (54,5 milioni di Euro), alle biblioteche e agli archivi col 3,6%, all'editoria e ad altri mezzi di comunicazione con l'1,4%.

  • Una boccata d'ossigeno per il MAXXI

    Il 2005 si chiude con uno stanziamento di fondi a favore del MAXXI, il Museo nazionale delle Arti del XXI secolo di Roma, in fase di realizzazione su progetto dell'architetto anglo-iracheno Zaha Hadid. La disposizione è contenuta nel decreto legge "Misure urgenti in materia di organizzazione e finanziamento della Pubblica Amministrazione". Il provvedimento, approvato dal Consiglio dei Ministri a fine dicembre, porterà in dote al museo romano 10 milioni di Euro garantendo il proseguimento dei lavori.

  • L'Eur tiene a battesimo un centro studi sull'architettura razionalista

    Eur Spa e Agenzia per la città hanno dato vita al primo Centro Studi sull'architettura razionalista in Italia. Sarà ospitato nel quartiere dell'Eur a Roma, il famoso E42, realizzato dai migliori architetti italiani dell'epoca sotto la supervisione di Marcello Piacentini. I fondi sono stati stanziati dalla Regione Lazio. Il nuovo istituto ha come scopo primario la valorizzazione del modello urbanistico italiano. In quest'ottica, promuoverà convegni, mostre, seminari, incontri con architetti e storici dell'arte di fama internazionale. Tra i suoi compiti è prevista anche l'analisi di nuovi progetti urbanistici e la riscoperta di molti centri dimenticati.

  • Adempimenti fiscali per le imprese che, nel 2005, hanno erogato fondi per l'arte e lo spettacolo

    Martedì 31 gennaio 2006 è l'ultimo giorno che le imprese hanno a disposizione per comunicare al Ministero per i Beni e le Attività Culturali (Dipartimento per la Ricerca, l'innovazione e l'organizzazione, Direzione Generale per gli Affari Generali, il Bilancio, le Risorse umane e la Formazione, Servizio I, Affari Generali, Bilancio e Programmazione - Via del Collegio Romano, 27 - 00186 Roma) le erogazioni liberali effettuate nel 2005 per favorire la realizzazione di iniziative culturali ex art. 38 della Legge 342/2000 e successivi decreti ministeriali. Nella comunicazione vanno indicati l'ammontare delle erogazioni effettuate, le proprie generalità, comprensive dei dati fiscali, i soggetti che hanno beneficiato delle elargizioni. Una dichiarazione analoga deve essere effettuata anche dai beneficiari delle erogazioni, che, oltre a segnalare le proprie generalità e le somme ricevute, devono indicare anche le finalità o attività per le quali hanno ottenuto i fondi ovvero la loro corrispondenza alle attività istituzionali allegando copia dell'atto costitutivo o dello Statuto. Maggiori informazioni e i moduli si possono trovare sul sito del Ministero per i Beni e le Attività culturali.