News: notizie di arte moderna e contemporanea

News del 2005:  notizie sul mercato dell'arte

  • Moderni e impressionisti ancora in salita

    Grande successo, a New York, per le aste di Christie's e Sotheby's di arte moderna e impressionista, che si sono tenute l'1 e il 2 novembre scorso. Un risultato complessivo di ben 291 milioni di dollari, che conferma la tenuta e la vitalità di questo settore. Se La blanchisseuse di Toulouse-Lautrec, in vendita da Christie's non si è scostata dalla base d'asta ed è stata aggiudicata a 20 milioni di dollari, una versione delle Nymphéas di Claude Monet del 1907, è stata venduta a 12.5 milioni di dollari e una Natura morta di Paul Cézanne è stata comprata per 9.2 milioni di dollari, all'incirca il doppio della base d'asta. È andata molto bene anche per Théo Van Rysselberghe. Una sua opera, Port de Cette, les tartans, è stata infatti venduta alla cifra record di 2.8 milioni di dollari. Grandi risultati anche per gli scultori, tra cui si segnalano Henri Laurens e Hans Arp. L'asta di Sotheby's ha premiato Cache-Cache di Berthe Morisot, aggiudicata per 4.6 milioni di dollari e Le Grand Canal di Monet, comprato a 11.5 milioni di dollari, all'incirca un milione in più del 1989. A segnare un prezzo importante è stato soprattutto un lavoro su carta di Pablo Picasso del 1907, Nudo giallo, per il quale si è scatenata una corsa al rialzo. L'opera è stata acquistata da Olivier Berggruen per 12.5 milioni di dollari, nonostante la stima fosse di 3-4 milioni. Per maggiori informazioni su questa e altre sedute, si può consultare Artprice.

  • Aste - Ottobre di fuoco a Londra

    A fine ottobre il mercato dell'arte si trasferisce a Londra, dove si tengono due fiere, Frieze e Zoo, e dove sono in programma le "Italian Sales" di Christie's e Sotheby's...

  • dettagli
  • Antiquaria diventa ogni anno più "moderna"

    Dal 22 al 30 ottobre il Padiglione Nervi della Fiera di Milano ospita Antiquaria, la mostra mercato degli antiquari milanesi, giunta ornai alla quarantatreesima edizione. Tra le novità di quest'anno l'apertura alle arti decorative del XX secolo, all'arte del '900 e al design. L'ampliamento delle proposte à confermato anche dalla presenza, tra gli espositori, di mercanti di altre regioni.

  • Imprimatur salta a pochi giorni dall'inaugurazione

    Imprimatur, la mostra mercato internazionale dell'incisione e del disegno dal XV al XX secolo, prevista a Milano per il 14-16 ottobre, è saltata a causa della crisi economica diffusa e per la defezione di sponsor e gallerie. Riprenderà probabilmente nel 2006 e verr&gagrave; biennalizzata.

  • Un po' di cifre

    Le Galeries Nationales du Grand Palais di Parigi hanno in programma per ottobre una grande mostra su Klimt, Schiele, Moser e Kokoschka, i principali artisti viennesi di inizio '900. Quanto possono valere i loro lavori? Secondo i rilevamenti di Artprice, i disegni e gli acquerelli di Klimt possono arrivare a 15/30.000 dollari, ma il prezzo record di questo artista si deve a un paesaggio su tela, Schloss Kammer am Attersee II (1909), aggiudicato da Sotheby’s nel 1997 per 13,2 milioni di sterline. Anche Schiele è decisamente caro. I suoi dipinti, rarissimi, costano intorno a 11,3 milioni di sterline, mentre i disegni superano i 400.000 dollari. Kokoschka, decisamente più longevo di Schiele, ha prodotto molto e i suoi prezzi sono un po' più abbordabili. Ma non le opere realizzate tra il 1907 e il 1925, che sono molto richieste e possono superare il milione di Euro. Tra tutti, il meno caro resta sicuramente Moser, che è anche il meno conosciuto. Ma questa mostra potrebbe contribuire alla sua scoperta e far lievitare i prezzi.

  • MasterPeace: Sotheby's e le Gallerie d'Arte per Emergency e il Darfur

    Il 7 settembre prossimo, alle ore 19, nella sede milanese di Sotheby's in Via Broggi 19, si terrà un'asta d'arte contemporanea a favore di Emergency e dei suoi progetti in Sudan. Le opere, lavori a olio, disegni, fotografie e sculture, arrivano dalle più importanti gallerie d'arte italiane e appartengono ad artisti italiani e stranieri ormai noti, come Grazia Toderi, Claudia Losi, Botto & Bruno, Massimo Kaufmann, Stefano Arienti, Mimmo Jodice, Thomas Struth, Ryan Mendoza, Elliott Puckette, Loris Cecchini, Luigi Ontani, Giorgio Griffa. Il ricavato verrà usato per realizzare un Centro di chirurgia d'emergenza nell'ospedale di Al Fashir in Nord Darfur. L'asta sarà preceduta da due giornate di esposizione: lunedì 5 e martedì 6 settembre dalle 10 alle 13 e dalle 14 alle 18.

  • Passato e presente per il Wildenstein

    Il Wildenstein Institute, impegnato da tempo nella realizzazione di splendidi libri d'arte, ha deciso di ampliare i suoi orizzonti e dedicarsi anche al contemporaneo. Publicherà infatti il primo catalogo ragionato dedicato all'opera di Jasper Johns. La redazione del volume è stata affidata a Roberta Bernstein, che conosce l'artista e ha già scritto altri saggi sul suo operato.

  • Bolaffi: manifesti da record

    L'interesse per i manifesti pubblicitari di fine '800 inizio '900 sta diventando sempre più forte. Lo confermano i risultati dell'asta torinese del 21 maggio scorso da Bolaffi. Tra gli artisti più gettonati Leonetto Cappiello, Marcello Dudovich, Charles Loupout e, soprattutto, Adolfo Hohenstein. La Bohéme, una sua litografia del 1895, stimata 1.500 Euro è, stata, infatti, aggiudicata a 16.800 Euro. Prezzo top della serata. Di poco inferiore un'altra sua opera, Calderoni gioielliere (1898), stimata 5.000 Euro e venduta a 15.600 Euro.

  • Renoir, da New York a Hiroshima

    Due opere di Renoir del 1895, Étude de femme e La femme au panier des fleurs, di proprietà del Metropolitan Museum of Art sono state vendute a Tokyo presso la Shinwa Art Auction Co. il 4 giugno scorso. Ad acquistarle è stato il Wood One Museum of Art di Hiroshima, che ha pagato circa 2,34 milioni di Euro.

  • La perizia dà ragione alla Fondazione Schifano

    Sono ben 84 i falsi Schifano esposti lo scorso dicembre alla Reggia di Caserta. Questi i risultati delle indagini avviate dai carabinieri in seguito alla denuncia della Fondazione Schifano. L'inchiesta ha portato all'arresto del mercante d'arte romano Giancarlo Iosimi, di suo figlio Daniele e del gallerista milanese Giovanni Schubert. I presunti Schifano sono stati smascherati da Arturo Carlo Ottaviano Quintavalle, direttore del Dipartimento dei Beni Culturali all'Università di Parma, e da Maria Stella Margozzi della Galleria Nazionale d'Arte Moderna di Roma. Le opere, quasi tutte di proprietà privata, erano state acquistate tramite i 3 indagati. Durante le perquisizioni dei carabinieri sono stati trovati anche falsi Sironi.

  • Asta d'arte contemporanea per il Darfur

    Si moltiplicano le iniziative che vedono coinvolti artisti e case d'aste in iniziative di tipo sociale e umanitario. Dopo Sotheby's, impegnata a favore di Vidas, è ora la volta di Christie's, che il prossimo 6 luglio, alle ore 21, curerà un'asta di beneficenza collegata all'"Emergenza Darfur" presso i Musei di San Salvatore in Lauro, a Roma. In vendita le opere di alcuni tra i principali protagonisti dell'arte contemporanea italiana: Mimmo Paladino, Mimmo Rotella, Mario Ceroli, Piero Dorazio, Carla Accardi, Piero Guccione, Emilio Greco, Emilio Vedova, Ruggero Savinio, Giacomo Manzù, Mitoraj, Arnaldo Pomodoro, Kostabi, e tanti altri. La manifestazione fa parte delle iniziative per la celebrazione della Giornata Mondiale del Rifugiato ed è promossa dall'Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati (Unhcr). I fondi serviranno ad assicurare la fornitura di tende per i profughi sudanesi che dall'inizio del 2003 hanno trovato asilo in Ciad. In attesa della battuta d'asta, le opere sono esposte presso i Musei di San Salvatore in Lauro.

  • II edizione della Borsa di ricerca Giovanni Agnelli

    UniCredit Private Banking e la Fondazione Giovanni Agnelli hanno dato il via alla II edizione della Borsa di ricerca "Economia dell'arte contemporanea". Il tema prescelto è "Non solo Public Art: Il rapporto complesso tra arte contemporanea e città"...

  • dettagli
  • Aste record a New York

    L'11 e il 12 maggio scorso si sono tenute le aste di arte contemporanea di New York. La vendita più ricca è stata quella di Christie's, che con 133 milioni di dollari ha polverizzato tutti i record. Gli incassi sono dovuti soprattutto ad alcuni lotti battuti a cifre ben al di sopra delle stime. Tra questi, quelli di Edward Hopper, Joseph Cornell, Willem de Kooning, Mark Rothko, James Rosenquist, Elizabeth Peyton, Luc Tuymans. Tra gli artisti italiani, hanno deluso le aspettative le due opere in asta di Maurizio Cattelan, Frank and Jamie e Ostrich, rimaste invendute. Più contenuti i risultati di Sotheby's, che ha presentato un catalogo meno spettacolare. Protagonista è stata Liz (1963) di Andy Warhol, aggiudicata a 12,6 milioni di dollari. Buon risultato anche per uno degli ultimi lavori di Lichtenstein, Blue Nude (1995) della Collezione Versace, acquistato per oltre 5,2 milioni di dollari (stima 2,5/3,5 milioni di dollari).

  • Asta benefica in ricordo di Giò Pomodoro

    Per ricordare lo scultore Giò Pomodoro, scomparso il 21 dicembre 2002, il prossimo 3 maggio si terrà a Milano, presso la sede di Sotheby's, in Via Broggi 19, un'asta di opere d'arte a favore di Vidas, l'Associazione Volontari Italiani Assistenza ai Sofferenti. Il ricavato delle opere, create e donate da alcuni grandi artisti del '900, sarà utilizzato per la realizzazione della Casa Ospedale Vidas, un centro di accoglienza per i malati terminali di cancro.

  • La UE impone il "droit de suit" agli Stati aderenti

    La Direttiva CE 84/2001, riproposta nella Comunitaria del 2004, ha stabilito l'applicazione del "droit de suit", un diritto d'autore molto particolare, in tutti gli Stati membri dal 1 gennaio 2006...

  • dettagli
  • Finarte Semenzato e il contemporaneo a Roma

    Il 21 aprile prossimo, si terrà a Roma, presso il Teatro dei Dioscuri, l'asta primaverile che Finarte Semenzato dedica al contemporaneo. In vendita, circa 300 opere di artisti operanti a Roma o presenti in raccolte private di ambito romano. Fra i dipinti, si segnalano una marina di Carlo Carrà del 1909, Scorcio di porto con vele, stimato tra i 35 e i 40.000 Euro, Modelle nello studio (1934) e Tetti di Roma di Mario Mafai, quotati rispettivamente 32-35.000 Euro e 28-30.000 Euro, Bagnanti in movimento (fine anni '40) di Fausto Pirandello, valutato 34-38.000 Euro, Informale dopo anni (1965) di Mario Schifano, valutato 32-35.000 Euro, Boxeurs et neon (1973) di Titina Maselli, quotato 20-22.000 Euro. In asta anche un bronzo di Giacomo Manzù degli anni '30-40. Intitolato Testa di donna, è stimato 36-38.000 Euro. Altre opportunità sono offerte dalle opere di Alberto Martini, Ziveri, Oriani, Baldessari, Bernard, Bueno, Carena, Cascella, De Chirico, De Grada, Depero, Grosz, Maccari, Migneco, Paulucci, Pignatelli, Rotella, Scanavino, Scialoja, Sciltian, Spoldi, Tamburi, Turcato, Utrillo, Vespignani ecc. Particolarmente ricca si presenta la sezione dedicata ai disegni e alle opere su carta con lavori di Adami, Capogrossi, Carrà, Balla, Derain, Feininger, Fontana, Grosz, Licini, Matta, Santomaso, Ferroni, Moreni, Kounellis, Pirandello, Vedova. Tra le opere seriali, spicca un'acquaforte di Kandinsky del 1932, stimata 3-4.000 Euro.

  • Comincia la primavera di Finarte Semenzato

    Il 22 marzo scorso, a Milano, si è tenuta la prima asta della stagione organizzata da Finarte Semenzato. Un appuntamento importante per gli appassionati d'arte moderna e contemporanea.

  • Dorotheum e il Salone del Mobile

    In occasione del Salone del Mobile, dall'11 al 14 aprile la casa d'aste austriaca Dorotheum espone al pubblico, nella sede di Milano, notevoli pezzi di design e una selezione di opere e oggetti della collezione Lill. Tra i primi, che saranno battuti all'asta il 28 aprile 2005 a Vienna, figurano lavori di Gaetano Pesce, Ettore Sottsass, Marcel Breuer, Le Corbusier, Jean Prouve, Serge Mouille, Sandro Chia, Franz West, Ron Arad, Luigi Colani, Zaha Hadid ecc. Tra i secondi, si trovano orologi da polso di Patek Philippe e Lange & Söhne e anche un disegno del pittore austriaco Egon Schiele. Il ricavato dell'asta della collezione Lill, che si terrà a Vienna dal 31 maggio al 3 giugno 2005, andrà a favore dell'iniziativa "Salvate la cattedrale di Santo Stefano".

  • Dorotheum apre una sede di rappresentanza a Milano

    Il 16 marzo 2005 aprirà a Milano la prima sede italiana della casa d'aste austriaca Dorotheum, una delle più accreditate in Europa e nel mondo. Fondata nel 1707, è leader nel mercato dei dipinti antichi dell'Europa continentale, ma agisce anche in altri settori. Il suo campo di intervento si estende, infatti, dai dipinti antichi all'arte moderna e contemporanea, dal design agli oggetti d'arte del XIX e del XX secolo, dalla porcellana alle maioliche, dai gioielli all'argenteria antica, dagli orologi agli strumenti scientifici. Dorotheum possiede importanti succursali a Vienna, Salisburgo, Graz, Klagenfurt, Wiener Neustadt e Praga. Ha inoltre sedi di rappresentanza in Belgio (Bruxelles), Germania (Monaco di Baviera, Düsseldorf) e Giappone (Tokyo). La sede milanese, in cui si terranno per ora solo preview e consulenze, è ospitata in un antico palazzo di Via Boito, a pochi passi da Piazza Duomo e vicino a Piazza della Scala. A dirigerla è stata chiamata Angelica Cicogna Mozzoni, che ha già lavorato per Finarte e Phillips.

  • Kate Moss su "Glamour" e da Christie's

    La celebre modella Kate Moss è stata recentemente eletta "Donna più elegante del mondo" dalla rivista "Glamour". Un suo ritratto, Naked Portrait 2002, realizzato dall'artista inglese Lucian Freud mentre era in dolce attesa, è passato in asta da Christie's, a Londra, il 9 febbraio scorso, al prezzo di 5,8 milioni di Euro. Era stato pagato 3,8 milioni di Euro. Il dipinto rappresenta una novità per l'artista che, solitamente, ritrae persone a lui familiari, poco abituate a stare sotto i riflettori. Operando come uno scienziato, che analizza un corpo in tutte le sue componenti e coglie i dettagli più minuti, Freud ha realizzato un'immagine della modella totalmente differente da quelle patinate delle copertine di moda e dei rotocalchi.

  • Damien Hirst ai vertici del mercato dell'arte

    Damien Hirst si conferma uno degli artisti viventi più pagati al mondo. Un suo lavoro del 1991, The Physical Impossibility of Death in the Mind of Someone living, il celebre squalo in formaldeide, è stato venduto da Charles Saatchi per 6,5 milioni di sterline (9 milioni di Euro ca). Il collezionista britannico, che ha vistosamente contribuito al lancio di Hirst, l'aveva pagato 50 mila sterline (75 mila Euro ca). L'acquirente è americano, ma si ignora il suo nome. Alcuni parlano del finanziere Steve Cohen, altri del Museum of Modern Art di New York.

  • La Gran Bretagna vara prestiti pubblici per piccoli collezionisti

    Per stimolare il mercato dell'arte contemporanea e favorire piccoli collezionisti, artisti e gallerie di provincia, l'Arts Council inglese ha deciso di concedere prestiti a tasso zero per l'acquisto di opere d'arte. Il finanziamento, che ha un tetto massimo di 2.000 sterline (3.000 Euro ca.), vale soltanto per le compere effettuate fuori Londra nelle 250 gallerie selezionate per la qualità dell'offerta dall'istituzione britannica. Il successo dell'operazione sembra confermare l'ipotesi che a frenare il mercato non sia il disinteresse, ma la mancanza di soldi.

  • Al via le aste londinesi del 2005

    Febbraio riporta a Londra le grandi aste di arte moderna e contemporanea. Comincia Cristie's il 7 con gli impressionisti, poi è la volta di Sotheby's, che l'8 febbraio mette in vendita l'arte moderna. I giorni seguenti sono quelli dedicati al contemporaneo, il 9 da Christie's, il 10 da Sotheby's.

  • Cataloghi ragionati in preparazione

    Sono sempre di più gli artisti le cui opere vengono sottoposte a inventario. Ecco un elenco di alcuni cataloghi in preparazione...

  • dettagli