Cronologia avvenimenti dell'arte moderna e contemporanea

1986

cronologia > 1986 > avvenimenti

Avvenimenti

  • A Venezia si inaugura la "XLII. Esposizione Internazionale d'Arte della Città di Venezia" ai Giardini di Castello. Presidente: Paolo Portoghesi. Segretario generale: Gastone Favero. Giuria selezionatrice: Luigina Bortolatto, Flavio Caroli, Marisa Vescovo, Evelyn Weiss. I paesi presenti sono: Italia, Argentina, Australia, Austria, Belgio, Brasile, Canada, Cecoslovacchia, Colombia, Cuba, Danimarca, Egitto, Finlandia, Francia, Germania, Giappone, Gran Bretagna, Grecia, Islanda, Israele, Jugoslavia, Korea, Messico, Norvegia, Olanda, Perù, Polonia, Portogallo, Rep. di Cipro, Romania, San Marino, Spagna, Svezia, Svizzera, U.R.S.S., U.S.A., Ungheria, Uruguay, Venezuela. La mostra principale, sotto la direzione di Maurizio Calvesi, affronta il tema "Arte e Scienza". Vengono ripristinati i "Gran premi", che non venivano più assegnati dalle contestazioni del 1968. Il padiglione tedesco presenta Sigmar Polke, che vince il gran Premio della pittura

  • Achille Bonito Oliva pubblica Progetto dolce "Nuove forme dell'arte italiana"

  • Alla Rotonda della Besana di Milano, nell'ambito del ciclo di mostre intitolato "Besanaottanta", si inaugura "Nuovo Futurismo", curata da Renato Barilli e Flavio Caroli, mostra dedicata al "Nuovo Futurismo", movimento formato nel 1983 comprendente Gianantonio Abate, Clara Bonfiglio, Innocente, Marco Lodola, Luciano Palmieri, Plumcake, Umberto Postal

  • Alla Rotonda della Besana di Milano, nell'ambito del ciclo di mostre intitolato "Besanaottanta", si inaugura "Postastrazione", curata da Flavio Caroli, mostra dedicata alla tendenza astratta-neoinformale, rappresentata da Fabio Cresci, Giancarlo Limoni, Enrico Luzzi, Gianfranco Notargiacomo, Nunzio, Piero Pizzi Cannella, Sergio Ragalzi, Marco Tirelli

  • A Milano nasce "Contrasto", agenzia fotografica destinata a diventare una delle principali organizzazioni italiane specializzate nella fotografia di documentazione

  • A Piombino prende corpo il cosiddetto "Gruppo di Piombino", che riunisce artisti come Salvatore Falci, Stefano Fontana, Pino Modica, Cesare Pietroiusti. Il gruppo esce allo scoperto attraverso i testi critici di Sergio Lombardo e le mostre in gallerie private e spazi pubblici

  • A Firenze Pietro Grossi elabora il concetto di "Homeart", arte creata in modo autonomo da ognuno, grazie alle potenzialità offerte dal computer

  • Per il mercato dell'arte internazionale inizia un periodo di crescita spettacolare, con incrementi e record di prezzi in tutti i comparti, che durerà fino al 1990

  • A Parigi apre il Musée d'Orsay, allestito nell'edificio della antica Gare d'Orsay, ristrutturata da Gae Aulenti. Nei vasti ambienti vengono esposti i capolavori dell'arte dal 1848 ai primi del '900 di proprietà delle collezioni nazionali francesi

  • A Grenoble apre Le MAGASIN - Centre National d'Art Contemporain, centro espositivo d'arte contemporanea istituito sull'esempio delle Kunsthalle tedesche

  • Alla Fundacio Caixa de Pensions di Barcellona si inaugura "Art and its Double" curata da Dan Cameron, che presenta i principali protagonisti delle nuove correnti "neoconcettuali" e "Neo-Geo": Ashley Bickerton, Sarah Charlesworth, Robert Gober, Peter Halley, Jenny Holzer, Jeff Koons, Barbara Kruger, Louise Lawler, Sherrie Levine, Matt Mullican, Tim Rollins & KOS, Peter Schuyff, Cindy Sherman, Haim Steinbach, Philip Taaffe

  • Al Museum van Hedendaagse Kunst e in varie abitazioni private di Gand si inaugura "Chambre d'amis" curata da Jan Hoet. La mostra consiste in installazioni e ambientazioni artistiche appositamente realizzate dagli artisti invitati all'interno di abitazioni private di Gand. Impressionanti i lavori di Michael Buthe, Nicola De Maria, Joseph Kosuth, Giulio Paolini, Ettore Spalletti

  • Allo Stedelijk Museum di Amsterdam un folle danneggia a colpi di coltello la famosa tela Who's afraid of Red, Yellow and Blue III di Barnett Newman

  • Alla Kunsthalle di Basilea si inaugura "Beuys, Cucchi, Kiefer, Kounellis" curata da Jean-Christophe Ammann, mostra accompagnata da una conversazione dei 4 artisti condotta da Jean-Christophe Ammann

  • A Zurigo nasce la Stiftung für Konstruktive und Konkrete Kunst (Haus Konstruktiv), dedicata alla presentazione del Costruttivismo e dell'arte concreta

  • A Colonia si inaugura la "Neubau", grande edificio ai piedi del duomo e digradante verso il Reno, progettato dagli architetti Peter Busmann e Godfrid Haberer. All'interno ospita le collezioni del Wallraf-Richartz-Museum e del Museum Ludwig. Dal 2001 (vedi 2001), sarà occupato per intero dal Museum Ludwig

  • Al Kunstverein di Colonia si inaugura "L'emergere di Colonia come metropoli dell'arte dall'happening al mercato dell'arte", curata da Wulf Herzogenrath e Gabriele Lueg

  • A Düsseldorf apre la Kunstsammlung Nordrhein-Westfalen, grande museo d'arte moderna in un nuovo edificio dalla caratteristica facciata curva simile a un pianoforte, progettato dagli architetti danesi Dissing e Weitling. La mostra inaugurale è una personale di Karl Horst Hödicke

  • A Francoforte apre al pubblico la Schirn Kunsthalle di Francoforte, importante centro espositivo in un nuovo edificio di Bangert, Jansen, Scholz, Schultes

  • Alla Schirn Kunsthalle e al Frankfurter Kunstverein di Francoforte si inaugura "Prospect" curata da Peter Weiermair, grande evento espositivo volta a fare il punto sulle principali tendenze emergenti nell'ambito dell'arte contemporanea internazionale

  • Allo Sprengel Museum di Hannover si inaugura una spettacolare antologica di Kurt Schwitters, comprendente ca 200 opere tra assemblaggi, collages e sculture

  • A Magonza nasce il Landesmuseum Mainz, museo di antichità, arte antica e arte moderna

  • All'Altes Museum di Berlino Est si inaugura "Positionen", prima mostra del dopoguerra in DDR (Germania Est) dedicata all'arte della Germania Ovest

  • Il gruppo artistico alternativo ungherese "Inconnu" organizza l'evento "The Fighting City", invitando artisti di tutto il mondo a inviare un proprio lavoro per commemorare la repressione in Ungheria del 1956. Per la mostra, prevista nel 1987, pervengono 39 opere di artisti ungheresi, britannici, americani, olandesi e jugoslavi

  • A Salonicco si inaugura la seconda edizione della "Biennale dei Giovani Artisti dell'Europa e del Mediterraneo", aperta a giovani artisti tra 18 e 30 anni

  • Alla Sonnabend Gallery di New York si inaugura "Ashley Bickerton, Peter Halley, Jeff Koons, and Meyer Vaisman", storica mostra che sancisce l'affermazione del cosiddetto "Neo-Geo" o "Simulazionismo". Roberta Smith recensisce la mostra sul "New York Times" con l'articolo 4 Young East Villagers at Sonnabend Gallery

  • Il "New York Magazine" pubblica l'articolo The Hot Four di Paul Taylor, che tratta di Ashley Bickerton, Peter Halley, Jeff Koons e Meyer Vaisman, e più in generale registra il successo della nuova corrente "Neo-Geo"

  • Al Brooklyn Museum di New York si inaugura "The Machine Age in America 1918-1941", mostra itinerante curata da Dianne Pilgrim e Richard Guy Wilson

  • Su richiesta dell'USIA (United States Information Agency), la Solomon R. Guggenheim Foundation assume la gestione del padiglione americano alla "Biennale di Venezia"

  • Alla Reinassance Society dell'Università di Chicago si inaugura "New Sculpture", mostra dedicata al lavoro di Robert Gober, Jeff Koons e Haim Steinbach

  • All'Institute of Contemporary Art di Philadelphia si inaugura "1967: At the Crossroads", curata da Janet Kardon, mostra che fissa nel 1967 l'anno in cui l'arte americana si è biforcata in correnti oggettuali (Pop Art, Hard Edge), correnti seriali e minimaliste e correnti che operano la smaterializzazione dell'opera d'arte (arte concettuale)

  • Il Philadelphia Museum of Art riceve il lascito della collezione Henry P. McIlhenny, comprendente importanti capolavori dell'Impressionismo francese e dell'arte moderna

  • Al Museum of Fine Arts di Houston viene inaugurato il nuovo Lillie and Hugh Roy Cullen Sculpture Garden, giardino di sculture all'aperto progettato da Isamu Noguchi

  • La "Lannan Foundation" si trasferisce da Lake Worth, Florida, a Los Angeles, dove intensifica il "Visual Art program". A Lake Worth rimane il Lannan Museum

  • A Los Angeles apre al pubblico il Museum of Contemporary Art (MOCA), articolato in un 2 sedi separate: il Museum of Contemporary Art at California Plaza nel nuovo edificio di Arata Isozaki e il "Temporary Contemporary", magazzino ristrutturato

  • Al Museum of Contemporary Art di Los Angeles si inaugura "Individuals: A Selected History of Contemporary Art, 1945-1986" curata da Julia Brown Turrell. La mostra celebra l'inaugurazione del nuovo museo a California Plaza, con una vasta panoramica sull'arte del dopoguerra con un forte accento sull'arte americana

  • Il Los Angeles County Museum apre al pubblico l'edificio di arte moderna e contemporanea su Wilshire Boulevard

  • Al Los Angeles County Museum si inaugura "The Spiritual in Art Abstract Painting 1890-1985" curata da Edward Weisberger. La mostra presenta le principali correnti dell'arte astratta e offre l'occasione per far conoscere la pittrice svedese Hilma Af Klint

  • Crown Point Press, casa editrice di grafica d'arte, si trasferisce a San Francisco, dove apre un grande spazio espositivo e due grandi studi di grafica

  • A Laguna Beach, Southern California, nasce il Laguna Art Museum, derivazione della "Laguna Beach Art Association", museo documentario della comunità artistica locale e della "Laguna Beach Colony"

  • A Marfa (Texas) apre al pubblico la Chinati Foundation, istituzione no-profit promossa da Donald Judd, diretta da Marianne Stockebrand con l'assistenza del Dia Center for the Arts

  • La vedova del pittore argentino Xul Solar, Micaela (Lita) Cadenas, e Natalio J. Povarché, rispettando il pensiero dell'artista, scomparso nel 1963, fondano il "Pan Klub" e gettano le basi per il futuro Museo Xul Solar di Buenos Aires

  • A Bagdad apre il Saddam Center for the Art, museo d'arte moderna e contemporanea, ospitato in un gigantesco edificio a forma di ziggurat, che riunisce le collezioni del National Museum of Modern Art e del Museum for Pioneer Artist