Cronologia avvenimenti dell'arte moderna e contemporanea

1961

cronologia > 1961 > avvenimenti

Avvenimenti

  • Alla Galleria La Salita di Roma si inaugura "Gruppo O+O", mostra organizzata da Francesco Lo Savio, con la partecipazione di Yves Klein, Günther Uecker, Heinz Mack e Otto Piene

  • Alla Galleria d'Arte moderna di Milano si inaugura "Mostra della critica italiana", mostra collettiva curata da nove critici italiani. In seguito si sposta al Palazzo delle Esposizioni di Roma

  • A Milano, la libreria di Arturo Schwarz si trasforma in galleria d'arte. Tra gli artisti che presenta al pubblico milanese spiccano i nomi di: Hans Arp, Victor Brauner, Marcel Duchamp, Marcel Janco, Man Ray, André Masson, Francis Picabia, Kurt Schwitters, Lucio Fontana, Roberto Crippa, Enrico Baj, Sergio Dangelo, Arman, César, Daniel Spoerri, François Dufrene, Raymond Hains

  • A Genova riapre la Galleria di Palazzo Rosso, ristrutturata e allestita su progetto di Franco Albini

  • Gillo Dorfles pubblica la prima edizione del famoso saggio Ultime tendenze nell'arte d'oggi

  • A maggio viene pubblicato a Parigi 40º au-dessus de Dada (40 gradi sopra Dada), secondo Manifesto del "Nouveau Réalisme". César, Mimmo Rotella, Niki de Saint Phalle e Gérard Deschamps si uniscono al gruppo

  • A Parigi apre il Musée d'Art moderne de la Ville de Paris all'interno del Palais de Tokyo

  • Barcellona nasce "Polígrafa Obra Gráfica", stamperia d'arte famosa per le incisioni di Joan Miró, Antoni Tàpies, Hans Hartung, Henry Moore, Christo, Jannis Kounellis, Francis Bacon, Pierre Alechinsky, Corneille e Karel Appel

  • All'Institute of Contemporary Arts di Londra si inaugura "Young Contemporaries", mostra annuale di artisti emergenti britannici, che in questa edizione presenta vari esponenti della Pop Art britannica: Derek Boshier, David Hockney, Allen Jones, R. B. Kitaj, Peter Phillips, ecc., tutti ex-studenti al Royal College of Art

  • Alla Marlborough di Londra si inaugura "New London Situation", mostra sulla nuova pittura e scultura astratta inglese in continuazione di "Situation", allestita nel 1960, con l'aggiunta di scultori come Anthony Caro

  • A Jabbeke (Fiandre) apre al pubblico il Provinciaal Museum Constant Permeke, nella casa abitata da Constant Permeke fino alla morte

  • Allo Stedelijk Museum di Amsterdam si inaugura "Bewogen-Beweging", grande mostra sull'arte cinetica e programmata, curata da Willem Sandberg. La mostra tocca anche Humlebaeck e Stoccolma

  • A Otterlo si inaugura un parco di sculture all'aperto annesso al Kröller-Müller Museum. Nel corso degli anni si aggiungono sculture di Jean Dubuffet, Claes Oldenburg, Henry Moore, Jacques Lipchitz, Mark di Suvero, Auguste Rodin, Lucio Fontana, André Volten, Carel N. Visser, Barbara Hepworth, Evert Strobos, Kenneth Snelson, Fritz Wotruba, Aristide Maillol e altri

  • A Düsseldorf si svolge il primo "Zero Festival", manifestazione del gruppo "Zero". La città vecchia viene invasa di strutture luminose, bandiere e fogli di alluminio, palloncini, fari, strutture ruotanti. Günther Uecker dipinge una strada interamente di bianco. Per l'occasione esce il terzo numero della rivista "Zero"

  • Il Land Nordrhein-Westfalen istituisce la "Stiftung Kunstsammlung Nordrhein-Westfalen", sotto la direzione di Werner Schmalenbach con l'obiettivo di costituire una grande collezione di arte moderna: la futura Kunstsammlung Nordrhein-Westfalen. Nell'arco di 20 anni diventerà la collezione più selezionata di tutta la Germania e una delle principali al mondo

  • Per riconoscenza nei confronti di August e Eduard von der Heydt, che con le loro donazioni in opere e denaro hanno portato lo Städtisches Museum Wuppertal a livelli di eccellenza, il museo cambia la denominazione in Von der Heydt-Museum

  • Georg Baselitz e Eugen Schönebeck pubblicano a Berlino il manifesto 1.Pandämonisches Manifest. In esso prendono le distanze dal Realismo socialista, dall'astrattismo e dal perbenismo piccolo-borghese che investe la Germania del "miracolo economico", in nome della libertà e purezza di espressione in pittura

  • I membri del gruppo tedesco "Spur" subiscono una pesante multa per offesa della pubblica decenza. Causa del provvedimento sono gli "Spur-Hefte" (quaderni di Spur), assemblaggi caotici di testi e illustrazioni di argomento artistico e politico, colorati da frequenti spunti osceni

  • A Darmstadt (Germania) apre il Bauhaus-Archiv, museo-archivio sul Bauhaus con opere, oggetti e materiale documentario, ospitato nello Ernst-Ludwig-Haus, sul Mathildenhöhe

  • A Lipsia si inaugura la "Leipzig Bezirkaustellung" (mostra della circoscrizione di Lipsia), in cui per la prima volta si configura la futura "Scuola di Lipsia" con Bernhard Heisig, Wolfgang Mattheuer, Werner Tübke e altri

  • A Elblag (Danzica) apre la Galeria EL, galleria autogestita e spazio per atelier, fondata dagli artisti Gerard Kwiatkowski, Janusz Hankowski, Barbara Argasinska, Edward Bober, Jan Góra, Gizela Pierzynska, Dorota e Jerzy Labanowski, Boguslaw Czerwinski. L'inaugurazione ufficiale è segnata da una doppia mostra personale di Gerard Kwiatkowski e Janusz Hankowski

  • A Zagabria si inaugura "Nova tendencija", grande mostra sull'arte concreta, costruttiva, cinetica e programmata, promossa da Almir Mavignier, con Bozo Bek, Matko Mestrovic e Ivan Picelj, che verrà ripetuta nel 1963 e 1965. Vi partecipano artisti croati, esponenti del "Groupe de Recherche d'Art Visuel" e del "Gruppo N" e di "Zero"

  • Su "Art News" appare il primo articolo di Allan Kaprow sugli "happenings"

  • George Maciunas conia il termine "Fluxus" per indicare tutto l'insieme di materiale culturale, sociale e politico non ancora espresso

  • Al Museum of Modern Art di New York si inaugura "The Art of Assemblage", curata da William C. Seitz, grande mostra dedicata alla produzione artistica basata sull'assemblaggio di materiali e oggetti di recupero e sull'accesso nella cultura "alta" di immagini della cultura "bassa". Tra i presenti figurano i precursori dadaisti, accanto a nuovi artisti come Robert Indiana, Jasper Johns, Marisol e Robert Rauschenberg

  • Ivan Karp, assistente della Leo Castelli Gallery di New York, vede per la prima volta le opere di Roy Lichtenstein e di Andy Warhol, che ricordano le "comic strips" (strisce dei fumetti)

  • Alla Martha Jackson Gallery e alla David Anderson Gallery di New York si inaugura "Environments - Situations - Spaces", manifestazione espositiva di portata storica, in occasione del quale sono presentati eventi e installazioni celebri: The Store di Claes Oldenburg, The Yard di Allan Kaprow, Spring Cabinet di Jim Dine e lavori di George Brecht, Walter Gaudnek e Robert Whitman

  • Thomas M. Messer è nominato nuovo direttore del Solomon R. Guggenheim Museum di New York, incarico che ricoprirà fino al 1988

  • Il Los Angeles County Museum viene rifondato come museo separato e indipendente dal Los Angeles Museum of History, Science and Art. Aprirà al pubblico in una nuova sede nel 1965

  • A Città del Messico nasce "Nueva Presencia", gruppo artistico che incarna la cosiddetta "Neofiguracion". Nel manifesto rigetta l'arte accademica e l'intellettualismo critico, in favore di un'arte con chiare implicazioni psicologiche e vicina alle istanze dell'uomo contemporaneo. I principali esponenti sono: Arnold Belkin, Rafael Coronel, Francisco Corzas, José Luis Cuevas, Francisco Icaza, Ignacio Lopez, Artemio Sepulveda, Antonio Ridriguez Luna

  • A San Paolo si inaugura la 6. edizione della "Bienal de Sao Paulo" nel Pavilhao Ciccillo Matarazzo, all'interno del Parque do Ibirapuera di San Paolo

  • A Rio de Janeiro si inaugura l'ultima mostra del gruppo brasiliano "NeoConcrete". Al termine il gruppo si scioglie

  • A Beirut apre il Nicolas Sursock Museum, museo di arte libanese dall'900 ad oggi. L'inaugurazione avviene con una grande mostra di arte contemporanea libanese

  • A Sydney nasce il gruppo "Sydney 9", che include gli artisti astratti John Olsen, Robert Klippel, Clement Meadmore e Bill Rose. Il gruppo nasce anche come reazione agli "Antipodeans". A una mostra gli artisti compiono un'entrata spettacolare, arrivando in elicottero portando i loro quadri astratti