Cronologia avvenimenti dell'arte moderna e contemporanea

1955

cronologia > 1955 > avvenimenti

Avvenimenti

  • Alla Galleria Schettini di Milano si inaugura la mostra internazionale organizzata dal movimento nucleare e dalla rivista "Phases", con la partecipazione tra gli altri di Enrico Baj, Sergio Dangelo, Asger Jorn, Pierre Alechinsky, Corneille, Hantai, Lucio Fontana, Gianni Bertini ecc

  • Ad Alba nasce il "Laboratorio di esperienze immaginiste", fondato da Asger Jorn, Piero Simondo e Pinot Gallizio, manifestazione del "Mouvement international pour un Bauhaus Imaginiste (MIBI)"

  • Sulla rivista "Civiltà delle Macchine" appare l'articolo Industrial Design and Popular Art di Reyner Banham, in cui si fa riferimento per la prima volta al concetto di "Popular Art" in relazione al cinema, alle illustrazioni delle riviste, alla fantascienza, ai fumetti, alla radio e alla televisione. In esso fa anche riferimento all'analogo concetto di "Pop Art", espresso nello stesso periodo dal critico letterario americano Leslie Fiedler

  • Al Musée National d'Art Moderne di Parigi si inaugura "50 ans d'art aux Etats-Unis", grande panoramica sull'arte americana

  • Alla Galerie Denise Rene di Parigi si inaugura la storica mostra "Le Mouvement", considerata l'evento ufficiale d'inizio dell'arte cinetica. I curatori Pontus Hulten, Roger Bordier e Victor Vasarely affiancano opere degli autori del primo '900 (Marcel Duchamp, Calder) a opere dell'ultima generazione (Victor Vasarely, Jacobsen, Jean Tinguely, Jesus-Rafael Soto, Yaacov Agam, Pol Bury)

  • Victor Vasarely redige il testo Notes pour un manifeste (cinétisme), che per il colore paglierino della carta è stato soprannominato il Manifeste jaune (Manifesto giallo)

  • A Parigi chiude per mancanza di fondi l'Académie Ranson, scuola privata di pittura e scultura fondata nel 1908 da Paul Ranson

  • A Barcellona nasce il gruppo "Taull", costituito da Antoni Tàpies, Modesto Cuixart, Juan José Tharrats e José Guinovart

  • A Londra si scoglie "The Independent Group", ma l'energia dei suoi protagonisti si condensa nell'organizzazione della mostra "This is Tomorrow", allestita l'anno successivo alla Whitechapel Art Gallery

  • All'Institute of Contemporary Art di Londra si inaugura "Man, Machine and Motion", organizzata da Lawrence Gowing e Richard Hamilton, mostra che documenta l'importanza della macchina nel rinnovare il potere dell'uomo

  • Al Musée Cantonal des Beaux-Arts di Losanna si inaugura la storica mostra "Le Mouvement dans l'Art Contemporain", curata da Guy Weeler, che presenta una vasta documentazione dell'arte cinetica

  • A Kassel si inaugura "Documenta", curata da Arnold Bode con la collaborazione di Werner Haftmann. La mostra intende documentare l'arte del '900. Grande risalto viene dato all'arte moderna classica, bandita dal nazismo come "Entartete Kunst", attraverso i capolavori dei più grandi artisti dall'inizio del '900 al 1945: Matisse, Picasso, Léger, Mondrian, De Chirico, Chagall, Kandinsky, Klee, Beckmann ecc. Partecipano 148 artisti con circa 670 opere, dipinti, sculture e disegni, esposte negli spazi ancora nudi e disadorni del Museum Fridericianum. I visitatori sono circa 130.000

  • A Cracovia, Tadeusz Kantor fonda "Cricot 2", gruppo alternativo e compagnia teatrale alternativa, che riunisce artisti, scrittori e attori di teatro. Il nome deriva da "Cricot" (anagramma di "To circ", che significa "Ecco il circo")

  • Il critico americano Clement Greenberg pubblica su "Partisan Review" l'articolo "American Type" Painting, in cui preannuncia il superamento della prima ondata di espressionisti astratti da parte di una nuova ondata, esemplificata da Barnett Newman, Mark Rothko, Clyfford Still

  • La Hansa Gallery di New York lascia la 12th Street e si trasferisce a Central Park South. Richard Bellamy diventa direttore

  • Al Museum of Modern Art di New York si inaugura "The Family of Man", mostra fotografica organizzata da Edward Steichen, che attraverso 503 immagini di 273 fotografi, documenta aspetti e sentimenti della vita umana in 68 paesi diversi

  • Il Museum of Modern Art di New York acquista Washington crossing the Delaware di Larry Rivers

  • In due diversi padiglioni di San Paolo si inaugura la terza edizione della "Bienal de Sao Paulo"

  • La Bezalel School of Arts and Craft di Gerusalemme si trasforma in accademia, con la denominazione Bezalel Academy of Arts and Craft

  • Al Museo di Belle Arti di Alessandria d'Egitto si inaugura la prima edizione della "Biennial for the Arts of Mediterranean Countries", grande manifestazione artistica con lo scopo di favorire lo scambio culturale tra i paesi che si affacciano sul Mediterraneo. Dal 1965 si trasformerà in "Alexandria Biennial for Mediterranean countries"

  • In Giappone, entrano a far parte del gruppo "Gutai": Kazuo Shiraga, Saburo Murakami, Atsuko Tanaka, Akira Kanayama, Sadamasa Motonaga, Fujiko Shiraga, Yasuo Sumi, Yozo Ukita, Kyoichi Mizoguchi e altri

  • Alla Ohara Hall di Tokyo si inaugura la I "Esposizione Gutai", organizzata dal gruppo "Gutai". Durante l'inaugurazione, si svolgono famose azioni. Breaking Through Many Screens of Paper (Lacerazione della carta) di Saburo Murakami, in cui l'artista lacera grandi fogli di carta tesi verticalmente saltandovi attraverso. Challenging Mud (Lotta con il fango) di Kazuo Shiraga, in cui l'artista si divincola in una massa di fango

  • La Art Gallery of South Australia di Adelaide è il primo grande museo in Australia a collezionare in maniera sistematica arte aborigena e a costituire una sezione specifica