Cronologia avvenimenti dell'arte moderna e contemporanea

1950

cronologia > 1950 > opere

Opere

  • Renato Guttuso finisce di dipingere Occupazione delle terre incolte in Sicilia, oggi alla Gemäldegalerie, Neue Sammlung di Dresda, opera di forte impronta realista, che nasce in un contesto di grande dibattito sul rapporto tra artista e masse

  • Alberto Burri realizza i primi Sacchi, composizioni pittoriche con frammenti di tela di sacco applicati sulla tela

  • Alberto Burri realizza i primi Gobbi, composizioni pittoriche con parti rilevate a forma di gobbe, ottenute incastrando frammenti di legno tra la tela e il telaio

  • Emilio Vedova dipinge Campo di concentramento, opera astratta di contenuto politico, caratterizzato da un intreccio di linee nere seghettate e spezzate

  • Osvaldo Licini dipinge La sera (Grande), una delle prime Amalassunte, oggi alla Galleria Civica d'Arte Moderna e Contemporanea di Torino

  • Osvaldo Licini dipinge i primi Angeli ribelli

  • Bruno Munari comincia a dipingere i Negativi-positivi, dipinti geometrici a tinte piatte, su superfici quadrate di diverse dimensioni, che interagiscono visivamente tra loro

  • Mario Nigro dipinge il ciclo Pannelli a scacchi, tele caratterizzate da scansioni ortogonali bianche e nere, intervallate da rettangoli colorati, che richiamano le griglie neoplastiche del Mondrian più tardo

  • Lo Studio BBPR (Banfi, Belgiojoso, Peressutti, Rogers) progetta la Torre Velasca a Milano, in rapporto con la tradizione architettonica medioevale propria di Milano

  • Luigi Moretti realizza la palazzina Il Girasole, in viale Bruno Buozzi a Roma, definita da taluni un esempio ante litteram di architettura postmoderna

  • Marcello Nizzoli progetta la celebre macchina da scrivere Olivetti Lettera 22

  • Henri Matisse realizza le decorazioni per la Cappella del Rosario a Vence (Nizza)

  • Fernand Léger realizza le 63 litografie per Cirque, edito da Tériade

  • Jean Dubuffet dipinge la serie dei Corps de dames (Corpi di donna), figure femminili grottesche e monumentali al tempo stesso

  • Jean Dubuffet dipinge Le voyageur égaré, oggi alla Fondation Beyeler di Basilea, grande paesaggio materico con un grottesco personaggio

  • Georges Mathieu dipinge Hommage à Louis XI, una delle prime tele in cui applica le stesure di colore direttamente dal tubetto

  • Nicolas Schöffer realizza Spatiodynamique 1 e Spatiodynamique 2 in cui attua il suo concetto di "Spatiodynamisme" (Spaziodinamismo), ottenuto attraverso la combinazione di elementi scultorei, cinetici, luminosi e cibernetici

  • Robert Doisneau scatta la celebre foto "Le Baiser de l'Hotel de Ville"

  • Pablo Picasso dipinge Les demoiselles des bords de la Seine, d'après Courbet, oggi al Kunstmuseum di Basilea

  • Pablo Picasso realizza la scultura La capra

  • Salvador Dalí dipinge la Madonna di Port Lligat, uno dei primi esempi di opere a soggetto religioso

  • Josef Albers comincia a dipingere Homage to the Square, la sua serie più famosa

  • Hans Hartung dipinge Composition T. 50 - 5, oggi alla Galleria Civica d'Arte Moderna e Contemporanea di Torino, che fa parte di un ciclo importante di opere in cui componente gestuale e sensibilità grafica si combinano in una alta sintesi compositiva

  • Jackson Pollock dipinge 4 tele monumentali con la tecnica del : One (Number 31, 1950), Autumn Rhythm, Number 1 (Lavender Mist), Number 32, oggi rispettivamente al Museum of Modern Art di New York, al Metropolitan Museum, alla National Gallery of Art di Washington e alla Kunstsammlung Nordrhein-Westfalen di Düsseldorf

  • Willem de Kooning dipinge Excavation, oggi all'Art Institute of Chicago, grande tela in cui organizza parti anatomiche e cancellature occupando la tela in maniera integrale

  • Willem de Kooning comincia a lavorare a Woman, prima tela del suo ciclo di opere più famose

  • Franz Kline dipinge Nijinsky, oggi al Metropolitan Museum of Art di New York, una delle prime tele a grandi campiture bianche e nere

  • Adolph Gottlieb dipinge T, tipico esempio dei "Pictographs", in cui su una griglia di derivazione cubista dispone simboli e segni tratti dalla storia e dalla mitologia