Cronologia avvenimenti dell'arte moderna e contemporanea

1945

cronologia > 1945 > storia

Storia

  • I tedeschi evacuano il campo di concentramento di Auschwitz

  • Nella notte del 13 febbraio gli Alleati bombardano Dresda, che finisce rasa al suolo

  • A Yalta si incontrano i capi di stato di Stati Uniti, Inghilterra e Unione Sovietica, per decidere le sorti dell'Europa in previsione della vittoria sulla Germania

  • Dopo Bologna, Modena e Genova vengono liberate Milano e Torino

  • Venezia viene liberata

  • Tentativo di fuga di Benito Mussolini, che viene arrestato a Dorno, sul Lago di Como, e fucilato il 28 aprile

  • I cadaveri di Mussolini e Claretta Petacci vengono esposti a Milano in Piazzale Loreto

  • Josip Broz Tito diventa Presidente del Governo Juguslavo

  • A Warm Springs muore Franklin Delano Roosevelt (n. 1882). Nel 1932 era stato eletto Presidente degli Stati Uniti

  • Il 25 aprile la Germania si arrende alle truppe alleate e finisce la seconda guerra mondiale

  • Hitler si suicida nel bunker della Cancelleria di Berlino, insieme a Eva Brau, sua compagna

  • Durante la Conferenza di Postdam Stati Uniti, Inghilterra e Unione Sovietica decidono il futuro della Germania

  • Inghilterra, Francia, USA e Unione Sovietica dividono Berlino in 4 settori e ne assumono rispettivamente il controllo

  • Winston Churchill si dimette dalla carica di Primo Minstro. Gli subentra Clement Attlee

  • Per fiaccare la resistenza giapponese, gli USA lanciano 2 bombe atomiche su Hiroshima e Nagasaki

  • L'imperatore giapponese Hiro Hito annuncia la resa incondizionata del suo paese

  • Le truppe americane occupano la Corea del Sud, i sovietici quella del Nord

  • Ferruccio Parri diventa Presidente del Comitato di Liberazione

  • Viene firmato a San Francisco lo statuto delle Nazioni Unite (ONU)

  • Il Mahatma Gandhi e Jawaharlal Nehru chiedono agli inglesi di lasciare l'India

  • In Canada nasce la FAO, la Food and Agriculture Organization delle Nazioni Unite

  • Comincia il Processo di Norimberga, dove vengono giudicati i criminali di guerra