Cronologia avvenimenti dell'arte moderna e contemporanea

1861

cronologia > 1861 > avvenimenti

Avvenimenti

  • In seguito al legato Marchesi-Fogliani, il Comune di Milano decide di istituire il Museo Artistico Municipale, primo germe della futura Galleria d'Arte Moderna di Milano

  • A Napoli si costituisce la Società Promotrice di Belle Arti, con lo scopo di allestire mostre annuali di artisti contemporanei

  • A Parigi si inaugura il "Salon", dove Edouard Manet ottiene per la prima volta un certo successo

  • In seguito al successo al "Salon" di Parigi, Edouard Manet diventa oggetto di ammirazione per una cerchia di artisti e critici. Tra essi: Henri Fantin-Latour, Carolus-Duran, Félix Bracquemond, Armand Gautier, Jule-Antoine Castagnary, Zacharie Astruc, Edmond Duranty

  • All'Ecole des Beaux-Arts di Parigi scoppia la protesta di un gruppo di studenti, insoddisfatti dell'insegnamento impartito. Per reazione chiedono a Gustave Courbet di studenti insoddisfattiaccoglierli nel suo studio

  • La University Art Collection di Oxford si arricchisce di un nucleo di acquerelli di Joseph Mallord William Turner, donati da John Ruskin con lo scopo di sottolineare l'importanza dell'arte contemporanea

  • Al n.8 Red Lion Square di Londra nasce la "Morris, Marshall, Faulkner & Co.", ditta fondata da William Morris, Charles Faulkner e P. P. Marshall, che si propone di produrre manufatti per la casa in stile neo-medievale e neo-rinascimentale. Tra i principali soci vi sono gli artisti Ford Madox Brown, Edward Burne-Jones, Dante Gabriel Rossetti e l'architetto Philip Webb. I prodotti principali sono: lavori di intaglio, vetri piombati, oggetti in metallo, tessuti dipinti, carta da parati, tappeti, ecc. Nel 1875 muterà il nome in "Morris & Co"

  • A Colonia apre il Wallraf-Richartz-Museum, museo d'arte intitolato alla memoria di Ferdinand Franz Wallraf e Johann Heinrich Richartz, i grandi mecenati che ne hanno reso possibile la realizzazione

  • Il banchiere Joachim Heinrich Wagener lascia allo stato prussiano la sua collezione di 262 opere di artisti contemporanei, perlopiù tedeschi, tra cui alcuni capolavori di Caspar David Friedrich. Nel 1876 costituirà il nucleo portante della Nationalgalerie di Berlino

  • Il governo russo decide il trasferimento del Museo Rumiantsev da San Pietroburgo a Mosca, fino ad allora sprovvista di museo e biblioteca pubblica

  • A Melbourne viene istituita la National Gallery of Victoria