Cronologia avvenimenti dell'arte moderna e contemporanea

1833

cronologia > 1833 > opere

Opere

  • Adeodato Malatesta dipinge La famiglia Malatesta, oggi al Museo Civico di Modena, esempio di ritrattistica ispirata alla pittura "Biedermeier" austriaca e tedesca

  • Giovanni Migliara dipinge Atrio del castello di Plessis La Tour, oggi alla Galleria Civica d'Arte Moderna e Contemporanea di Torino

  • Francesco Hayez dipinge Maddalena penitente, oggi alla Galleria d'Arte Moderna di Milano

  • Paul Delaroche dipinge Esecuzione di Lady Jane Grey, oggi alla National Gallery di Londra

  • Alexandre-Gabriel Decamps dipinge La Défaite des Cimbres (La disfatta dei Cimbri), oggi al Musée du Louvre di Parigi

  • Eugène Isabey dipinge Plage à marée basse (Spiaggia con la bassa marea), oggi al Musée du Louvre di Parigi

  • Antoine-Louis Barye realizza il gruppo scultoreo Le Lion au serpent (Il leone e il serpente) per il giardino delle Tuileries di Parigi

  • Jean-Baptiste Camille Corot dipinge La maison e l'usin de Monsieur Henry (La casa e la fabbrica del signor Henry), oggi al Philadelphia Museum of Art

  • William Turner realizza le illustrazioni per l'album Wanderings by the Loire (Passeggiate sulla Loira)

  • John Soane termina i lavori di costruzione della Bank of England a Londra, che lo hanno impegnato dal 1792

  • Carl Blechen dipinge Schloss Sanssouci (Il castello di Sanssouci), oggi alla Alte Nationalgalerie di Berlino

  • Domenico Quaglio dipinge Die Kathedrale von Reims (La cattedrale di Reims), oggi al Museum der bildende Künste di Lipsia

  • Karl Briullov finisce di dipingere Gli ultimi giorni di Pompei, enorme tela di soggetto storico, oggi al Museo Russo di San Pietroburgo

  • Katsushika Hokusai finisce di realizzare 10 nuove tavole della serie Trentasei vedute del Monte Fuji

  • Utagawa Hiroshige finisce di realizzare la serie di xilografie Cinquantatrè stazioni della Tokaido, dedicata alle stazioni lungo la Tokaido, la strada principale che collegava la capitale shogunale Edo (oggi Tokyo) a Kyoto, la capitale imperiale del tempo