Mostre di arte moderna e contemporanea

Close to me. Susan Philipsz a Palazzo Reale

31 maggio - 23 settembre 2012

Palazzo Reale e Chiesa di San Gottardo in Corte
Piazza Duomo 12, Milano
Tel. 02-804062
Orari: lun 14:30-19:30, mar-dom 9:30-19:30, gio e sab 9:30-22:30. Ingresso libero

Se in questi giorni vi capiterà di passare nel cortile di Palazzo Reale, fermatevi ad ascoltare il canto che echeggia nell'aria. Si tratta di un madrigale di John Bennet, che è entrato a far parte di un'installazione (Weep, O Mine Eyes, 2010) di Susan Philipsz, un'artista scozzese molto interessante, che lavora col suono realizzando opere che sfruttano le potenzialità architettoniche e paesaggistiche del contesto in cui si collocano.

Questo lavoro affascinante e inaspettato, che propone un ritorno alla "lingua madre", funge da introduzione a un vero e proprio percorso sonoro, che porta alla scoperta di altre due opere, che sono strettamente legate al tema delle relazioni parentali, che è stato portato alla ribalta dall'VIII Incontro Mondiale delle Famiglie di Milano.
Il primo impatto è quello con A Song Apart (1997), in cui Susan e le sue sorelle, Barbara, Joan e Sarah, cantano, insieme, ma in posti diversi, grazie a dei video, Swiftly Flowing Elba, una canzone tradizionale di tipo familiare.
Poi ci si trova letteralmente immersi in Close to me, un'opera realizzata appositamente per questa mostra e per l'arrivo di Benedetto XVI, che si rifà a un inno che l'artista ha cantato a Glasgow nel 1982 per la visita di un altro Papa, Giovanni Paolo II, e che ora ripropone assieme alle sue sorelle trasformando un fatto privato in un evento universale, di cui sono protagonisti anche il visitatore o il passante occasionale.

La mostra, che è promossa dal Comune di Milano, Palazzo Reale e Artache, ed è curata da Stefania Morellato e Don Luigi Garbini, risponde a degli scopi molto precisi, che sono: far scoprire un'artista che ha vinto il Turner Prize e ha esposto in importanti città e spazi internazionali, far risaltare il senso e il valore dei legami familiari, far riscoprire la Chiesa di San Gottardo in Corte.

Links ad altre pagine di Artdreamguide correlate