Mostre di arte moderna e contemporanea

PIXAR – 25 anni di animazione

23 novembre 2011 - 14 febbraio 2012

PAC - Padiglione d'arte Contemporanea
Via Palestro 14, Milano
Tel. 02-76009085
Orari: lun 14:30-19:30, mar-dom 9:30-19:30, gio 9:30-22:30. Dall'11 al 13 febbraio fino alle 21:30, il 14 febbraio fino alle 23

Quando si va a vedere un film, generalmente ci si fa catturare dalla storia, dalle immagini, dalle proprie emozioni. Nel caso di capolavori d'animazione, come Toy Story, Nemo, Gli Incredibili, Cars, Ratatouille o Wall-e, che rappresentano uno straordinario mix di creatività, invenzione e tecnologia, può darsi però che, terminata la proiezione, qualcuno si chieda anche come siano stati realizzati.
La mostra allestita al PAC, che celebra i 25 anni della Pixar, l'incredibile "fabbrica dei sogni" rivitalizzata da John Lassater e Steve Jobs, oggi di proprietà della Walt Disney, ci racconta e ci fa vedere quanto lavoro ci sia dietro ogni singolo fotogramma. La computer animation, infatti, costituisce solo una parte dell'attività di chi opera all'interno di questa fucina creativa. Gran parte del lavoro viene svolto ancora coi mezzi tradizionali dell'arte, il disegno, i colori a tempera, i pastelli e le tecniche di scultura, tanto è vero che qualcuno ha avvicinato la Pixar alle antiche botteghe rinascimentali.

La rassegna, che consente di fare un viaggio emozionante attraverso la creatività e la cultura digitale applicate al cinema e all'animazione, è stata curata da Elyse Klaidman, che da anni porta in giro per il mondo questa mostra, che è già stata presentata al MoMA di New York, in Australia e in Medio Oriente, ma per questa edizione ha potuto contare sulla collaborazione della Walt Disney Company Italia e su quella di Maria Grazia Mattei, che nel 1995 ha fondato la MGM Digital Communication, uno studio di ricerca e consulenza sui nuovi media, e dal 2005 dirige "Meet the Media Guru", uno dei progetti più originali e innovativi del panorama culturale milanese.

Il percorso espositivo, progettato da Fabio Fornasari, è suddiviso in quattro sezioni, "Personaggi", "Storie", "Mondi", "Digital Convergence", e consente di vedere 700 opere (disegni, dipinti, acquerelli, sculture, colorscript, video e maquette) che la Pixar ha prodotto dal 1986 a oggi. Un patrimonio creativo che difficilmente lascia gli studi della società, ma che è tutt'altro che secondario. La sua realizzazione, infatti, è fondamentale per la nascita di qualsiasi filmato, come dimostrano i materiali proposti in mostra, tra cui figurano quelli relativi a Luxo Jr. (1986), che è stato il primo lungometraggio di una lunga serie, Monster & Co (2001), Toy Story (1, 2 e 3), Ratatouille (2007), WALL·E (2008), Up (2009), Cars 2 (2011) e quelli di Brave, l'ultimo lavoro della Pixar, di cui sono proposti alcuni disegni e spezzoni in attesa dell'uscita nelle sale, prevista per il 2012.

Oltre a permettere di conoscere la fase creativa e nascosta dei maestri dell'animazione mondiale, la rassegna propone due installazioni davvero particolari, Artscape e Zoetrope, che utilizzano la tecnologia digitale per far rivivere le opere esposte.

La mostra è accompagnata da un bel catalogo, pubblicato da 24 ORE Cultura – Gruppo 24 ORE e Chronicle Books, e da un vasto programma di laboratori e visite guidate per tutte le età. Sono invece espressamente dedicate ai bambini dai 6 ai 10 anni le divertenti lezioni interattive tenute dai disegnatori dell'Accademia Disney, che si tengono tutti i sabati e le domeniche alle 10 e alle 11:30. Per prenotarle, si deve chiamare il numero: 02-54913

Links ad altre pagine di Artdreamguide correlate