Mostre di arte moderna e contemporanea

Green Life. Costruire città sostenibili

4 febbraio - 28 marzo 2010

Triennale
Viale Alemagna 6, Milano
Tel. 02-724341
Orari: 10:30-20:30, gio-ven 10:30-23, lunedì chiuso

Anche se di "architettura verde e sostenibile" si parla ormai da tempo, l'Italia ha sempre prestato poca attenzione a questi temi, cui si sono dedicati soltanto alcuni importanti e lungimiranti progettisti, come Renzo Piano, che nel 1996, è stato promotore, assieme a Thomas Herzog, Norman Foster e Richard Rogers, di una Carta Europea per l'Energia Solare nell'Architettura e nella Pianificazione Urbanistica, cui ha fatto seguito la progettazione, dell'eco-quartiere di Solar City a Linz, al quale hanno collaborato anche Auer + Weber. Negli ultimi anni, però, complice l'Expo, la "Green Life" è diventata di gran moda anche da noi, e se ne parla davvero tanto anche se, finora, le opere realizzate non sono certo moltissime.

Per favorire il dibattito su questi argomenti, che sono di fondamentale importanza per il futuro dell'uomo e la qualità della vita nelle metropoli, Legambiente, Triennale di Milano e Istituto di Ricerche Ambiente Italia hanno deciso di dar vita a un progetto molto ambizioso, composto da una mostra e da un nutrito programma di incontri e convegni, dedicati al tema dell'edilizia sostenibile, che, oltre a essere una necessità, offre grandi opportunità anche dal punto di vista occupazionale. Questo settore, infatti, è destinato a un notevole sviluppo, e serviranno sicuramente professionisti ed esperti in grado di risolvere i problemi connessi a questo nuovo modo di progettare e costruire edifici e città.

L'esposizione, curata da Maria Berrini, Aldo Colonetti, Fulvio Irace, Franco Origoni e Andrea Poggi, ruota attorno ai progetti realizzati da alcuni grandi architetti internazionali, che hanno affrontato le problematiche connesse al risparmio energetico, al recupero urbano, alla realizzazione di residenze di edilizia sociale, all'incremento delle aree verdi. Tra loro, vi sono anche alcuni studi italiani, che hanno lavorato all'estero (Mario Cucinella, Centre for Sustainable Energy a Ningbo in Cina; Fare studio, Centro per il benessere delle donne a Ouagadougou, in Burkina Faso), ma anche nel nostro paese (Cino Zucchi, Giardino pubblico a San Donà di Piave; C + S Associati, Scuola Elementare di Ponzano Veneto; Christoph Mayr Fingerle, Quartiere CasaNova di Bolzano), dove, comunque, non sono mancati gli interventi di architetti stranieri (KSV, Museion di Bolzano).

I disegni, le fotografie e i filmati degli edifici realizzati, sono affiancati da quelli di 9 città europee, che hanno deciso di guardare al futuro e scommettere su questo nuovo modo di vivere e costruire. Ecco allora Stoccolma, Green Capital 2010, Amburgo, metropoli europea della "Green economy", Amsterdam, dove ormai si costruisce soltanto a emissioni zero, Copenhagen, simbolo della protezione climatica, Friburgo, città verde e solare per eccellenza, Zurigo, che si sta battendo per ridurre di un terzo i consumi individuali di energia, Vienna e Salisburgo, che hanno dato vita a "quartieri solari e senza auto".

La rassegna, che è abbastanza tecnica, ma si propone anche un intento didattico e divulgativo, è accompagnata da incontri, convegni ed eventi, volti a far riflettere sulla necessità di uno stile di vita diverso, più consapevole e attento, quindi "più verde".
Per conoscere temi e orari dei singoli appuntamenti, si può guardare il sito della mostra.

Links ad altre pagine di Artdreamguide correlate