Mostre di arte moderna e contemporanea

Giovanni Chiaramonte. In Berlin

13 maggio - 14 giugno 2009

Triennale
Viale Alemagna 6, Milano
Tel. 02-724341
Info: 10:30-20:30, gio 10:30-23, lunedì chiuso

Il 9 novembre 1989 è avvenuto un evento epocale, lo smantellamento del Muro di Berlino, eretto nel 1961 per dividere l'Est e l'Ovest della Germania. In vent'anni tante cose sono cambiate e Berlino è diventata una delle più gettonate e vitali città europee.
Notevole è stata anche la sua trasformazione urbanistica. Molti sono stati, infatti, gli architetti di grido (Piano, Isozaki, Foster, Moneo, Libeskind ecc.), che sono stati chiamati a reinventare questa città.

Giovanni Chiaramonte, che è un grande fotografo, "maestro dell'osservazione e del racconto", è stato più volte a Berlino. Prima della caduta del Muro e anche dopo. Ha avuto così la possibilità di vedere e testimoniare il suo rapidissimo processo di metamorfosi.

La mostra allestita alla Triennale nulla concede però, come dice Fulvio Irace, "ai trionfalismi della letteratura più recente sulla rinascita della città".
Tralasciando le immagini di parchi, giardini, statue e specchi d'acqua, vestigia di un tempo che sembra ancora quello del Re di Prussia, quello che ci troviamo di fronte assomiglia molto di più a un paese abbandonato, che a un moderno centro urbano. Guardando quei palazzi distrutti, quelle strade deserte, piene di crepe, rovine e macerie, si ha, infatti, la sensazione di toccare con mano le ferite della Germania.
Qualcosa cambia nelle immagini ironiche e un po' surreali, realizzate nel 2003. In esse, infatti, sembra che Berlino si stia riprendendo e rianimando. Arrivano i "turisti globali", si costruiscono nuovi edifici, si diffonde la pubblicità...

Links ad altre pagine di Artdreamguide correlate