Mostre di arte moderna e contemporanea

Passports. In viaggio con l'arte. 75 anni di pittura, scultura,
fotografia e installazioni dalla Collezione del British Council

14 luglio - 13 settembre 2009

PAC - Padiglione d'arte Contemporanea
Via Palestro 14, Milano
Tel. 02-76009085
Orari: lun 14:30-19:30, mar-dom 9:30-19:30, gio 9:30-22:30. 1 e 2 giugno 9:30-19:30

Il British Council, presente in 100 paesi del mondo, è l'ente che cura le relazioni tra il Regno Unito e gli altri Stati e uno dei suoi incarichi più prestigiosi è quello di far conoscere la lingua e la cultura britannica fuori dai confini nazionali.
Fondato nel 1934, ha raggiunto ormai i 75 anni e ha deciso di festeggiare questo traguardo facendo conoscere a tutti la collezione d'arte contemporanea che ha acquisito nel corso del tempo. Una raccolta straordinaria che vanta più di 8000 opere, tra cui molti capolavori del XX e del XXI secolo. Al suo interno sono presenti, infatti, alcune delle figure più importanti della scena artistica britannica di oggi, come Lucian Freud, Anish Kapoor, Tony Cragg, Richard Deacon, Bill Woodrow, Antony Gormley, Peter Doig, Bridget Riley, Sarah Lucas, Steve McQueen, Douglas Gordon e Damien Hirst, che i curatori di questo ente culturale, dimostrando grande lungimiranza, hanno spesso selezionato quando erano soltanto giovani di belle speranze.
Altri pezzi da novanta sono quelli di Henry Moore, Richard Long, David Hockney, Gilbert & George, Mona Hatum, Sean Scully ecc.

Il titolo della mostra, "Passports", non indica soltanto il viaggio che queste opere hanno dovuto fare per arrivare in Italia, dove il British Council vanta 3 diverse sedi (Milano, Roma e Napoli), ma anche il cammino che hanno fatto nel mondo dell'arte e quindi le mostre e i musei dove sono state esposte e, cosa ancor più inconsueta, il valore che avevano al tempo della loro acquisizione. Veniamo così a sapere, tanto per fare un esempio, che Girl with Roses di Lucian Freud ha partecipato a 80 mostre in 25 paesi diversi e che il British Council l'ha comprata nel 1948, poco dopo che l'artista l'aveva ultimata, per 158 sterline. Una somma davvero ridicola se si pensa a quello che valgono ora i lavori di Freud, che è uno dei più quotati artisti britannici. Nel maggio 2008, infatti, Benefits Supervisor Sleeping, un suo dipinto del 1995 è stato battuto da Christie's, a New York, per 33,6 milioni di dollari consacrandolo l'artista vivente più costoso al mondo.

Come tutte le rassegne del PAC, anche questa mostra è accompagnata da un interessante programma di visite guidate e attività didattiche e da un bel catalogo, pubblicato da Silvana Editoriale, dove si possono leggere i contributi di Michael Craig-Martin e Andrea Rose.

La presentazione di questa importante iniziativa culturale ha offerto al British Council la possibilità di far conoscere un progetto, cui tiene molto, The Fifth Curator (Il Quinto Curatore), un concorso per aspiranti curatori.
Il premio, davvero eccezionale, è costituito dall'opportunità di visionare la collezione dell'ente inglese e utilizzarla per l'organizzazione di una mostra, che sarà allestita nel 2010 alla Whitechapel di Londra.
Il bando scade il 4 settembre 2009. Quindi chi ha voglia di cimentarsi in questa impresa deve cominciare a darsi da fare.

Conclusa l'esposizione milanese, la mostra si trasferirà in altri Paesi per promuovere anche in quei luoghi il genio e la creatività inglese.

Chi non potesse recarsi a Milano o nelle altre città dove verrà esposta la British Council Collection, la potrà comunque vedere on line.
Questa splendida raccolta, che, oltre a dipinti, sculture, fotografie e installazioni, contiene anche opere di artigianato e design, infatti, non ha ancora una vera e propria sede e, di conseguenza, deve presentarsi come "un museo senza pareti". Un handicap che le consente però, grazie a Internet, di farsi conoscere in tutto il mondo.

Per conoscere le iniziative organizzate dal British Council, si può guardare il sito di questa prestigiosa istituzione britannica.

Links ad altre pagine di Artdreamguide correlate