Mostre di arte moderna e contemporanea

Giovanni Cerri. C'era una volta la città

23 ottobre - 15 novembre 2008

Avanguardia Antiquaria
Via Canonica 20, Milano
Orari: 10-12:30 15-19

Nel 1966, Adriano Celentano cantava "là dove c'era l'erba ora c'è una città... solo case su case, catrame e cemento...".
Erano le parole di uno dei suoi pezzi più celebri, Il ragazzo della Via Gluck, che stigmatizzava la crescita esponenziale dei centri urbani.

Da allora sono passati circa quarant'anni, ma le aree periferiche di Milano, anziché svilupparsi e prosperare, si sono trasformate in luoghi pericolosi, desolati e in rovina, vere e proprie "terre di nessuno".
Dove c'era vita e speranza, infatti, sono rimasti soltanto degrado e paura, cani randagi e fantasmi.

Questi luoghi spettrali, truci e abbandonati, sono lo scenario in cui si muovono le opere di Giovanni Cerri, muta ma incisiva testimonianza dell'impotenza dell'uomo, incapace di fare i conti con l'ineluttabilità dell'esistenza.
I resti dei ponti, delle gru e delle fabbriche, che un tempo indicavano speranza e benessere, altro non sono, infatti, che le vestigia di un sogno infranto e il presagio di un futuro oscuro e forse terribile.
Un destino inquietante, che non guarda in faccia nessuno e non risparmia neppure i giochi dei bimbi, come se anche per loro non ci fosse un domani.

La mostra è curata da Cristina Guerra e Roanna Weiss, autrici dei testi in catalogo.

Links ad altre pagine di Artdreamguide correlate