Mostre di arte moderna e contemporanea

ArteFiera Art First 2008

24 gennaio - 28 gennaio 2008

Quartiere Fieristico di Bologna
Padiglioni 16, 18, 21, 22
Ingressi: Piazza Costituzione e Nuovo Ingresso Nord (Parcheggio Michelino, uscita tangenziale n.8)
Tel. 051-282111
Orari: ven-dom 11-19, lun 11-17. 25 gennaio su invito

Preceduta dalla giovane Fiera di Bergamo, che, nonostante l'impegno, non ha certo i numeri per offuscare la sua fama, ritorna ancora una volta Arte Fiera, la più importante manifestazione italiana dedicata all'arte moderna e contemporanea, arrivata ormai alla 32 edizione.
La direttrice di questa straordinaria kermesse, che porta a Bologna curatori, critici, galleristi, collezionisti e appassionati d'arte da tutta la Penisola e anche dall'estero, è, come nel 2007, Silvia Evangelisti.

Le gallerie presenti, suddivise in sezioni che tengono conto di ciò che trattano (arte moderna, arte contemporanea, nuove proposte), sono circa 200 e arrivano da tutto il mondo anche se resta predominante la componente italiana.
A selezionarle è stato un comitato consultivo composto da Gianfranco Benedetti (Galleria Stein, Milano), Marilena Bonomo (Galleria Bonomo, Bari), Ben Brown (Galleria Ben Brown, Londra), Tiziano Dabbeni (Galleria Dabbeni, Lugano), Monica De Cardenas, Galleria De Cardenas, Milano), Claudia Gianferrari (Galleria Gianferrari, Milano), Pasquale Ribuffo (Galleria De' Foscherari, Bologna), Elio Pinottini (Galleria Narciso, Torino), Gianfranco Maraniello (Direttore del MAMbo).
Tra riconferme e matricole, va segnalata la presenza di Massimo Di Carlo, presidente dell'ANGAMC, l'Associazione Nazionale delle Gallerie d'Arte Moderna e Contemporanea, che, lasciate da parte le polemiche che hanno contraddistinto la precedente edizione, ha deciso di tornare a esporre ad Arte Fiera.

Le aree dove trovano posto galleristi, istituzioni ed editori, sono affiancate da spazi dedicati alla riflessione, dove si tengono presentazioni di libri (Words on art, Art Cafè, Hall 18), incontri con critici, curatori e protagonisti del mondo dell'arte (Conversazioni d'arte), discussioni su temi d'attualità e presentazioni di premi (Open art, Gallery Hall, Hall 21-22).
Tra le proposte editoriali dell'Art Cafè, spiccano i libri dedicati a Emilio Isgrò, Carla Accardi, Alex Katz e il catalogo della mostra "Arte Povera. Libri e documenti".

Tra i tanti stand, non si può dimenticare quello del critico Achille Bonito Oliva, che dal 2006 è presente in Fiera col progetto "Art Before Obvious".
Il tema di quest'anno, "Mercante in fieri", racconta l'evoluzione del mercato dell'arte attraverso il punto di vista di un gallerista internazionale e dei direttori di una fiera e di una casa d'aste.

Un altro spazio particolare è Didart, un luogo per la didattica, che consente ai visitatori, e in particolare ai bambini e ragazzi dagli 8 ai 15 anni, un maggior e diretto coinvolgimento nel processo artistico.
L'iniziativa, che si basa sull'esperienza dell'omonimo progetto, finanziato dall'Unione Europea, è stata possibile grazie alla collaborazione con il Dipartimento Educativo del MAMbo e il Dipartimento di Comunicazione e Didattica dell'arte dell'Accademia di Belle Arti di Bologna.

Interessante anche la proposta di Targetti, che festeggia i primi 10 anni della sua collezione presentando al pubblico i lavori dei vincitori della V edizione del "Premio Targetti Light Art", le migliori opere realizzate nei concorsi degli anni precedenti e i light works, che l'azienda di origini fiorentine ha commissionato ad alcuni tra i più affermati artisti internazionali che utilizzano la luce artificiale come strumento espressivo e contenuto primario.

Un'altra esposizione si deve al Gruppo Euromobil, che, al Padiglione 21, presenta il progetto I luoghi dell'arte - I Luoghi del design con installazioni di Jai Jalan e Gherardi, Sadler e Gobbo, Jakub Nepraš e Fabrizio Plessi.
Come nella scorsa edizione, anche quest'anno, la società dei fratelli Lucchetta, si fa promotrice di un concorso, il "Premio Euromobil", rivolto ad artisti under 30 italiani e stranieri le cui opere sono esposte qui ad Arte Fiera.
A scegliere il vincitore sarà una giuria, composta da Silvia Evangelisti, Gianfranco Maraniello, Philippe Daverio, Aldo Colonnetti, Roberto Gobbo e, ovviamente, dai titolari di Euromobil Spa.
La premiazione si terrà sabato 26 gennaio alle 11 presso la Gallery Hall.

Le fiere, si sa, sono sempre molto faticose, ma chi dispone di ulteriori energie può fare ancora molte cose. Tutta la città infatti è una fucina di iniziative.
Volendo restare in ambito culturale, si può scegliere tra visitare alcune mostre, come "Luigi Ontani" al MAMbo, "Arte Povera 1966-1980. Libri e documenti" al Museo Archeologico, "Zotti. Orizzonti onirici" al Padiglione Esprit Nouveau, "Netmage" a Palazzo Re Enzo, "Not so private. Gallerie e storie dell'arte a Bologna" a Villa delle Rose, ammirare l'installazione di Christian Boltanski esposta al Museo per la Memoria di Ustica, o andare a spasso e vedere cosa propone Bologna Art First. Nei pressi delle più prestigiose sedi museali e istituzionali del capoluogo emiliano sono state installate, infatti, opere di artisti contemporanei rappresentati da gallerie che espongono in Fiera.
Sabato 26 gennaio si terrà inoltre la Art White Night, che prevede l'apertura serale di musei, negozi e gallerie del centro storico, concerti, buffet e fuochi artificiali.

Per avere ulteriori informazioni sulla manifestazione e gli eventi correlati, si può guardare il sito di Arte Fiera.

Links ad altre pagine di Artdreamguide correlate