Mostre di arte moderna e contemporanea

Storie di Sguardi.
La fotografia da Nadar a Elliott Erwitt

12 ottobre 2005 - 15 gennaio 2006

Forma - Centro Internazionale di Fotografia
Piazza Tito Lucrezio Caro 1, Milano
Tel. 02-58118067
Orari: 10-20, gio 10-22, lunedì chiuso

Il Centro FORMA, inaugurato il 14 luglio scorso con l'antologica di Gianni Berengo Gardin, è ora nel pieno della sua attività, rigorosamente connessa alla fotografia.

"Storie di Sguardi" è la prima di una serie di grandi mostre che hanno per tema la "Storia della fotografia". Si ferma, infatti, agli anni '70 del '900 e racconta il cammino di questo mezzo straordinario da Nadar a Erwitt attraverso una selezione di 130 immagini chiave. Tra gli autori rappresentati figurano Ansel Adams, Eugène Atget, Richard Avedon, Julia Margaret Cameron, Robert Capa, Lewis Carroll, Henri Cartier-Bresson, Edward Lee Curtis, Robert Doisneau, Elliott Erwitt, Walker Evans, Alexander Gardner, Mario Giacomelli, Dorothea Lange, André Kertész, William Klein, Josef Koudelka, Lisette Modell, Eadweard Muybridge, Nadar, Man Ray, Aleksandr Rodcenko, Edward Steichen, Alfred Stieglitz, Edward Weston e tanti altri. Domina il Bianco e Nero.

La rassegna, affascinante di per sé, ha anche un evidente scopo didattico. Ogni immagine è infatti accompagnata da un breve testo, che racconta la storia dell'autore e il suo uso della macchina fotografica. All'interno delle sale si trovano inoltre pannelli esplicativi più ampi, che scandiscono le diverse sezioni della mostra e ricostruiscono l'evoluzione tecnica e artistica di questo medium partendo dal 1826. È in quell'anno, infatti, che, Nicéphore Niépce realizzò quella che è considerata la prima immagine fotografica della storia, una veduta dalla finestra della sua casa.
Da allora sono passati tanti anni, le tecniche sono migliorate, hanno permesso maggior libertà di movimento e inventiva. Gli sguardi si sono moltiplicati e la fotografia ha preso diverse strade. C'è chi ha scelto la via della storia, della documentazione, della denuncia sociale, chi ha preferito la via dell'arte, della moda, della pubblicità, chi la foto in studio e chi la presa diretta. Anche i soggetti sono cambiati e paesaggi, ritratti, nature morte, hanno lasciato il posto a scene di vita e ardite sperimentazioni.
Oggi, superati i limiti legati agli strumenti, ognuno può decidere cosa fare seguendo il suo estro e la sua sensibilità.

Raccontare tutto ciò che è successo non è possibile. E questa mostra non ne ha la pretesa. Vuole essere un invito a vedere e capire, ad appassionarsi a un mezzo che ha cambiato il nostro modo di guardare il mondo e di raccontarlo.
Si può visitare facendo scivolare lo sguardo da una foto all'altra o approfondire il discorso con le letture.

"Storie di Sguardi" è un progetto dell'editore francese Robert Delpire, che FORMA ha realizzato a Milano sotto la supervisione di Alessandra Mauro. La scelta delle immagini e i commenti si devono allo storico della fotografia Michel Frizot.
Il Centro tornerà a occuparsi di "Storia della fotografia" nel 2006 con una grande mostra dedicata al ritratto.

Alla rassegna sono abbinate attività didattiche rivolte alle scuole e al pubblico in genere. Stanno inoltre per partire i corsi e i workshop che FORMA ha realizzato in collaborazione con NABA, preludio alla nascita di un corso universitario sperimentale di secondo livello, dedicato alla fotografia.

Links ad altre pagine di Artdreamguide correlate