Mostre di arte moderna e contemporanea

Renato Guttuso. Opere della Fondazione Francesco Pellin

27 gennaio - 6 marzo 2005

Fondazione Antonio Mazzotta
Foro Bonaparte 50, Milano
Tel. 02-878197
Orari: 10-19:30, mar e gio 10-22:30, lunedì chiuso

È un momento davvero straordinario per Renato Guttuso. Un suo quadro, La battaglia di Ponte dell'Ammiraglio (1951), è stato acquistato dalla Sovrintendenza di Firenze per la Galleria degli Uffizi e ora si aprono contemporaneamente due mostre: una a Milano e l'altra a Torino.
Se questo non dovesse bastare, il futuro, forse, gli regalerà anche un museo a Varese o dintorni. In un territorio dove ha vissuto e realizzato tante opere.
Parte di questo successo lo deve all'amico e collezionista Francesco Pellin, che da anni si sta prodigando per la valorizzazione del suo lavoro e, ora, ha prestato la sua collezione per questa rassegna.

In mostra 77 dipinti e 47 disegni, che Guttuso ha realizzato tra il 1931 e il 1986. Opere capitali, che documentano l'evoluzione della sua ricerca creativa dall'immediatezza espressiva dei primi tempi al vitalismo un po' eccessivo degli ultimi anni passando attraverso l'esperienza postcubista e le diverse forme di realismo pittorico: sociale, esistenziale (Fumatore, 1958), della memoria, allegorico (Spes contra spem, 1982). Molte anche le citazioni e gli omaggi, da Dürer (Le visite, 1970) a Picasso (Lamento per la morte di Picasso, 1973), da van Gogh, a Toulouse-Lautrec, da Seurat ad Allen Jones ecc.
Le opere provengono tutte dalla collezione dell'industriale lombardo Francesco Pellin, che nel 1973 ha conosciuto casualmente l'artista ed è rimasto affascinato dal suo lavoro e dalla sua personalità.
L'incontro è stato l'inizio di un'amicizia profonda, che ha portato Pellin ad acquistare molti lavori dell'artista, prima i più nuovi e poi, per completezza, anche quelli del passato e gli ultimi.
A questa furia collezionistica si è accompagnato un lavoro di promozione, segnato dalla realizzazione del Catalogo ragionato generale dei dipinti di Guttuso, dalla creazione di una Fondazione dedicata all'artista, e ora da una serie di mostre, che gireranno l'Italia e l'Europa preannunciando la creazione di un museo in provincia di Varese. Un sogno che Pellin spera di realizzare al più presto.

La mostra è curata da Enrico Crispolti, autore del catalogo ragionato dell'artista. Dopo Milano, passerà a Roma, al Chiostro del Bramante, dove resterà aperta fino a giugno.

L'altra mostra di cui abbiamo parlato si tiene a Torino, a Palazzo Bricherasio, dal 19 febbraio al 29 maggio. Si intitola "Guttuso. Capolavori dai Musei" ed è curata da Fabio Carapezza Guttuso, figlio adottivo del pittore.
La rassegna ripercorre l'iter creativo di Guttuso attraverso 80 opere, che provengono da importanti musei europei e dalla collezione privata dell'artista.

Per agevolare i visitatori che volessero vedere entrambe le esposizioni, quella di Milano e Torino, è stata creata una Guttuso Card, che prevede l'ingresso ridotto alle due manifestazioni.

Links ad altre pagine di Artdreamguide correlate