Mostre di arte moderna e contemporanea

Le opere e i giorni due - Il precetto

18 luglio 2003 - 30 aprile 2004

Certosa di San Lorenzo
Viale Certosa, Padula (Sa)
Info. 0975-77745
Orari: 9-20
www.comune.padula.sa.it

È partita la seconda edizione del progetto "Le opere e i giorni", curato da Achille Bonito Oliva. Come lo scorso anno, le celle del monastero di Padula ospiteranno alcuni artisti contemporanei, che faranno proprio il precetto "Ora et labora".

Se l'edizione 2002 aveva come tema il "Verbo" e, nel 2004, è prevista una riflessione sulla "Vanitas", quest'anno tutto si incentra sull'idea di "Precetto". La regola che preserva il certosino dagli influssi del demonio e che guida l'opera creativa dell'artista, innalzando entrambi alle vette del divino.

Gli artisti invitati a far parte del progetto 2003 sono: Mario Airò - Maja Bajevic - Nanni Balestrini - Per Barclay - Massimo Bartolini - Betty Bee - Alfonso Benadduce, Francesca Cutolo e Benedetta Jacovoni - Carlo Benvenuto - Antonio Caggiano - Sandro Chia - Nicola De Maria - Jan Fabre - Gianandrea Gazzola - Pia Gazzola - Robert Gligorov - Mimmo Jodice - Mark Kostabi - Myriam La Plante - Amedeo Martegani - Hidetoshi Nagasawa - Raffaella Nappo - Luigi Ontani - Mimmo Paladino e Toni Servillo - Perino & Vele - Michelangelo Pistoletto - Alfredo Pirri - Franco Scognamiglio - Lorenzo Scotto Di Luzio - Elisa Sighicelli - Marianna Troise - Giuseppe Zevola - Natalino Zullo.
Il pubblico avrà la possiblità di confrontarsi con loro nei giorni 18-19-20 luglio, ma le opere saranno visibili in loco fino al 30 aprile 2004.

Nello stesso periodo, si potranno vedere anche i lavori realizzati dagli artisti che hanno lavorato alla Certosa di Padula nel 2002: Maurizio Cannavacciuolo - Gianni Caravaggio - Letizia Cariello - Alessandro Diaz de Santillana - Ilaria Drago - Isabella Gherardi - Thorsten Kirchhoff - H. H. Lim - Rosaria Lo Russo - Fabio Mauri - Dorte Meyer - Gian Marco Montesano e Giulia Basel - Tommaso Ottonieri - Luca Pancrazzi - Luca Maria Patella - Mimma e Vettor Pisani - Antonio Rezza e Flavia Mastrella - Lucia Ronchetti - Roberta Silva - Alessandra Vanzi - Lello Voce.

Un'altra sorpresa di questa edizione è "Ortus Artis", la sezione dedicata al paesaggio, che prevede interventi in esterno, nei giardini e negli orti della Certosa. Cinque gli studi di architettura europei invitati a operare nei giardini: Atelier Le Balto (Francia), Victor Beiramar Diniz (Portogallo), Helene Hölzl (Italia), Topotek 1 (Germania), West 8 (Olanda). A loro si deve aggiungere l'intervento dello studio Nip Paysage, vincitore del "Festival des Jardins di Metis" 2002, che ha lavorato nell'area verde antistante la Certosa. Nell'ambito di "Ortus Artis" è prevista anche la realizzazione di un workshop internazionale (7-14 settembre) cui potranno partecipare gruppi di studenti universitari e scuole di paesaggio.

Il progetto "Le opere e i giorni", realizzato grazie al cofinanziamento dell'Unione Europea, intende restituire alla Certosa un ruolo attivo sul territorio ponendo, al tempo stesso, le premesse per la creazione di una raccolta permanente di arte contemporanea a San Lorenzo. Uno dei più importanti complessi monastici dell'Italia Meridionale, fondato nel 1306 da Tommaso Sanseverino, conte di Marsico e signore del Vallo di Diano, e riconosciuto dall'Unesco, cinque anni fa, "patrimonio dell'umanità".

La documentazione della manifestazione è affidata alle fotografie di Giulio Buono Studio Blu (Torino) e a un video di Pappi Corsicato. Il catalogo sarà curato da Achille Bonito Oliva, ma non esiste ancora. Dovendo contenere le opere di tutti gli artisti intervenuti nel triennio, uscirà soltanto al termine del progetto, ossia nel 2004.