Henri de Toulouse-Lautrec

Attività artistica di Henri de Toulouse-Lautrec.
Gli inizi dell'evoluzione artistica di Toulouse-Lautrec

 Henri de Toulouse-Lautrec, "Autoritratto di Henri de Toulouse-Lautrec", 1880, (partic.)Henri de Toulouse-Lautrec manifesta molto presto una grande abilità nel disegno. La passione e le vicende personali trasformano quello che è un semplice hobby in una ragione di vita.
I primi saggi di Toulouse-Lautrec pittore tradiscono un'impronta accademica. Già vi si intravvede però una volontà di liberarsi. La composizione è libera, la pennellata sciolta. Si avverte l'influenza dell'Impressionismo (Un dog-cart 1880).
Il trasferimento a Parigi nel 1881 consente a Toulouse-Lautrec di studiare presso vari atelier. Lo porta anche a contatto diretto con gli impressionisti, di cui riprende l'uso del colore (Adèle de Toulouse-Lautrec (1887).

A Parigi l'incontro più importante è quello con Edgar Degas.
Di Degas Toulouse-Lautrec apprezza lo stile pittorico: il tratto nervoso, il taglio decentrato della composizione. Con lui condivide l'interesse per il mondo dello spettacolo e per le donne. Degas ha anche il merito di aver fatto conoscere a Toulouse-Lautrec le stampe giapponesi.
Dalla grafica giapponese Toulose-Lautrec riprende alcune caratteristiche: il modo di stendere il colore, la bidimensionalità dello spazio, l'uso del contorno.
Gli effetti si possono osservare nelle prime composizioni con ballerine. Un buon esempio è dato da Al Moulin de la Galette (1887). L'opera non ha profondità, ma è impostata sui contorni nervosi e i vivavi guizzi di colore.