Camille Pissarro

Attività artistica di Camille Pissarro.
La maturazione di Pissarro e i primi passi verso l'Impressionismo (1866-71)

 Camille Pissarro, "Paesaggio, Louveciennes", ca 1870, (partic.)Nel 1866 Camille Pissarro si trasferisce stabilmente a Pontoise.
In campagna, a diretto contatto con la natura, lavora "en plein air". Esegue numerosi schizzi, che poi rielabora in atelier.
Le tele raffigurano scorci del paesaggio collinare, i campi coltivati, nascosti avvallamenti con i loro insediamenti abitati.
In queste tele è ancora presente una certa propensione a entrare in comunione con la natura ed esprimere gli stati d'animo che suscita. Ma oramai il legame dell'artista con la scuola di Barbizon tende ad allentarsi. La sua pittura denota il sovrapporsi di nuove componenti.
Da una parte, si avverte l'influenza delle nuove opere di Paul Cézanne, che si caratterizzano per l'impostazione costruttiva della scena. Nei paesaggi di Pissarro questo si traduce in una chiara strutturazione della scena e scansione dei piani: Bords de la Marne en hinver (1866), L'Hermitage à Pontoise (ca 1867), La cote de Jallais, Pontoise (1867).
Dall'altra parte, traspare una visione più oggettiva della natura, che si riflette in una nuova spontaneità della pittura.
Nel 1869 Pissarro si trasferisce a Louveciennes. I suoi contatti con Monet, Renoir e Sisley si fanno più intensi. Ha, così, modo di conoscere anche i loro quadri dedicati a La Grenouillère. Il soggetto delle tele di Pissarro è ancora il paesaggio e la campagna. In esse si ritrovano le stesse caratteristiche emozionali e di organizzazione spaziale, ma con un accentuato interesse per gli effetti atmosferici: Paysage aux environs de Louveciennes (1869), Paysage, Louveciennes (ca 1870).

Dal 1870 Pissarro è a Londra.
Qui si trova a contatto le opere di Constable e Turner e con la particolare atmosfera londinese, fredda e brumosa. Queste visioni imprimono una svolta ai soggetti delle tele, ma ancor più al suo stile. Raffigura vedute urbane. Si interessa ai simboli del progresso e dell'industria (Il Chrystal Palace, 1871). La pennellata diventa più libera e leggera. Il colore è più chiaro e ovattato: Dulwich College (1871).