Gustav Klimt

Attività artistica di Gustav Klimt.
Gli inizi di Klimt (1876-89)

Gustav Klimt, "Fabel (Favola)", 1883, (partic.)La formazione di Gustav Klimt è di impronta sostanzialmente accademica.
Nel 1876 si iscrive alla Kunstgewerbeschule di Vienna, che frequenterà fino al 1883.
Inizialmente dedica molto tempo al disegno. I primi lavori impegnativi sono decorazioni di interni, che realizza perlopiù in collaborazione con il fratello Ernst Klimt e l'amico-collega Franz Matsch.
Le commissioni arrivano inizialmente grazie a un loro docente, Julius Victor Berger. Con l'affaermarsi della loro reputazione aumentano anche gli incarichi.
In questo periodo Klimt lavora ad affreschi o a pitture su grandi pannelli. I soggetti sono di genere storico o simbolico, nel solco della grande tradizione pittorica dell'epoca, personificata da Hans Makart. Stilisticamente le opere si caratterizzano per la precisione della prospettiva, il rigore nel disegno, introduzione di spunti storici e simbolici. Le tinte sono scure e austere.
Nei primi anni lo stile di Klimt assomigliano molto a quello dei colleghi. Del resto, sono tutti e tre poco più che ventenni.
Una evoluzione nel lavoro di Klimt si avverte soprattutto con la decorazione dell'interno del Burgtheater, a Vienna (1886-88). Sia la costruzione dell'opera che la tecnica pittorica si fanno più libere. Gli spunti di carattere storico predominano ancora, ma cominciano a mescolarsi con motivi di carattere simbolico.
In questa trasformazione si legge il desiderio di Klimt di svincolarsi dal perbenismo borghese e dal conservatorismo accademico dominante.