Constantin Brancusi

Attività artistica

Constantin Brancusi è uno dei più importanti scultori del '900.
Nel tessuto dell'arte il suo lavoro si erge in modo autonomo e autorevole per l'originalità e il rigore dello stile, teso alla definizione di una forma essenziale.
La critica ha avuto sempre difficoltà a collocare la figura di Brancusi in un movimento ben determinato. Oggi, insieme a colleghi-amici come Chagall e Modigliani, viene solitamente incasellato nella cosiddetta "École de Paris". È chiaramente una sceltaalquanto neutrale, più che altro di comodo. Ma serve comunque a sottolineare alcuni aspetti della figura di Brancusi:
-  la sua indifferenza nei confronti dei grandi movimenti d'avanguardia,
-  il sostanziale isolamento della sua ricerca,
-  l'importanza dei risultati da lui raggiunti e del suo posto nel clima vitale e cosmopolita della Parigi di inizio secolo.

L'attività di Brancusi si è espressa soprattutto in scultura.
In questo campo i suoi sforzi si sono indirizzati verso un costante processo di semplificazione della forma. Ricercare un forma essenziale che consentisse di sprigionare la tensione e l'energia della materia. Questo è lo scopo alla base di tutte le sue opere più note e non: Maiastra, Uccello nello spazio, Colonna senza fine.
La maturazione delle sue idee e del suo stile così personale avviene in un momento cruciale della storia dell'arte.
Brancusi vive a Parigi, crocevia di innumerevoli apporti culturali. Trae spunto dall'incontro con la scultura negra e la scultura cicladica. Vive a contatto di tanti altri coetanei: Modigliani, Léger, ecc.
In questo contesto Brancusi si rivolge a generi scultorei semplici: la testa, la stele, la cariatide. Lavora con forme solide elementari: l'uovo, la sfera, il cubo i solidi trapezoidali. Sperimenta l'interazione di queste forme con vari tipi di materiali, grezzi e lucidati: pietra, legno, bronzo, ottone, marmo. Ma la sperimentazione tocca anche aspetti più complessi, come la combinazione di elementi diversi, o la moltiplicazione di una forma modulare. Da cui, ad esempio, la sovrapposizione di una forma principale ad un'altra, che funge da suo basamento. Oppure lo sviluppo di opere modulari, come nel caso della Colonna senza fine.

Brancusi non si è occupato soltanto di scultura.
Ha creato oggetti d'arredo e si è occupato anche di fotografia, riproducendo personalmente buona parte delle sue opere.

La ricerca della forma pura ha portato Brancusi a esplorare territori mai toccati.
Il suo stile pulito ed essenziale ha influenzato molti artisti della sua generazione, tra cui Modigliani, Arp e Moore. Ma le forme modulari di certe opere in legno, come la Colonna senza fine, hanno esercitato una grande influenza anche nello sviluppo del minimalismo americano degli anni '60.